[Ancora stretta sulle norme e scatola nera] Film già visto

Anche tu sei stufo di vedere troppi morti sulle strade? Unisciti a noi e facci conoscere le tue idee. La sicurezza stradale è un problema di tutti!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

[Ancora stretta sulle norme e scatola nera] Film già visto

Messaggio da SicurAUTO » 22/08/2008, 10:03

Questa la newsletter che ho inviato sta notte a tutti gli iscritti.

Se alcuni di voi non sono ancora iscritti vi invito a farlo e farlo fare ai vostri amici da questa pagina.

Potete inserire l'indirizzo email di vostri amici e loro riceveranno un link da confermare.

Cari lettori,
proprio ieri leggevo le newsletter che vi ho scritto alcuni anni fa e mi sono accorto che, nonostante siano passati anni, i problemi e le "soluzioni" restano sempre uguali.

Le stragi continuano ad esserci, le gente continua a non indossare le cinture di sicurezza (specie dietro, dove sono obbligatorie da anni!), i bambini viaggiano senza un minimo di sicurezza, etc.

Poi se ci aggiungiamo che, negl'ultimi anni, il consumo di alcol e droghe è sempre più aumentato, ecco che la frittata è fatta!

Come spesso accade verso luglio e agosto i vari Governi si svegliano. Si parla di nuove norme più severe, sanzioni più salate... ma non erano già state inasprite dal ex Ministro Bianchi a fine 2007 e dal nuovo Governo nella scorsa Finanziaria? Boh!?

Ogni sei mesi si inaspriscono le norme e via, tanto costa poco. Poi però i controlli dove sono? Un merito dell'ex Ministro Bianchi è stato quello di portare i controlli con l'etilometro a 500.000 in un anno (quasi raddoppiati), ponendosi l'obiettivo di 2 milioni entro il 2009, come confermato oggi.

Poi, non so se ci avete fatto caso, ogni tanto torna la solita storiella della scatola nera che viene sempre proposta ma mai realizzata. Ok ci sono problemi non indifferenti, perché bisogna coinvolgere le case automobilistiche che, se devono montarla di serie, devono essere autorizzate anche dalla Comunità Europea (per il discorso dell'omologazione). Allora perché non stipulare qualche convenzione con le compagnie assicurative?

Ad essere sinceri un progetto in tal senso c'è e risale al 2001 e si chiama "Check Box".
7 milioni di Euro i soldi investiti dallo Stato e varie le compagnie coinvolte. 17.100 i sistemi installati e uno il sito dedicato. Le installazioni sono iniziate nel 2006 se non sbaglio, tuttavia non conosco nessun risultato ancora disponibile. Tante compagnie adesso mettono a disposizione dei propri clienti questa scatola nera (al link la proposta Linear) dando uno sconto medio del 20% sull'RCA e del 50% su incendio e furto. Ecco quindi che anche l'opportunità per risparmiare sull'assicurazione c'è. Quindi siate voi stessi ad investire in sicurezza!

Personalmente io sono a favore di questa soluzione e non capisco chi grida allo scandalo tirando in ballo la privacy. Ma io me ne frego della privacy quando in ballo c'è la mia vita e quella dei miei cari! Basta con questo garantismo inutile, la responsabilizzazione delle persone non ha funzionato e difficilmente funzionerà a breve (forse tra 5 anni) se sono le stesse famiglie (non il 100% ovviamente) che non danno il giusto esempio ai propri figli (non mi stancherò MAI di ripeterlo).

Quindi la scatola nera può essere un deterrente perché se provochi un incidente questa volta non potrai dire "ma io andavo entro i limiti" e poi magari era a 80 km/h in città. Come può esserci d'aiuto al contrario se qualcuno ci accusa di cose non vere.

Se non vogliamo guidare più nelle strade più insicure di tutta Europa è arrivato il momento di rinunciare a qualcosa.

Speriamo poi che questi famosi 50% dei proventi delle multe finiscano DAVVERO a favore della sicurezza stradale e non a sanare i debiti dei Comuni, sempre peggio amministrati...

Buone vacanze sicure a tutti e siate, almeno voi, da buon esempio per gl'altri.

Claudio Cangialosi Responsabile Sicurauto.it
Attendo i vostri commenti/pareri :wink:
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: [Ancora stretta sulle norme e scatola nera] Film già visto

Messaggio da SicurAUTO » 22/08/2008, 10:20

Questo un commento inviatomi, via mail, da un lettore questa notte.
Sig Cangialosi buona sera: mi chiamo Luca Valden***i e Le scrivo da Novi Ligure.
(la mail che è qui sotto riportata è quella di mia moglie)

Volevo, non controbattere quello che Lei ha scritto, ma dare alcune informazioni che mi sembra doveroso puntualizzare:

1° In riferimento alle aumentate stragi sulle strade, ed io facendo manutenzioni industriali su largo raggio, passo molto tempo in viaggio, bisogna precisare, che intanto purtroppo la maggior parte sono giovani, inesperti (mi passi il termine) alla guida, molto spesso neo patentati, con macchine di grossa cilindrata e/o potenza: se non mi sbaglio, l'allora ministro Ferri aveva imposto che se non si avevano tre anni di patente, non si potessero guidare mezzi oltre una certa potenza. Vero è che però le varie case automobilistiche, non venderebbero più macchine, e quindi...meglio qualche morto in più e milioni di auto vendute in più.
Oltretutto anche gli esami sono ridicoli: io vedo che da quando ho preso la patente io, 20 anni or sono ad oggi, le scuole guida di Novi fanno sempre gli stessi percorsi cittadini, quelli dell'esame, poi però esistono anche le strade extraurbane, le autostrade, dove cambia tutto. Ma su quelle non si guida per l'esame.
Il problema droghe e alcool, andrebbe verificato prima dell'entrata nei locali, perchè la colpa non è dei locali se la gente beve: se Lei potesse perquisire 10 ragazzi che entrano in discoteca, almeno la metà ha già bevuto prima di entrare, ed ha in tasca qualcosa.
Il locale è solo una tappa del loro percorso serale, dove complice anche la musica assordante, (musica si fa per dire), arrivano al rincoglionimento totale ( mi passi il termine) e poi quando escono, purtroppo... lo leggiamo sui giornali ogni lunedì mattina.

2° Le cinture di sicurezza, certo servono e molto, ma non è facendo multe che la gente le mette. le multe servono solo per rimpinguare le casse statali.

3° La scatola nera: bella invenzione: io ero un assicurato Unipol, ed avevo una scatola nera, che come ha detto Lei oltre a garantirmi sicurezza e verità, mi riduceva il premio.
Poi un giorno mi sono guardato in giro, nelle altre compagnie, ed ho scoperto che la Ras era meno cara della Unipol, quasi uguale alla prima con la scatola nera, ma senza l'obbligo di averla per pagare il giusto.
Le lascio immaginare il finale.
La scatola nera, dovrebbe essere installata sulle auto dalle compagnie assicurative, non con il miraggio del risparmio, anche perchè senza scatola nera allora vuol dire che mi freghi dei soldi, ma d'ufficio, per la nostra , ma anche per la loro tutela.

4°Un'altra cosa: lo stato emana leggi, inasprisce quelle che già ci sono, ma poi, se come avviene per la polizia, non ha i soldi per la benzina delle pattuglie, come fa a garantire di applicare quello che legifera?

5° L'ultima e poi la saluto: lo stato va bene che emani delle leggi a controllo del sistema, ma dovrebbe anche poi però essere consapevole che valgono anche nei suoi stessi confronti: 6 anni or sono, a causa di problemi grossi, non segnalati, del manto stradale, ho perso il controllo del mio mezzo, facendo un frontale con un camion, uscendone fortunatamente illeso ( avevo le cinture) ma ho buttato via il mezzo.
I rilievi ed il verbale della stradale intervenuti erano a mio favore.

Visto che esiste un articolo del codice che narra che l'ente proprietario è tenuto a mantenere la strada priva di insidie ai terzi, o almeno a segnalarle, e ciò non è avvenuto, com'è che dopo 6 anni di causa, mi sono sentito dire che il mio collega, anche lui sul mezzo con me, e la pattuglia intervenuta non erano testimoni inerenti il caso, e perdere la causa con motivazione che non avevo presentato prove a mio favore ? Com'è che durante le varie udienze, un giorno nel pezzo di strada incriminato ( 50 mt in tutto) è magicamente apparsa una striscia di asfalto nuovo( solo lì eh) e tutto è stato nascosto ?

A me sta bene che lo stato mi controlli se vado forte, se sono ubriaco, se non rispetto le prescrizioni del codice, ma lo stesso deve avvenire dall'altra parte, e quando lo stato sbaglia, deve pagare, così come dobbiamo fare noi.

P.S.: a proposito, ma se un poliziotto in servizio di pattuglia, parla al cellulare( e di solito sono in due, quindi se fosse per servizio lo potrebbe fare il collega che non guida) non è rischioso per loro e per noi al pari di quando lo facciamo noi comuni cittadini ? Ah, dimenticavo, loro sono lo stato, e quindi tutto è lecito.

Grazie molte per il tempo dedicatomi, e mi scuso se sono stato un pò prolisso e polemico, ma penso di aver messo il dito in parecchie piaghe del sistema.
Grazie e buona sera.
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: [Ancora stretta sulle norme e scatola nera] Film già visto

Messaggio da SicurAUTO » 22/08/2008, 10:29

Rispondo pubblicamente in modo da poter, eventualmente, aprire un dibattito sul tema.

Gentile lettore quanto da lei scritto è verissimo, la situazione è critica in più parti.

Voglio solo chiarire qualche punto:
2° Le cinture di sicurezza, certo servono e molto, ma non è facendo multe che la gente le mette. le multe servono solo per rimpinguare le casse statali.
Io ritengo che questa sia una delle poche multe VALIDE e GIUSTE. Dopotutto l'educazione si fa anche con le "punizioni", lei che è genitore potrà confermare. E' ovvio che le sole punizioni non servono a nulla, tuttavia non si può fare educazione stradale di base a 30.000.000 di persone! :-[

Io invece abolirei quasi del tutto quelle per le zone blu, ecopass, etc... quelle si che fanno cassa. :giu

Il vero business si fa qui e nel mancato possesso dei documenti di circolazione. Lo sapevate che 1/3 degli introiti dei comuni (circa 1 miliardo di €uro :ooh) viene ricavato dalle multe per l'Art. 180-181 Possesso dei documenti della circolazione?! Incredibile :(

Fonte?! Eccola qui

Anzi appena posso ci devo fare un articolo su questo report...
La scatola nera, dovrebbe essere installata sulle auto dalle compagnie assicurative, non con il miraggio del risparmio, anche perchè senza scatola nera allora vuol dire che mi freghi dei soldi, ma d'ufficio, per la nostra , ma anche per la loro tutela.
Non è vero che senza scatola rubano i soldi (anche se cmq sono troppo care le RCA...) ma loro rinunciano ad una parte del guadagno sapendo che chi ha la scatola nera ha un deterrente attivo e poi si riesce ad evitare le truffe (incidenti falsi, fatti a bassa velocità ma con danni dichiarati elevati, etc...). Non ci scordiamo che le truffe ai danni delle assicurazioni aumentano sempre più e il costo medio per sinistro pure... Ovviamente non voglio giustificare nessuno visto che fanno utili da paura, però era per completezza.
4°Un'altra cosa: lo stato emana leggi, inasprisce quelle che già ci sono, ma poi, se come avviene per la polizia, non ha i soldi per la benzina delle pattuglie, come fa a garantire di applicare quello che legifera?
Come dicevo io, le leggi costano poco ma poi che le fa applicare? Ecco una recente testimonianza...
5° L'ultima e poi la saluto: lo stato va bene che emani delle leggi a controllo del sistema, ma dovrebbe anche poi però essere consapevole che valgono anche nei suoi stessi confronti
Concordo in pieno con quello che dice, lo Stato ci chiede di essere buoni, bravi, etc... :blabla e poi spesso è il primo, tramite i suoi rappresentanti, ad infrangere numerose leggi. Quello che lei racconta è da sconcerto. Spero che lei abbia fatto ricorso e che possa far valere i suoi diritti. :grr :x

La saluto e grazie per la sua partecipazione :)
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: [Ancora stretta sulle norme e scatola nera] Film già visto

Messaggio da SicurAUTO » 24/08/2008, 12:07

Un altro lettore, che forse ci conosce poco ahimè, mi ha scritto ieri.

Ecco la sua replica.
Ma quando la finite di continuare a chiedere limitazione per gli automoblisti? Questa e' una strada sbagliata.

Le statistche sono fatte male. Avete mai considerato che chi provoca incidenti gravi per alcool e' sempre un ubriaco fradicio e non uno che ha superato di poco il limite imposto dalla legge? E allora vi pare giusto che ad ogni nuovo incidente causato da un ubriaco fradicio si debba diminuire ulteriormente un limite che e' gia' bassissimo il cui superamento anche del doppio non e' mai causa di incidenti gravi?

Potete dimostrare esaminando gli incidenti gravi che sono stati provocati da chi aveva appena superato di poco gli attuali limiti? E quale certezza avete che se quell'individuo invece di un bicchiere di vino ne avesse bevuto uno di acqua, non avrebbe fatto danni?

In italia siamo solo abituati a limitare la liberta' di quelli che ubbidiscono alle leggi, senza considerare che i pazzi rimarranno tali anche se i limiti saranno ridotti a zero !

Finitela di cercare di ridurre i morti sulle strade perche' sareste capaci perfino di abolire le auto che e' prima di tutto uno strumento di lavoro, mentre nessuno si preoccupa con la stessa attenzione di far smettere di fumare ai fumatori che lo fanno per puro diletto; se la scatola nera la inventaste per loro, si salverebbero ben piu' vite umane !! Dovreste sapere infatti che i morti per fumo sono oltre venti volte quelli per incidenti stradali.

Rispondetemi se avete argomenti. Vi saluta franco
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: [Ancora stretta sulle norme e scatola nera] Film già visto

Messaggio da SicurAUTO » 24/08/2008, 12:16

Ma quando la finite di continuare a chiedere limitazione per gli automoblisti? Questa e' una strada sbagliata.
Mai chieste limitazioni... solo più controllo. Avere una scatola nera che controlla ciò che faccio per me non è un qualcosa che mi crea fastidio, anzi la ritengo utile nel caso qualcuno voglia fregarmi in caso di incidente...
Le statistche sono fatte male. Avete mai considerato che chi provoca incidenti gravi per alcool e' sempre un ubriaco fradicio e non uno che ha superato di poco il limite imposto dalla legge? E allora vi pare giusto che ad ogni nuovo incidente causato da un ubriaco fradicio si debba diminuire ulteriormente un limite che e' gia' bassissimo il cui superamento anche del doppio non e' mai causa di incidenti gravi?
Questa è la stessa idea che noi di Sicurauto.it abbiamo SEMPRE avuto, mi spiace che lei non ci abbia seguito con assiduità.

Personalmente ho sempre detto che andrebbe fatta una REVISIONE totale dei limiti di velocità che sono RIDICOLI ed INUTILI. Eliminerei per prima cosa i limiti sotto i 50 Km/h che sono irreali. Poi, in alcuni tratti, innalzerei pure i limiti attuali ma solo in tratti con autovelox (meglio Tutor) e chi sgarra paga!
Potete dimostrare esaminando gli incidenti gravi che sono stati provocati da chi aveva appena superato di poco gli attuali limiti? E quale certezza avete che se quell'individuo invece di un bicchiere di vino ne avesse bevuto uno di acqua, non avrebbe fatto danni?
No e lo abbiamo più volte detto anche noi.
Finitela di cercare di ridurre i morti sulle strade perche' sareste capaci perfino di abolire le auto che e' prima di tutto uno strumento di lavoro
Questa sua frase mi spiace parecchio perchè la nostra filosofia è TOTALMENTE diversa. Personalmente guido la mia auto con una guida che io definisco "dinamica" e non sono uno che rispetta sempre i limiti, ma sono capace di adeguare la mia guida in base alle REALI condizioni del traffico.

Penso che lei, ahimè, abbia preso una bella cantonata. Noi non siamo un'associazione di vittime della strada ma di persone comuni che però ritengono che la patente NON SIA UN DIRITTO MA UN QUALCOSA CHE BISOGNA MERITARE.
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
Federico Autotecnica
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 6289
Iscritto il: 06/12/2005, 22:30
Località: Brescia
Contatta:

Re: [Ancora stretta sulle norme e scatola nera] Film già visto

Messaggio da Federico Autotecnica » 24/08/2008, 13:45

Concordo pienamente che i limiti di 50 km/h sono out....
noto però con piacere che viaggiare in autostrada vedi A4 Milano Venezia a 130/138 km/h è diventato piacevole anche con traffico intenso.....i limiti grazie ai Tutor e alle rilevazioni sono quasi sempre rispettati....il viaggio è diventato veramente più tranquillo e piacevole.
Sono certo che il limite autostradale sia corretto !!! mi spiace per chi in autostrada passa parecchie ore, ma la sicurezza sua e altrui è decisamente più preziosa dei 10/20 min risparmiati in velocità.

Le cinture di sicurezza:
Sono sempre maggiori le volte che percorrendo tangenziali e superstrade incontro bambini che mi salutano o che saltano sui sedili posteriori....non capisco come un genitore possa permetterlo !!! posso solo augurargli di non dover mai piangere sulla salma o sulle ferite del suo piccolo....avrebbe la vita rovinata dal rimorso.
Poi certo gli incidenti sono sempre in agguato, ma cercare di proteggere i propri bimbi è un DOVERE.
Genitori obbligate i vostri piccoli a indossare le cinture !!! fissate con cura i seggiolini portabimbi !!!
Pochi giorni fà vedevo un servizio su Italia uno "ferragosto in città" la truppe era su un ambulanza, corsa in soccorso di un incidente...giunti sul posto hanno trovato una bimba di 4 anni morta perchè sbalzata dalla vettura....i genitori chini sul corpicino in un mare di pianto...
ALLACCIATE I BIMBI E VOI STESSI CHE E' MEGLIO....

Claudio poi sai io come la penso ....
gomme, freni sempre in perfetta efficenza...sono i salvavita
sistemi di sicurezza in perfette condizioni, poi viene il resto....
Anche se sei il numero uno alla guida, chi ti precede o chi ti segue potrebbe essere una mina vagante.


Le statistiche fatte male ?
certo che il fumo uccide, ma certo non sarà un sito che si occupa di sicurezza stradale ad interessarsene....
noi abbiamo modo di informare ed aiutare gli automobilisti, e cerchiamo di farlo al meglio....
se poi riusciamo anche a salvare qualche vita...credo che l'iniziativa sia lodevole....

Un saluto Fede :ciao
Federico alias "FEDELELLA" - Professione: Autoriparatore
AUTOTECNICA BRESCIA l'officina ufficiale di SicurAUTO.it :ok

MTB BRESCIA

Avatar utente
ottobre_rosso
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11079
Iscritto il: 25/05/2006, 0:01
Nome: Daniele
Località: La terra della cassoeula!!!
Contatta:

Re: [Ancora stretta sulle norme e scatola nera] Film già visto

Messaggio da ottobre_rosso » 25/08/2008, 10:35

Quando penso alla sicurezza stradale del nostro paese (parlo dell'Italia perche' all'estero ci sono stato poco) mi vengono in mente tanti elementi:

  • silenzio dinnanzi i propri interessi

    Com'e' gia' stato detto, cosa puo' valere di piu' della propria sicurezza? la privacy? la paura che la moglie venga a scoprire che quando sono stato tamponato ero nei pressi di un motel piuttosto che in ufficio? ci sono momenti in cui occorre mettere sul piatto della bilancia i fattori che possono influenzare in maniera piu' o meno determinante la nostra vita, e operare una scelta: io, personalmente, me ne frego della privacy e se potessi farei mettere la scatola nera, oppure (se fosse possibile e credo che lo sia) farei monitorare la mia auto via GPS: tragitto velocita' media e massima, manovre. Se una persona non ha nulla da nascondere non vedo cos'abbia da reclamare per la privacy
  • Omerta'

    Piu' volte ci capita di assistere a situazioni paradossali, a prescindere dal fatto che abbiano un fine tragico o comico, eppure non denunciamo nulla. Basterebbe che certi contesti venissero alla luce per far si' che le istituzioni preposte si sentissero "costrette" ad intervenire, ed invece...
    Piu' volte mi metto a "ridere" quando in tv vedo certe situazioni trattate da trasmissioni come "Striscia la notizia" e mai da altre
  • Speculazione

    E' evidente come certe soluzioni vengano adottate per fini secondari: limiti di velocita' assurdi, tempi del semaforo giallo ambigui (e non corretti nonostante ripetute segnalazioni!!!), pene economiche che favoriscono i piu' ricchi (basti pensare al fatto che ad un "cumenda" non gli e ne frega una benemerita mazza se non comunica i dati del conducente e paga di piu')
  • Controlli e pene inadeguate

    Da un lato agenti "pigri" (non e' mia intenzione di farne di tutta l'erba un fascio!), dall'altro mancanza di personale, mezzi e materia per il regolare svolgimento delle loro funzioni, ci ritroviamo per le strade degli idioti che fanno scorribande a tutta velocita', parcheggiano dove vogliono, abusano della pazienza altrui.
    Le pene? stendiamo un velo pietoso: leggo "ammenda che va' da xxx a yyy" e mi chiedo " ma che cavolo significa?" che se sto' simpatico al giudice becco 500€ di multa altrimenti 3000? oppure si parla di arresto di tot mesi, poi si scopre che il "condannato' e' fuori a piede libero, vuoi per indulto, vuoi per patteggiamento.
    C'e' troppa incoerenza con cio' che si scrive e cio' che si attua ("sei solo chiacchiere e distintivo" direbbe qualcuno...)
    Tempo fa', in televisione, vidi un'intervista dove un immigato criminale, alla domanda "ma voi perche' venite in Italia a commettere reati vari?", lui, semplicemente e quasi in tono irriverente, rispose "perche' la Polizia del mio paese ci fa' male, qui' la giustizia ci tratta bene..." E' chiaro che il termine giustizia va' inteso su tutti i fronti, non solo prostituzione o spaccio di droga, ma anche guida in stato di ebbrezza, o sotto l'uso di stupefacenti, oppure eccesso di velocita' (e parlo di andare a 90km/h in centro urbano). E le condanne? dove sono?
  • Pigrizia e falsa ottusita'

    Piu' volte mi chiedo se, noi italiani, siamo ottusi oppure pigri: bambini e adulti (la maggior parte anziani che pensano di guidare ancora ai tempi del "Carlo Cudiga") senza cinture allacciate, guidatori menefreghisti col cellulare, altri che incontrano l'amico e si fermano in mezzo alla carreggiata, senza preoccuparsi di accostare il piu' possibile a dx e mettere le 4 freccie, quando 10 mt piu' avanti c'e' un parcheggio. C'e troppa pigrizia e arroganza in noi: forse pensiamo "tanto non accadra' mai a me'", oppure " che mi beccano...".
Basterebbe poco: pene piu' severe e, soprattutto, applicate, e che colpiscano in maniera proporzionale qualsiasi fascia economica; maggiori controlli; piu' severita' e serieta' nei controlli; piu' buonsenso e meno egoismo da parte nostrag.

Mi viene in mente un episodio, quando, qualche anno fa', andai a vedere una casa con mio zio, e lui, notando alcuni difetti di costruzione, li fece presente al costruttore il quale disse che era normale commettere degli errori, al che' mio rispose: "un momento: un discorso e' commettere degli errori involontariamente, un altro e' sapere di stare per commetterli e non far nulla per evitarli".
Ora io mi chiedo: le istituzioni preposte per la Sicurezza Stradale non possono (o non riescono) ad intervenire, o non vogliono?

saluti,

ottobre_rosso
Il denaro fa ricco l'uomo... l'educazione lo rende signore!

rfabri
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 7
Iscritto il: 20/04/2008, 9:52

Re: [Ancora stretta sulle norme e scatola nera] Film già visto

Messaggio da rfabri » 27/08/2008, 23:00

Ciao a tutti è il mio primo messaggio ma è da molto che seguo il forum,vorrei dire su esperienza provata una cosa molto delicata ma efficaccissima ve lo garantisco al 1000/100.
Inasprire le pene, alzare le multe,togliere punti e quantaltro si possa inventare solo per ingrassare le tasche del governo ma distogliere dal vero problema e pericolo,di chi guida senza rispettare il codice della strada.
Purtroppo ve lo dico perchè ci sono passato se si vuole imparare o capire di come si guida c'è solo un metodo,senza multe o comunque minime solo spese cartacce pocchi euro,ad ogni infrazione grave RITIRO PATENTE DI MESI ,se gravissimo o tipo guida in stato di ebrezza RITIRO PATENTE A VITA,funziona!
Pensate che non potete più sistemare con pocchi o molti euro il vostro torto ,pensate che avete solo una possibilita.
Credo che in molti anzi moltissimi si darebbero una calmata.
Piccolo problema sicome il sistema funzionerebbe a meraviglia almeno per un paio di anni tanto per educare più autisti possibile ,crolerebbe un casino di affari naturalmente si parla di soldi che girano ,più auto si rompono più se ne rivendono,più infortuni e morti più spese sanitarie,forse anche meno patenti e tutto quello che puo girare atorno al mondo delle ruote ecc ecc.
Naturalmente questo nessuno organo preposto a controllare queste straggi lo vorrebbe,anche perche è gia quello che fanno,parlano parlano parlano,mentre i morti feriti e invalidi della strada aumentano,ricordate a mali estremi estremi rimedi,
e stiamo parlando di vite umane ,decine centinaia di famiglie distrutte e molto altro che non vi auguro nemeno di provare per un solo minuto,ciao a tutti,BYE.

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: [Ancora stretta sulle norme e scatola nera] Film già visto

Messaggio da SicurAUTO » 28/08/2008, 12:33

Ciao e :welcome:

Quello che proponi non è male, però bisogna vedere che infrazioni fai... quelle gravi quasi tutte prevedono il ritiro già.

E' vero che le persone per "educarsi" devono ricevere batoste forti... anche se i recidivi ci sono ovunque.

Io non smetterò MAI di dire che la colpa principale ce l'ha la famiglia che non è un luogo di educazione stradale VERA.

Gli italiani si fanno la bocca larga con "più controlli", "più agenti" e poi se vengono fermati si lagnano o, peggio ancora, reagiscono male. La speranza siamo noi giovani :) :P
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
Fustino83
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1629
Iscritto il: 19/02/2006, 16:58
Località: Genova

Re: [Ancora stretta sulle norme e scatola nera] Film già visto

Messaggio da Fustino83 » 28/08/2008, 14:01

Non sono riuscito a leggere tutto di tutti i post, cmq:

Ho appena fatto il viaggio Genova - Vodice (Croazia) per le vacanze, 1000 km andata e altrettanti ritorno, siamo partiti di notte per le 22:30 per evitare problemi di traffico ecc ecc, a destinazione dopo 12 ore circa.
Resoconto: il manto stradale era tenuto diciamo bene, nel viaggio di andata sotto un diluvio torrenziale si riduceva la visibilità a pochissimi metri nei tratti di asfalto NON drenante, che a pezzi apparivano quà e là, era difficile quasi capire dove era la strada, sarebbe il caso di renderle più visibili tramite catarifrangenti o cose simili. Al ritorno con l'asciutto invece tutto rego.
Ho notato come ci sono sempre i lavori che restringono la carreggiata a due corsie strette nell'avvicinarsi a Milano, lavori che non so da quanti anni siano presenti (ovviamente senza nessuno che ci lavorava).
Come diceva, mi sembra Fedelella, il tratto Milano Venezia è un piacere, tre corsie e a tratti anche più, molto dritta, velocità controllata e stabilizzata perfetta a 130, viaggio rilassato e rapido.
Tratto dalle parti di Trieste, che in realtà è una statale credo, ecco li i limiti sono assurdi, come detto noi siamo transitati lì a notte inoltrata quindi non so di giorno le condizioni, cmq i limiti erano 80 km/h nella corsia più a sinistra, 60 in quella centrale e via discorrendo, il tratto è a 3 e a volte 4 corsie. Per tenere gli 80 in una strada del genere semi deserta ci vuole un enorme spirito di rispetto delle leggi, perlomeno se fosse aumentato a 100 la prima a sinistra e 80 la seconda sarebbe già più rispettabile. Aggiunta: Così cosa succedeva che quelle poche auto che erano in circolazione stavano tutte sulla corsia più a sinistra incolonnate per potere avere un margine più alto (visto gli 80 km/h rispetto ai 60 della corsia subito a destra) lasciando tutte le altre 2 o tre corsie vuote creando non pochi problemi anche a eventuali mezzi che si inserivano dagli ingressi intermedi che non sapevano se entrare anche loro nella corsia degli 80 cercando qualche buco libero, oppure rimanere nelle altre violando il limite superandolo 10 20 o 30 km/h. Devo dire che anche io mi sono trovato in difficoltà inizialmente non capendo bene come come funzionasse la circolazione in quella strada e come comportarmi di conseguenza.
Poi come detto non so le condizioni di giorno, cmq sia visto che i cartelli erano cartelli luminosi digitali penso che sia anche saggio e semplice, adeguare il limite alle condizioni del traffico, aumentandolo la notte.
La situazione croata invece direi buona autostrade nuove, anzi ancora in costruzione in alcuni tratti, gallerie ben illuminate e cartelli per la maggiorparte luminosi ben visibili.

Ultimo dato: pattuglie incontrate di qualsiasi forza dell'ordine 0 su 1000km andata e 1000 di ritorno, se non consideriamo una volante che era a tutela di una carico speciale su di un camion.

Tutto questo per dire cosa, che ci sono alti e bassi, alcune punti sono perfetti e c'è ben poco da trovare alibi per comportamenti scorretti, mentre altri sono più scadenti e direi anche pericolosi, le responsabilità coinvolgono quindi tutti sia gli automobilisti che le società autostrade, che la totale mancanza di controlli, responsabilità quest'ultima che è al 90 % politica.


per la storia della scatola nera: la ritengo utile per appunto capire meglio la dinamica degli incidenti o per avere maggiori prove a proprio favore se si è nel giusto, è uno strumento però che lavora a posteriori di un fatto e quindi credo abbia un effetto limitato sulla prevenzione incidenti. Come sostengo da tempo ritengo più utile (da affiancare anche alla scatola nera)un sistema automatico di limitazione della velocità massima che si attiva con comandi radio una volta entrati in autostrada o ovunque si voglia metterli. (poi se limitare a 130 o un poco sopra per agevolare i sorpassi ecc ecc, sono sottigliezze tecniche che si potranno valutare in fase di progettazione.) In questo modo sia che tu abbia una Ferrari o una Duna andrai al massimo alla medesima velocità.
Salud - Daniele

Immagine

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti