[Apertura airbag frontali per urto non violento] che fare?

Hai dubbi o perplessità riguardo a qualche sistema di sicurezza? Faremo di tutto per aiutarti! In più alcuni approfondimenti tecnici

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
tralif
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 1
Iscritto il: 25/02/2010, 15:14

[Apertura airbag frontali per urto non violento] che fare?

Messaggio da tralif » 25/02/2010, 15:51

Buongiorno.

Qualche giorno fa la mia auto (ford Focus TDci del 2007) ha subito un incidente, fortunatamente senza conseguenze per le persone:
a causa del fondo viscido (in una strada molto sporca abitualmente percorsa da mezzi pesanti) il conducente ha perso il controllo dell'auto (una scalata in una curva stertta) e dopo un po di pendolo ha urtato con la ruota anteriore destra un piccolo muretto ( alto come un marciapiede, diciamo una 20ina di cm) finendo in testacoda.

l'impatto ha provocato un danno alla sospensione (stranamente non alla gomma ed al cerchione) e praticamente la rottura del paraurti anteriore, senza coinvolgere altre parti di carrozzeria, come ad esempio fari o ferndinebbia che sono rimasti intatti e funzionanti).

il guaio e' che nell'impatto si sono aperti entrambi gli airbag (anche se non c'era nessuno nel sedile del passeggero!) e proprio l'airbag del passeggero ha anche provocato la rottura del parabrezza.

il conducente non ha riportato ovviamente nessun danno in quanto l'urto non e' stato tale da proiettarlo in avanti ed, a parte il grande spavento ed il rischio corso per il testacoda in una strada trafficata da mezzi pesanti, non ci sono state conseguenze

Il danno sull'autovettura pero e' risultato ingente soprattutto in virtu della spesa che sara necessaria per ripristinare gli airbag e sostituire il parabrezza:
la parte meccanica, a parte il danneggiamento del semiasse, ha il suo maggior danno nella pompa dell'idroguida posizionata proprio davanti alla ruota e che si e' "sfilettata" rendendone impossibile la riparazione, ma la voce di spesa piu alta, a detta del preventivo del carrozziere, e' comunque dato dagli airbag.


Posto che son comunque consolato dal fatto che l'incidente non ha avuto ripercussioni resto sorpreso dal fatto che per un urto non cosi violento si siano attivati gli airbag.. e trovo ancor piu "demenziale" che si sia attivato anche quello del passeggero:
Visto il costo dell'airbag (e del parabrezza!) ed il sensore di peso che la mia auto evidentemente ha, dato che il cicalino della cintura di sicurezza suona solo se c'e qualcuno di peso sufficiente seduto a fianco) trovo che questa apertura sia decisamente fuori luogo (oltre pericolosa.. perche' se non s'indossa la cintura l'airbag e' potenzialmente piu dannoso che utile a mio modo di vedere).

Essendo l'auto ancora in garanzia (per estensione della garanzia a 4 anni) ho chiamato sia il mio concessionario che ford italia per avere lumi sull'apertura dell'airbag lato passeggero (posto che ritengo inappropriata l'apertura degli airbag a fronte dell'urto) ed ovviamente ho ricevuto un 2 di picche, nel senso che la loro versione sostiene che gli airbag si aprono sempre entrambi (cosa possibile, ma vorrei che esistesse qualcuno che lo sappia e no lo deduca)

cio detto (scusate la lungaggine) e' consigliabile procedere in qualche modo?

- e' lecito sostenere (come ho letto nell'interessantissimo articolo sugli airbag difettosi) che, nel mio caso, l'apertura degli airbag e' stata inappropriata e che il loro ripristino e' un costo che non avrei dovuto sostenere?

- e' altresi lecito sostenere che l'apertura dell'airbag lato passeggero e' stata inutile e che non doveva avvenire ( motivo per cui io non avrei dovuto riparare parabrezza e cambiare l'intera plancia dell'auto con i costi che si possono ben immaginare)?

- Nel caso una delle due questione fosse sostenibile, a chi dovrei rivolgermi?

Un saluto e Grazie
---
Nicola

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: [Apertura airbag frontali per urto non violento] che fare?

Messaggio da SicurAUTO » 07/03/2010, 21:42

Salve,
il nostro esperto ha scritto già da tempo la risposta al tuo caso solo che ancora non è stata pubblicata per un disguido.

Brupel dovrebbe risponderti al più presto :welcome:
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: [Apertura airbag frontali per urto non violento] che fare?

Messaggio da SicurAUTO » 08/03/2010, 17:33

La risposta del nostro esperto Bruno Pellegrini.
Anzitutto complimenti a Nicola per la sua chiara esposizione dell'accaduto e dei suoi legittimi dubbi.
Il caso è molto interessante e per completezza, chiediamo a Nicola di inviarci qualche foto delle parti danneggiate.

Andiamo per ordine:
_ La sospensione ant. dx. ed il semiasse risultano danneggiati: ciò significa che l'urto sul basso muretto ha comportato un valore di decelerazione sufficiente a far attivare gli airbag frontali. Infatti, sui manuali di istruzioni di molte vetture è riportato che determinati urti sulle ruote o sulle sospensioni, possono attivare gli airbag (talvolta basta una grossa buca o un dosso di rallentamento presi a 40 km/h). Ovviamente, in questi casi, quasi mai vi sono conseguenze fisiche per gli occupanti ma il danno economico è rilevante.

Questo accade poichè i costruttori adottano, specie per vetture piccole e medie, valori di soglia di attivazione airbag relativamente bassi per motivi prudenziali. Tali valori, peraltro, non vengono mai dichiarati dalle Case.
Si sono verificati, nel caso della Fiat 500, vari casi di attivazione airbag frontali a seguito di urti/tamponamenti di modesta entità con lievissimi danni di carrozzeria.

Alcuni clienti hanno segnalato l'accaduto e la Fiat ha preso a suo carico il costo di ripristino degli airbag , riconoscendo quanto meno una certa responsabilità morale.

Dalle prime informazioni assunte, non risulta che la Focus abbia l'airbag frontale passeggero disattivabile, a meno che non venga montato un kit di disattivazione in after market. Se fossero presenti dispositivi o sensori di disattivazione, sarebbero menzionati nel libretto di istruzioni del veicolo.

Purtroppo, la rottura del parabrezza a seguito di attivazione airbag frontale passeggero, è un evento molto frequente su svariati tipi di auto: ciò accade per l'urto violento del coperchio di protezione sul vetro parabrezza. Volendo, si potrebbe ovviare a tale inconveniente con una diversa conformazione del vano airbag e del cruscotto (problemi di costi?). Indubbiamente un costo aggiuntivo per il cliente in nome della sicurezza.

Per rispondere al suo quesito finale, possiamo senz'altro catalogare il caso in questione come "attivazione inopportuna ed inutile degli airbag". L'airbag lato passeggero disattivabile avrebbe quanto meno limitato il danno.

D'altra parte, tale ampia casistica è bilanciata da quella opposta, cioè gli airbag che non si attivano quando dovrebbero. Si può quindi affermare che, allo stato dell'arte, i sistemi airbag sono ben lontani dall'essere perfetti ed infallibili.

Infatti, quasi tutte le Case automobilistiche, da quando esistono gli airbag, hanno effettuato a più riprese "richiami" su tali componenti. Ma i richiami vengono effettuati quando il "bubbone" è già scoppiato.

Sull'argomento le Case costruttrici mostrano scarsa sensibilità e trasparenza, non ammettendo (salvo rare eccezioni) nè incongruenze funzionali (tarature del sistema soggettive e penalizzanti, anomalie varie), nè responsabilità di qualsiasi tipo. Ne consegue che il contenzioso sui casi airbag è molto frequente e diffuso.

Come è noto, in Italia non vi sono molte strade percorribili per il cliente- consumatore in cerca di rivalse: quella legale è lunga e costosa e dall'esito incerto (casi analoghi possono avere esiti diversi, dipende dai giudici e dai CTU), poi si può provare con la pressione mediatica (giornali, TV), ma il risultato oggi è molto variabile. Con la grave crisi economica che stiamo attraversando, le Case automobilistiche dovrebbero stendere tappeti di velluto rosso ai propri cliente, invece ottusamente si chiudono a riccio, erigono muri di gomma (vedi call center dati in appalto), non rispondono ai clienti e neppure ai prof. docenti universitari nominati periti dai tribunali.

Bruno Pellegrini
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti