Art 186 c.d.s. - Guida in stato di ebbrezza

Commenta insieme a noi il Nuovo Codice della Strada. Se hai ricevuto una multa e vorresti fare ricorso guarda qui. Tantissimi casi on line!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

conan79
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 7
Iscritto il: 07/03/2006, 23:15

Messaggio da conan79 » 10/03/2006, 21:14

Giorni fa, leggevo una notizia che faceva rifermineto ad una sentenza pronunciata da un giudice di Olbia, il quale ha assolto dalla condanna penale, un ragazzo che, uscendo da una disco di Porto Cervo (era in vacanza), era stato beccato dalla polizia con un tasso alcolemico nel sangue superiore al doppio consentito dalla legge (ma sempre classificabile come stato di ebrezza) dopo aver causato un incidente stradale (stessa situazione mia), che a suo dire l'incidente stesso non può essere riconducibile allo stato di ebrezza, in quanto secondo un principio di soggettività, a parità di alcool presente nel sangue tra due o più soggetti, la reazione non è sempre la stessa, perchè non tutti reggono l'alcool allo stesso modo. Lo stesso giudice però lo ha condannato alla semplice sanzione amministrativa prevista dalla legge! Trattandosi di un giudice monocratico, la sentenza sarà definitiva. Allora mi chiedo: " Se dovessi anche io essere assolto dal reato penale, penso non dovrebbero esserci più ostacoli alla mia assunzione! E ancora: in dibattimento il presentare questa sentenza, comporterebbe dei vantaggi o il giudice che mi giudicherà, potrebbe anche non prenderla in considerazione?
Capisco che adesso chiedo davvero giudizi tecnici, ma se qualcuno potesse aiutarmi gliene sarei davvero grato.
Cmq ad ogni modo ringrazio tutti ugualmente, per aver contribuito ad uno scambio di idee molto bello e forgiativo.
Grazie tante

Avatar utente
tanarus
Rank: Neo patentato
Rank: Neo patentato
Messaggi: 75
Iscritto il: 30/11/2004, 23:15
Località: Valle del Chiese

Messaggio da tanarus » 10/03/2006, 21:22

conan79 ha scritto:Giorni fa, leggevo una notizia che faceva rifermineto ad una sentenza pronunciata da un giudice di Olbia, il quale ha assolto dalla condanna penale, un ragazzo che, uscendo da una disco di Porto Cervo (era in vacanza), era stato beccato dalla polizia con un tasso alcolemico nel sangue superiore al doppio consentito dalla legge (ma sempre classificabile come stato di ebrezza) dopo aver causato un incidente stradale (stessa situazione mia), che a suo dire l'incidente stesso non può essere riconducibile allo stato di ebrezza, in quanto secondo un principio di soggettività, a parità di alcool presente nel sangue tra due o più soggetti, la reazione non è sempre la stessa, perchè non tutti reggono l'alcool allo stesso modo. Lo stesso giudice però lo ha condannato alla semplice sanzione amministrativa prevista dalla legge! Trattandosi di un giudice monocratico, la sentenza sarà definitiva. Allora mi chiedo: " Se dovessi anche io essere assolto dal reato penale, penso non dovrebbero esserci più ostacoli alla mia assunzione! E ancora: in dibattimento il presentare questa sentenza, comporterebbe dei vantaggi o il giudice che mi giudicherà, potrebbe anche non prenderla in considerazione?
Capisco che adesso chiedo davvero giudizi tecnici, ma se qualcuno potesse aiutarmi gliene sarei davvero grato.
Cmq ad ogni modo ringrazio tutti ugualmente, per aver contribuito ad uno scambio di idee molto bello e forgiativo.
Grazie tante
Piano ci sono una serie di inesattezze.
1) Il Gdp è monocratico (ovvero è una sola persona fisica e non un collegio di più persone) ma la sentenza non è definitiva, anzi penso proprio che in un caso simile si andrà in appello.
2) Tale Gdp ha detto una fesseria. L'ebbrezza è definita per legge come uno stato fisico del soggetto sul piano oggettivo ovvero quantità dell'alcool nel sangue. In ogni caso il solo fatto di aver causato un sinistro è sufficiente per dimostrare la mancanza dei requisiti anche sul soggettivo.
Prendiamo ad esempio il tuo caso, qualora le analisi venissero escluse dal giudice (elemento oggettivo), le testimonianze degli agenti e dei medici (elemento soggettivo) potrebbero essere sufficienti per dimostrare la violazione.
L'art. 186 è uno degli articoli si cui vi possono essere eno discussioni in quanto l'ebbrezza è definita non sulla base delle reazioni (soggettive) del trasgressore ma sul valore di alcool contenuto nel sangue (oggettivo).
Saluti S.

conan79
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 7
Iscritto il: 07/03/2006, 23:15

Messaggio da conan79 » 10/03/2006, 21:34

Ma fammi capire bene, quindi il giudice di olbia ha detto una cavolata assurda nella sentenza! E poi un'altra cosa; il fatto che io stesso abbia chiamato l'ambulanza, mi sia soccorso steccandomi la gamba, non abbia posto resistenza, abbia chiesto solo spiegazioni circa il motivo per il quale l'esame lo stessero facendo solo a me, e non alla contro parte, non depone a mio favore sul fatto che in quel momento l'alcool non aveva grossi effetti sul mio stato psico-fisico?

Avatar utente
sicurdany
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 2345
Iscritto il: 09/02/2004, 22:22
Località: Palermo

Messaggio da sicurdany » 11/03/2006, 3:33

C'è 1 tasso max consentito e se c'è, ci sarà pure 1 motivo, non pensi?

X questo 6 in torto e se poi 6 stato causa di 1 incidente... fai 1 pò tu...
Diciamo che mi hanno "costretto" dicendomi che mi avrebbero denunciato, spiegandomi che un rifiuto equivale come nel calcio per l'antidoping, un'ammissione di colpa.
E' così e quindi ti hanno detto la verità: fare gli esami in ospedale diventa perciò 1 arma di difesa x il cittadino contro il parere "soggettivo" dell'agente accertatore ( penso che tutti sappiamo riconoscere 1 persona ubriaca ) e contro il "parere" dell'etilometro, ke tra l'altro è 1 strumento molto attendibile.
Ma fammi capire bene, quindi il giudice di olbia ha detto una cavolata assurda nella sentenza!
Le cavolate le diciamo tutti e personalmente ci sono sentenze di G.d.P. che chiamare cavolate non rende proprio l'idea... :-[ :-[
E poi un'altra cosa; il fatto che io stesso abbia chiamato l'ambulanza, mi sia soccorso steccandomi la gamba, non abbia posto resistenza, abbia chiesto solo spiegazioni circa il motivo per il quale l'esame lo stessero facendo solo a me, e non alla contro parte, non depone a mio favore sul fatto che in quel momento l'alcool non aveva grossi effetti sul mio stato psico-fisico?
Non capisco il nesso... chi è ubriaco x tenon è necessariamente capace di intendere e di volere, x cui tu ke hai fatto tutte quelle cose non eri ubriaco? 1 tesi tanto creativa ( sempre a mio parere ovviamente...), da fare invidia al "migliore" G.d.P.

X quanto riguarda l'altra persona coinvolta nell'incidente, posso solo pensare ( visto ke non c'ero ), ke gli agenti accertatori presenti non lo abbiano ritenuto sotto l'effetto di sostanze alcoliche... Sai, l'odore dell'alcool si sente e non mi sembra di dirti niente di nuovo... :ciao

Greg
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 1
Iscritto il: 28/03/2006, 12:05

Guida in stato di ebbrezza

Messaggio da Greg » 28/03/2006, 12:13

Buongiorno a tutti.
Volevo sottoporre il mio caso alla Vostra attenzione, per ricevere qualche parere e per ottenere qualche informazione essendo abbastanza all'oscuro di cosa mi possa capitare o cosa mi attenda per quello che è successo.

Sabato sera sono stato fermato dalla polizia, e sottoposto al test dell'etilometro sono risultato positivo (0,66) al primo test, e anche al successivo dopo 5 minuti (0,70).

Mi è stata ritirata la patente per 15 giorni (e non sono qui a discutere su questo, benchè fossi tutt'altro che ubriaco, come il mio stesso tasso alcolico può illustrare), ma volevo sapere cos'altro comporta una sanzione del genere.
So che il reato è penale, e che la pena "detentiva" viene commutata in una somma da pagare che si va ad aggiungere alla multa iniziale.
Ma a quanto ammonta la multa per la semplice violazione?
E con l'aggiunta della pena "convertita", quant'è indicativamente un possibile preventivo di spesa?
Oltre a questo, ho sentito (da voci non so quanto attendibili, e per questo chiedo conferma qua), circa la possibilità di dover effettuare un test psicologico e conseguente esami (delle urine? del sangue?) con cadenza trimestrale, e successivamente semestrale (per la durata complessiva di uno o tre anni a seconda della gravità del caso).
Quanto di questo corrisponde a verità?

Grazie in anticipo per le risposte.

Avatar utente
sicurdany
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 2345
Iscritto il: 09/02/2004, 22:22
Località: Palermo

Messaggio da sicurdany » 29/03/2006, 0:24

Innanzitutto, ciao e benvenuto sul Forum... :) :wink: :ok

Ti linko l'art. in questione... da qualche parte nel forum ed in questa sezione nello specifico, l'avevo riportato x intero... anzi, a proposito, trovi diverse ed interessanti discussioni sull'argomento: fai 1 ricerca.

http://www.sicurauto.it/cds/articoli/ar ... om=&ucat=1&

Leggi con attenzione l'art. e troverai le tue risposte. :ciao

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti