Auto a carburatore, filtro aria, gpl: considerazioni e modif

Solo discussioni generiche, es: l'additivo per la benzina serve a qualcosa? I fari allo xeno sono utili? Non improvvisatevi mai meccanici!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
Vintage
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 39
Iscritto il: 07/06/2007, 0:58

Auto a carburatore, filtro aria, gpl: considerazioni e modif

Messaggio da Vintage » 21/02/2011, 5:05

Per il momento, non pensiamo al gpl, ma alla carburazione a benzina in relazione alla temperatura e allo "switch" Estate - Inverno della presa d'aria.

Abbiamo la presa d'aria fredda (estiva) nei pressi della mascherina, mentre quella invernale, normalmente è sui collettori di scarico.

Il perché di queste due prese d'aria è che la miscela aria / combustibile è influenzata dalla densità della prima, più alta quando è fredda. Dunque, immaginando una carburazione ipotetica ottimale a 20°, a 0° sarà più magra, a 40° più grassa.

Però, sinceramente questa scelta della posizione estiva o invernale della presa d'aria mi lascia perplesso. Innanzitutto, estate e inverno per quale latitudine e altitudine? Anche in una città come Roma, potremmo avere fredde mattine estive a 20° e pomeriggi invernali tiepidi a 20°.

Il tutto senza contare il fattore pressione dell'aria... che la rende più o meno densa a prescindere dalla temperatura...

Insomma, vista tutta questa approssimazione, ho pensato di fare qualche modifica, in base a ciò:

- l'aria fredda è sempre consigliabile per il motore, va bene d'estate e va bene ancor di più quando fa più freddo, perché a parità di volume ha più comburente; e se vogliamo possiamo ricorrere a quel famoso "quarto di giro", eventualmente.

- se si vive in una zona in cui il cosiddetto freddo è al massimo intorno ai 0°, ho l'impressione che l'aria aspirata ad un centimetro dal collettore rovente sia ben più calda di quella a 37° dell'ora di punta di un torrido pomeriggio di luglio.


Quindi, propongo di lasciare sempre su E(state) la posizione dello switch, del coperchio o altro che sul filtro dell'aria delle nostre nuovissime auto ha questa funzione.

Nel mio caso, ho la presa d'aria fredda anteriormente ad una scatola filtro discoidale posta sul carburatore. La presa d'aria calda parte da dietro il disco dell'airbox e termina, dopo una curva verso il basso, sui collettori che citavo prima. Ma, intanto, una parte di questo tubo è fuso con la scatola, mentre un'altra è unita con una fascetta (e fissata al motore con dadi) e quindi si può togliere:

quindi si può operare un'ulteriore regolazione, cioè se tengo l'aspirazione su I(nverno) posso comunque evitare di arrivare sui collettori ed aspirare aria più stiepidita ad una ventina di centimentri sopra la testata. Ecco, io non penso che questa oppurtunità sia una coincidenza, ma che sia stata prevista per inverni miti come buona parte di quelli del sud Europa. In altre parole, secondo me fino a 0°, il più conservativo degli automobilisti, potrebbe attivare la presa d'aria calda, ma lasciare in garage la parte di tubo che arriva sui collettori.


Nel mio caso, se andassi a benzina, invece, oltre a quel tubo in garage che sarebbe inutile comunque, lascerei sempre attivata la presa d'aria anteriore, dietro la griglia.


Sempre nel mio caso, però, nel sistema c'è il gpl, che, mi dicono, non soffre l'aria fredda, ma le turbolenze, che potrebbero essere causate dall'aspirazione anteriore, che potrebbe essere una presa "dinamica"...

Sinceramente, non ho idea. Una presa d'aria dinamica dovrebbe essere rivolta verso il senso di marcia. Quella che ho io è anteriore, è dietro la mascherina, ok, ma piega verso il basso.


Veniamo alle modifiche fatte dall'installatore. Ha tappato la presa anteriore E(stiva) con silicone e latta, fissandola con "clip" che hanno forato l'airbox. Quanto zelo! Ma... poi ha fatto 3 fori col trapano sul lato inferiore della scatola (fuori al diametro del filtro circolare, vivaddio!).


Resomi conto di questo, per primo ho pazientemente levato la toppa. Qualcuno di voi potrà protestare, ma si ricordi che se il coperchio è su I(inverno), quella presa è chiusa di default, non c'era bisogno di massacrare l'airbox di un'auto d'epoca. Poi ho staccato e riposto in garage la prolunga della presa d'aria calda (quella che fiuta i collettori). Ho provato la macchina a gpl e non ho riscontrato problemi, poi l'ho provata a benzina e... qui ho sentito che qualcosa di buono avevo fatto!


Adesso voglio tappare quei 3 buchi sul pavimento della scatola filtro, a mio avviso inutili. Così avrei l'aria che entra dal centro del vano motore, 25 cm sopra la testata... non sarà tanto fresca, ma neppure bollente da collettore e non avrei modificato nulla della macchina (se non fosse per i fori tappati) oltre a levare una prolunga.


Poi?
Ho letto che il gpl potrebbe andare male con una presa d'aria sul davanti, ma per provare mi basterebbe passare da I ad E ed, eventualmente, ripassare ad I (presa posteriore). Altra idea, potrei riprendere dal garage la prolunga, rimontarla, ma ruotata di 90°, cosicché finisca in una zona fresca ad un lato del vano motore, non sui collettori. Certo, non sarà mai fresca come quella anteriore, ma se il gpl avesse problemi in tal configurazione, sarebbe il miglior compromesso tra "frescura" e assenza di turbolenza.


Cosa mi consigliate? Esperienze? Possibile che nessuno abbia pensato a questi aspetti?

Secondo voi è sbagliato lasciate sempre la presa estiva attivata?L'idea della presa posteriore (calda) però mozzata può renderla più fresca? E ancora, sarà ancor più fresca con la prolunga orientata di lato?

Dulcis in fundo, la carburazione. Anche se dubito che in un mondo di alte e basse pressioni, di gite in montagna e al mare, di umidità incostanti ecc. dove nessuno cambia l'airbox da E ad I ad E e ricarbura in modo ossessivo-compulsivo, facciamo i precisi e parliamo di carburazione.


Il carburatore è stato revisionato e carburato a benzina sui 18-20° atmosferici con alta pressione (bel tempo invernale), presa E(stiva) sigillata a mo' di tomba come sopra, presa I(invernale) aperta sui collettori e tre fori da 1 cm sotto l'airbox fatti con trapano dall'installatore del gpl. Il tutto da fermi (altra variabile) e a cofano aperto (altra variabile)... Questa carburazione, secondo me potrebbe essere valida anche per l'inverno e aria fredda della presa anteriore aperta, perché i tre buchi dell'installatore e il cofano aperto, di fatto ad auto ferma hanno ricreato una conditio simile a quella della presa estiva aperta (se non fosse che era aperta ANCHE quella calda).


A gpl potrei aver bisogno di ulteriori regolazioni, intanto perché l'impianto è stato fatto in presenza di carburatore ANTE-revisione.
Mi piacerebbe operare da solo. Anche perché vorrei poterlo fare più volte.
Non vorrei sbagliare, ma da quello che leggo, pare più facile tarare il gpl che la benzina.
Devo aprire la vite di passaggio e tenere accelerato a 3500 g/m, poi chiuderla pian piano finché non sento che i giri diminuiscono. A quel punto riapro di 1/4 di giro. Si fa veramente un lavoro decente così?


Se qualche passaggio concettuale non è chiaro, chiedetemi, se non è chiaro di quali tubi e scatole parlo, vi farò una foto.


Saluti.

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: Auto a carburatore, filtro aria, gpl: considerazioni e m

Messaggio da SicurAUTO » 21/02/2011, 10:36

Mammamia! Spero che qualche meccanico abbia la pazienza di leggere tutto :D

Vintage
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 39
Iscritto il: 07/06/2007, 0:58

Re: Auto a carburatore, filtro aria, gpl: considerazioni e m

Messaggio da Vintage » 21/02/2011, 10:46

:lol: Dai link sotto ci sono anche libri interi, se si vuole.

Avatar utente
brupel
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 449
Iscritto il: 12/09/2007, 18:12

Re: Auto a carburatore, filtro aria, gpl: considerazioni e m

Messaggio da brupel » 22/02/2011, 16:58

Salve,
ho letto con molto interesse il tuo lungo post e desidero anzitutto complimentarmi per le tue riflessioni tecniche che denotano passione e competenza.
Il tuo ragionamento sullo spostamento in zona meno calda del tubo di aspirazione aria in posizione inverno, può essere valido x climi invernali non rigidi (tipo regioni centro-sud).Ovviamente, l'ultima parola spetta sempre alla prova pratica.
I 3 buchi supplementari nella scatola filtro e la chiusura aspirazione aria fresca fatti dall'installatore GPL, non convincono del tutto. E' chiaro che lo scopo è favorire l'ingresso di aria +calda in previsione di avviamenti a freddo più difficoltosi a GPL.
Forse è una modifica suggerita dalla pratica acquisita dall'installatore per quel tipo di vettura (a proposito, precisa il tipo di auto e il tipo di carburatore montato,marca e sigla ed anche il tipo di impianto GPL).
Escluderei eventuali fenomeni di turbolenza aria nel tubo aspirazione anteriore da te ipotizzati. Inoltre c'è il filtro aria che fa da "muro". Come saprai, su molte auto a carburatore il sistema aria aspirata calda- fredda è regolato in modo automatico da una valvola termostatica (lamina bimetallica) che apre-chiude progressivamente le due vie in funzione della temperatura del motore. Questa è una regolazione più precisa.
Le regolazioni esterne del carburatore classico (Weber, Solex, ecc.) monocorpo, si limitano al regime minimo e alla miscela al minimo. Quest'ultima incide in modo più che marginale sulle prestazioni globali del carburatore. Se vedi che il minimo è regolare al regime stabilito dalla Casa, non toccherei niente. Se a GPL il minimo tende a calare eccessivamente, puoi agire sulla vite del minimo del carburatore(quella di battutta) e solo in seconda ipotesi su quella di regolazione GPL sul riduttore.

Avatar utente
brupel
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 449
Iscritto il: 12/09/2007, 18:12

Re: Auto a carburatore, filtro aria, gpl: considerazioni e m

Messaggio da brupel » 22/02/2011, 17:07

Vorrei aggiungere che sulla Clio 1,4 carburatore (del 91) con impianto GPL, di mia moglie, non vi sono nè buchi nella scatola filtro nè tubi aria fresca tappati. La regolazione ottimale a GPL è fatta in modo da garantire partenze a freddo rapide senza l'uso dello starter. Prestazioni a GPL ottime, consumi, ovviamente, +30% rispetto alla benzina.
Ing. Bruno Pellegrini, l'esperto Ufficiale di SicurAUTO.it
Ha lavorato per oltre 30 anni in case automobilistiche di prestigio.
Esperto di meccanica e dispositivi di sicurezza passiva, nonchè consulente tecnico in occasione di azioni legali.

Vintage
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 39
Iscritto il: 07/06/2007, 0:58

Re: Auto a carburatore, filtro aria, gpl: considerazioni e m

Messaggio da Vintage » 22/02/2011, 18:41

Buona sera Bruno,

ti ringrazio dell'interesse e per la sostanza della tua risposta!
Si tratta di una Lancia Beta 1600 del 1977 con carburatore doppio corpo Weber. L'impianto è un Romano, installato da pochi mesi. Inoltre, abito a Roma, che climaticamente è più sud che centro.

Sì, ipotizzavo che il filtro dell'aria scongiurasse turbolenze di troppo. Ho provato ad aprire la presa estiva (anteriore, dunque chiudendo quella "calda") e ho trovato che a benzina l'erogazione è più soddisfacente. L'auto è percettibilmente più reattiva, più di quanto potessi immaginare. Tuttavia, a gpl, così va male... come se avessi solo metà dei cavalli, con il "minimo spostato ad 1/3 dell'acceleratore". Che fosse troppo magra, così? Allora ho rimesso il coperchio su I(nverno) ed è tornata alle prestazioni precedenti (sempre leggermente meglio rispetto a quando la presa posteriore finiva sui collettori).

Questa piccola prova l'ho fatta con 12-13° atmosferici. Non dimentichiamo gli onnipresenti 3 buchi fatti dall'installatore.

Saluti.

linus911
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 557
Iscritto il: 09/09/2009, 1:21

Re: Auto a carburatore, filtro aria, gpl: considerazioni e m

Messaggio da linus911 » 22/02/2011, 22:55

Sulle auto così datate, alimentate tramite carburatore/i, di norma si ostriuva leggermente l'aspirazione dell'aria per farle rendare meglio a GPL. Sulle ALFA ( 2 carburatori doppi corpo ) era quasi obbligatorio mettere una rondella calibrata tra il tubo di aspirazione ed il filtro aria. Quindi è tutto nella norma, eccetto i tre fori che non capisco lo scopo, ma il discorso è lungo e mi è difficile da spiegare. L'impianto Romano non lo conosco, quì al nord usavamo Landi, Weber, Tartarini, ecc. ecc., ma mettevamo sempre la rondella di riduzione. Con l'iniezione ed i nuovi impianti sequenziali è tutta un'altra cosa. Per non parlare poi dell'iniezione a GPL liquido ( Vialle ) che Vi invito a guardare su Internet. Ciaooo

Vintage
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 39
Iscritto il: 07/06/2007, 0:58

Re: Auto a carburatore, filtro aria, gpl: considerazioni e m

Messaggio da Vintage » 23/02/2011, 1:21

Penso di fare così (a parte che quei buchi m'infastidiscono, a prescindere, perché si è andati a modificare un componente fuori produzione da almeno 25 anni...):

- tapperò i 3 fori sul fondo della scatola con silicone nero e della latta nera, se riesco (altrimenti, plastica)
- riproverò a ripristinare la posizione Estiva (quindi, con fori chiusi e presa calda posteriore chiusa dalla paratia del coperchio stesso, avrò solo un'apertura anteriore)
- proverò l'auto e ricalibrerò l'alimentazione del gpl (con il "metodo dei 3000 giri" per la mandata e poi regolando il minimo), tenendo accuratamente segno delle posizioni delle viti che andrò a toccare
- la cosa potrebbe risolversi (bene!) così, oppure, potrei provare a chiudere metà della presa anteriore, in qualche modo, riducendo sì l'apertura, ma non la temperatura dell'aria che entra (che è la motivazione perno di tutto il mio discorso).

Poi, anche se il carburatore è stato revisionato e tarato di recente, potrebbe servire una nuova carburazione in virtù di una diversa aspirazione, che sarà seguita da un nuovo affinamento del gpl... ma questo, se tutto andrà bene, sarà una piacevole prassi.


Poi potrò dire in merito a qualità di guida e consumi.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti