[Bike Expò di Verona] Presentiamo le nostre proposte

Anche tu sei stufo di vedere troppi morti sulle strade? Unisciti a noi e facci conoscere le tue idee. La sicurezza stradale è un problema di tutti!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
SM
Rank: Autista modello!
Rank: Autista modello!
Messaggi: 206
Iscritto il: 30/10/2006, 19:12

Re: [Bike Expò di Verona] Presentiamo le nostre proposte

Messaggio da SM » 15/01/2009, 9:38

Pur non essendo un estimatore delle percentuali sul reddito, perché spesso - a mio parere - fallace indipendentemente dalla questione evasioni, capisco lo spirito della proposta n. 5 e quindi la credo accettabile. La multa sul valore dell'auto era la prima cosa che mi era venuta in mente, ma potrebbe non andare ad personam come previsto: se guido provvisoriamente l'auto di un altro, auto che vale 10 volte la mia e quanto posso permettermi, e commetto un'infrazione, pagherò 10 volte rispetto a quanto mi spetterebbe. Lo dico per fare il garantista, ma in effetti le percentuali di errore di questo tipo immagino siano ridottissime.
Allora la specifica da chiedere è questa: che le percentuali sul reddito tentino di preservare di più le fasce medio-basse e salgano in maniera più che proporzionale per chi percepisce di più.
Insomma, si tratta di rendere quanto più possibile "popolare" per davvero la regola proposta.
(In generale, al di là di questa campagna di Sicurauto, la mia idea è sempre stata quella di rendere flessibile il sistema delle multe, così come è richiesto ai lavoratori di oggi di essere flessibili: aumentando il numero dei controlli effettivi, non ci sarebbero più multe "a campione" spesso poco eque, e lo Stato potrebbe "chiudere un occhio", con multe minimali, a chi fosse alla prima infrazione, per esempio, per superamento del limite di velocità, magari per errore, inesperienza o quant'altro, ed esigere di più con i recidivi in proporzione al loro comportamento. In questo modo si punirebbero coloro che snobbano la legge e soprattutto la sicurezza propria ed altrui e coloro i quali ritengono di poter pagare all'infinito multe per loro piccole, perché via via crescerebbero e arriverebbero al sequestro del mezzo e alla revoca della patente.)

Per quanto riguarda le commissioni regionali, la mia idea è di renderle non tecnocrate-burocratiche ma effettivamente utili. Quindi, tra i tecnici, andrebbero inseriti ingegneri provenienti dal settore automobilistico, che conoscano realmente le dinamiche delle auto, e piloti collaudatori o ex piloti o istruttori di guida sicura che sappiano valutare realmente i tempi di reazione degli automobilisti ai problemi e la vera difficoltà dei vari passaggi.

Più in là si potrebbe valutare, a tal proposito, una campagna per il cambiamento dell'attuale metodo di conferimento della patente, rendendo d'obbligo i corsi di guida sicura, convenzionando le scuole guida con centri certificati e di provata esperienza nel settore, e una campagna per il test personalizzato riguardo la lucidità alla guida: il tasso alcolico è infatti, a mio modesto avviso, un metodo alquanto grossolano di verifica. Con ciò non incito a non rispettare il Codice della Strada (per carità: io ormai non bevo proprio prima di guidare!), ma a porre le basi per un suo miglioramento.

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: [Bike Expò di Verona] Presentiamo le nostre proposte

Messaggio da SicurAUTO » 15/01/2009, 12:57

Allora la specifica da chiedere è questa: che le percentuali sul reddito tentino di preservare di più le fasce medio-basse e salgano in maniera più che proporzionale per chi percepisce di più.
Questo è ovvio!
Anche per tale motivo abbiamo inserito una fascia di reddito minima di 40.000 €uro.

Le proposte sono state aggiornate ieri.

In merito a quando da te detto dopo sono assolutamente d'accordo, ma facciamo piano piano :wink:
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

frafel
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 23
Iscritto il: 22/07/2008, 8:16

Re: [Bike Expò di Verona] Presentiamo le nostre proposte

Messaggio da frafel » 16/01/2009, 13:06

Questa volta sono portavoce di tanti amici ai quali ho rivolto l’invito a sottoscrivere le proposte.

Prego quindi tutti e in particolare la redazione di Sicurauto di tener conto del fatto che tali commenti, che anch’io condivido, sono quelli di tanti cittadini diversi i quali, non essendo purtroppo disposti ad utilizzare il proprio tempo in un commento diretto, hanno delegato me a farlo.

La critica fondamentale che ho ricevuto è che le 6 proposte sono un tutt’uno inscindibile il che fa sì che spesso i possibili firmatari, pur condividendo la maggior parte delle proposte, essendo invece profondamente in disaccordo solo con qualcuna di esse, preferiscono non firmare affatto la petizione.

Si verifica anche che sulle singole proposte alcuni automobilisti sono d’accordo ma non completamente ed anche in questi casi i miei amici, e ne ho tanti, mi hanno chiesto: “…ma perché non si è chiesta la cosa in quest’altro modo?…” e poi hanno fatto le loro osservazioni.

Purtroppo il mio invito a utilizzare il forum per dire la loro, non è stato accettato perché come tutti voi sapete, sono ben pochi coloro disposti a registrarsi ad un sito e a tanto meno a partecipare ad un forum, invece TUTTI mi hanno invitato a portare a voi le loro ragioni, visto anche che mi ero presentato come uno dei fautori dell’iniziativa.

C’è una soluzione a questi problemi? Io credo di sì, perché a tutto c’è una soluzione: basto volerlo!

Devo però fare prima una premessa:

Io credo ancora, e lo crederò fino a prova contraria, che Claudio ha voglia di portare avanti “delle proposte nate nel suo forum e condivise da tanti cittadini” e non piuttosto “le sue proposte o quelle di Sicurauto” (va certamente bene parlare di proposte di Sicurauto, sempre però che Sicurauto significhi “insieme di cittadini riuniti da un nome e da un logo, cittadini che condividono le stesse idee sulla sicurezza automobilistica, che così uniti danno forza e valore al nome Sicurauto e che così si fanno chiamare); si tratta di una organizzazione che, oltre ad informare chi vi partecipa su fatti inerenti la sicurezza ha anche l’obiettivo, con l’aiuto di tanti volenterosi, di porre rimedio a problemi e fare proposte interessanti raccogliendo idee di tutti, riorganizzandole e sottoponendole a opportuni sondaggi per verificare che i desideri della maggioranza siano proprio quelli, per portarli infine in Parlamento affinchè siano accettati e riconosciuti.
Dopo aver partecipato per un pò alle discussioni del forum io ho pensato, e spero di non essermi sbagliato, che questo volesse essere il nuovo modo di operare di Sicurauto e se ciò non fosse vero, è proprio questo che io allora propongo come nuova missione di questo organismo.


Qui termina la premessa e, in linea con essa, torno alla soluzione dei problemi che i miei amici mi hanno posto.

In poche parole i miei interlocutori dicono che a loro non sembra giusto chiedere un’adesione incondizionata a delle proposte belle e fatte e ormai ben definite e che inoltre sono tra loro indissolubilmente legate, perché in questo modo l’alternativa è: o accettare tutto o rifiutare l’adesione; tutti però rimangono dispiaciuti di dover rinunciare all’adesione perché concordano per una buona parte delle proposte, ma non sono in grado di manifestare in alcun modo questa loro concordanza di idee.

A me sembra allora effettivamente che abbiamo “saltata un fase” e cioè quella del sondaggio, abbiamo dato per scontato che tutti sono d’accordo sulle 6 proposte e siamo andati direttamente alla “petizione” con una raccolta di firme per darle corpo. Anche se l’intenzione era solo di fare più presto, questo non è giustificato, perché le cose vanno fatte presto sì, ma BENE.

Occorreva invece assicurarsi prima di avere una larga maggioranza di persone che concordano e poi, eventualmente “aggiustando” anche le richieste quando necessario, passare alla fase della raccolta delle firme.

Come vedete sono pronto a prendermi la mia parte di colpa per quanto è accaduto, ma non sono disposto, come è mio costume, a perseverare nell’errore.

Dunque, se vogliamo veramente riuscire, e riuscire significa essenzialmente essere in TANTISSIMI a volerlo, bisogna prima di tutto centrare meglio l’obiettivo.

Ciò si può fare modificando la petizione in un sondaggio (come d’altra parte si era detto inizialmente) che ci faccia capire veramente che cosa si vuole e quanti sono quelli che le vogliono. Poi quando le proposte possono essere scritte in maniera tale da rispecchiare le idee di una larga maggioranza, si potrà passare alla fase “petizione”.

In pratica basterebbe che accanto a ognuna delle 6 proposte ci fosse un gruppo di 3 radio-button con le diciture “non sono d’accordo”, “sono d’accordo ma…”, “sono completamente d’accordo”.

In questa maniera si darà la possibilità di modulare le proprie adesioni e potremo capire non solo quali sono le proposte più sentite, ma anche per ciascuna proposta quanto la stessa è gradita.

O meglio ancora consentire per ciascuna proposta una scelta tra i valori 0, 1, 2, 3 (dove 0 significherebbe ASSOLUTAMENTE NON D’ACCORDO, 3 significherebbe COMPLETAMENTE D’ACCORDO e i valori intermedi 1 e 2 servirebbero a poter dare una idea del grado di condivisione che ciascuno ha della singola proposta.

In entrambe le soluzioni proporrei poi di aggiungere per ciascuna delle proposte un campo per un breve commento ad esempio max 200 caratteri (da valorizzare su base facoltativa) utilizzabile da chi risponde al sondaggio (sono abbastanza certo che in questo caso le eventuali critiche o diverse vedute possano essere espressa da chi vede di poterlo fare contestualmente e senza alcun bisogno di registrarsi al sito).

Tutto ciò potrebbe servire:

• A dare più fiducia al pensiero dei firmatari
• A decidere di depennare le proposte che fossero bocciate dalla maggior parte dei firmatari
• A consentirci, utilizzando gli eventuali commenti, di migliorare le singole proposte dando il giusto credito a chi firma.

Fare tutto ciò dimostrerebbe veramente di voler essere un TRAMITE per ottenere la giustizia che molti cittadini si aspettano e non di essere invece un ALTRO SOGGETTO tra i tanti già esistenti, che intende servirsi della massa per imporre nuove regole magari non condivise.

Vi saluto ed attendo possibilmente il commento di molti di voi, oltre naturalmente quello indispensabile e possibilmente benevolo di Claudio.

Avatar utente
Federico Autotecnica
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 6289
Iscritto il: 06/12/2005, 22:30
Località: Brescia
Contatta:

Re: [Bike Expò di Verona] Presentiamo le nostre proposte

Messaggio da Federico Autotecnica » 16/01/2009, 21:09

Tutto si può fare :ok
Federico alias "FEDELELLA" - Professione: Autoriparatore
AUTOTECNICA BRESCIA l'officina ufficiale di SicurAUTO.it :ok

MTB BRESCIA

frafel
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 23
Iscritto il: 22/07/2008, 8:16

Re: [Bike Expò di Verona] Presentiamo le nostre proposte

Messaggio da frafel » 17/01/2009, 8:23

E allora facciamolo! Ma subito, prima che la gente "scappi via".

Avete provato ad intervistare qualche visitatore chiedendogli commenti sulle porposte? Se SI' quali sono stati i risultati? Se NO pechè non provate a sentire "a caldo" cosa pensa la gente a proposito delle single proposte?

A proposito, visto che anch'io mi sono un pò adoperato per questa causa, potete farmi conoscere il numero di adesioni che si sono raccolte finora con le 6 proposte così accorpate?

Grazie.

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: [Bike Expò di Verona] Presentiamo le nostre proposte

Messaggio da SicurAUTO » 22/01/2009, 0:17

Allora le proposte presentate alla Fiera sono state per lo più accettate da tutti.

Solo quella sulle multe proporzionali al reddito ha destato qualche sospetto, ma dopo aver spiegato bene alla fine la proposta è stata compresa.

Le firme sono state poche perchè visto che la fiera è un evento frenetico è stato difficile parlare con tante persone. Tuttavia è stato utile per far vedere che oltre a "lamentarci" siamo propositivi ed informativi (vedi video prodotti).

Appena possibile inserirò il contatore, siamo a circa 100 firme.

Per le proposte dette di recente da frafel vediamo quello ci si può fare :) :ciao
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
dami65
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 685
Iscritto il: 20/08/2008, 17:30
Località: bologna

Re: [Bike Expò di Verona] Presentiamo le nostre proposte

Messaggio da dami65 » 22/01/2009, 15:22

Solo quella sulle multe proporzionali al reddito ha destato qualche sospetto, ma dopo aver spiegato bene alla fine la proposta è stata compresa.
Molti hanno firmato e firmeranno le proposte per il loro totale contenuto. Anch'io ho aderito.
Certo spiegare la proposta n. 5 è renderla comprensiva...mi riserverei...la soluzione migliore sarebbe dire alla gente che sottoscrive...bene, la rivediamo!!!
In alternativa votiamo le singole proposte.
:ciao
Ricordati di adottare, in ogni momento, una guida circostanziata alle condizioni della strada, del tempo e del traffico. Indipendentemente dai valori stabiliti dalla legge, éducati a non metterti alla guida se hai assunto sostanze alcooliche o stupefacenti, anche se in misura minima.

Avatar utente
dami65
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 685
Iscritto il: 20/08/2008, 17:30
Località: bologna

Re: [Bike Expò di Verona] Presentiamo le nostre proposte

Messaggio da dami65 » 25/01/2009, 23:09

Il Codacons propone eliminazione segnaletica stradale
Allarmanti i dati sulla sicurezza stradale forniti dal Ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, in base ai quali il 44% del totale dei morti sulle strade e il 73% del totale dei feriti si concentrerebbero nelle aree urbane. Contro questa strage quotidiana nelle nostre città, Francesco Tanasi Segretario Nazionale CODACONS lancia oggi una proposta "choc’: eliminare qualsiasi tipo di segnaletica dalle strade urbane. Si tratta del cosiddetto "shared space’, ossia spazio condiviso, che consiste nell’eliminazione su una strada di qualsiasi forma di segnaletica, dai semafori alle strisce pedonali, dai cartelli alle linee che separano i sensi di marcia, ecc. Non solo. A sparire sarebbero anche tutte le barriere che allo stato attuale separano pedoni e automobilisti, a cominciare dai marciapiedi. L’unica regola in vigore sarebbe quella di non superare un prefissato limite di velocità, e ogni incidente che coinvolgerà pedoni e automobilisti avrà come responsabili quest’ultimi. Lo scopo infatti - spiega Tanasi - è proprio quello di responsabilizzare gli automobilisti attraverso l’assenza di segnaletica stradale che li costringerebbe inevitabilmente a prestare più attenzione alla strada e alla guida. In Europa tale sistema ha portato a grandi risultati. In Danimarca, in Olanda e in Inghilterra l’eliminazione in alcune strade della segnaletica ha favorito una forte riduzione del numero di incidenti e dei morti (dal 35% al 100%).

Fonte

News inserita da Daniele Rapetti il 24/01/2009
Lo dicevo io...ma Claudio non mi prese in considerazione... :ok :wink:
Ricordati di adottare, in ogni momento, una guida circostanziata alle condizioni della strada, del tempo e del traffico. Indipendentemente dai valori stabiliti dalla legge, éducati a non metterti alla guida se hai assunto sostanze alcooliche o stupefacenti, anche se in misura minima.

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: [Bike Expò di Verona] Presentiamo le nostre proposte

Messaggio da SicurAUTO » 27/01/2009, 14:28

Guarda a me questa "gionalate" mi danno su i nervi... quello è solo uno spot per far parlare di se.

E i giornalisti, pagati, gli danno retta...

Quelle zone di cui lui parla sono attuate in giro per l'Europa IN SPECIFICHE AREE della città e non ovunque come vorrebbero loro!

Boh... :( :-[
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
dami65
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 685
Iscritto il: 20/08/2008, 17:30
Località: bologna

Re: [Bike Expò di Verona] Presentiamo le nostre proposte

Messaggio da dami65 » 27/01/2009, 15:07

Sicurauto ha scritto:Guarda a me questa "gionalate" mi danno su i nervi... quello è solo uno spot per far parlare di se.

E i giornalisti, pagati, gli danno retta...

Quelle zone di cui lui parla sono attuate in giro per l'Europa IN SPECIFICHE AREE della città e non ovunque come vorrebbero loro!

Boh... :( :-[
:gratgrat
Ricordati di adottare, in ogni momento, una guida circostanziata alle condizioni della strada, del tempo e del traffico. Indipendentemente dai valori stabiliti dalla legge, éducati a non metterti alla guida se hai assunto sostanze alcooliche o stupefacenti, anche se in misura minima.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 6 ospiti