[caduto in moto;asfalto insidioso]risarcimento danni?

Hai avuto un incidente? Vuoi un parere sul tuo caso? Hai qualche problema con la tua assicurazione?

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
Avatar utente
fosforo
Rank: Patentato attento
Rank: Patentato attento
Messaggi: 110
Iscritto il: 28/05/2006, 17:21
Nome: Amedeo
Località: lodi

[caduto in moto;asfalto insidioso]risarcimento danni?

Messaggio da fosforo » 18/07/2008, 23:25

percorrevo la mia strada per tornare dal lavoro quando nei pressi di una strettoia incrociando una vettura mi appresto a tenere la destra molto vicino alla linea bianca,ma mentre tengo la traiettoria mi accorgo che la riga bianca è interrotta da un buco nell'asfalto di almeno 10 cm e lì cado rovinosamente perdendo il controllo del mio mezzo,in quanto la ruota anteriore affonda nella buca e la ruota porteriore segue.per fortuna la velocità non è elevata ma basta per procurarmi una escoriazione alle braccia e dei traumi chiusi al polso dx e all'emitorace sx,un pomeriggio e una notte all'ospedale,20 gg di prognosi e i dolori si fanno sentire molto ancora nella prima settimana.
io ho scattato delle foto del tracciato e ho contattato la polizia locale che mi ha detto come devo fare denuncia ma,vorrei sapere come ci si deve comportare in questi casi in quanto ho delle ferite anche se non sono proprio da invalidità civile però se posso fare valere i miei diritti per ottenere un risarcimento adeguato.
la moto ha solo due specchietto tranciati,il manubrio storto e il faro bucato,più qualche strisciata sulla carena,ma mi preoccupa il fatto che lòa moto ha vent'anni quest'anno e se il danno supera il valore della moto me la rimborsano lo stesso?
la vettura che procedeva in senso opposto aveva anche una bella velocità anche se lì c'erano i 30Km/h,come devo descrivere l'accaduto?si tratta quindi di un incidente per causa di terzi o di una caduta causata dal manto tradale inadatto e dalla segnaletica stradale orizzontael (striscie) ingannevole (vernice tutta consumata)e interrotta da un buco senza cartelli di poreavviso?
la vettura deve centrare per avere il rimborso o è meglio non riportare l'accaduto?

Immagine

buona estate a tutti!

Avatar utente
Kunta Kinte
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 4038
Iscritto il: 24/02/2005, 16:36
Località: La patria delle olive all'Ascolana

Re: [caduto in moto;asfalto insidioso]risarcimento danni?

Messaggio da Kunta Kinte » 19/07/2008, 10:50

Da quel che ho capito si tratta di insidia (la buca non visibile).....specifica, nella raccomandata di richiesta danni, che camminavi molto a destra per via del veicolo che incrociavi (sennò ti dicono che camminavi senza motivo sula striscia di margine e quindi te la sei cercata).

Per i danni fisici, con il referto medico del pronto soccorso, ed eventuali prosecuzione per medicazioni visite ecc potresti prendere qualche soldo, non molto ....a meno che non rimangano lesioni invalidanti (tocchiamo ferro o quello che vuoi).

La richiesta danni la devi inviare al comune (se strada comunale) o alla provincia ( se strada provinciale) eccc............. Per i danni della moto........ a meno che non sia un modello di particolare pregio........... non aspettarti molto. :giu

Comunque prova a parlare con la tua assicurazione ......... magari potrebbero pensare a tutto loro.

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: [caduto in moto;asfalto insidioso]risarcimento danni?

Messaggio da SicurAUTO » 29/07/2008, 11:16

Cavoli ma ti sei fatto proprio male! :( :ooh

Auguri, spero che ti rimetterai presto :wink:

Segui i consigli di Kunta che è bravo :ciao
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
dami65
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 685
Iscritto il: 20/08/2008, 17:30
Località: bologna

Re: [caduto in moto;asfalto insidioso]risarcimento danni?

Messaggio da dami65 » 22/08/2008, 19:29

Caro Kunta, nn basta avere l'insidia. Le compagnie di assicurazioni applicano alla lettera quando menziona l'art. 2043 c.c. è pretendono anche il "TRABOCCHETTO"-vedi stralcio sentenza: "Non può essere accolta una domanda di risarcimento del danno derivante da c.d. insidia o trabocchetto stradale, nel caso in cui, dalle risultanze processuali sia emerso che, al momento del sinistro, non sussisteva un pericolo occulto (nella specie, una buca), caratterizzato dalla coesistenza dell’elemento oggettivo della non visibilità e dell’elemento soggettivo della imprevedibilità, ovverosia nel caso in cui, in sede processuale, non sia stato adeguatamente dimostrato che la buca non fosse, in concreto, invisibile". Saluti
Ricordati di adottare, in ogni momento, una guida circostanziata alle condizioni della strada, del tempo e del traffico. Indipendentemente dai valori stabiliti dalla legge, éducati a non metterti alla guida se hai assunto sostanze alcooliche o stupefacenti, anche se in misura minima.

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Re: [caduto in moto;asfalto insidioso]risarcimento danni?

Messaggio da SicurAUTO » 23/08/2008, 9:20

Ma che cavolata è?? :???

Riesci a darci il link alla sentenza?

Scusa allora uno come può difendersi in questi casi? :)
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
dami65
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 685
Iscritto il: 20/08/2008, 17:30
Località: bologna

Re: [caduto in moto;asfalto insidioso]risarcimento danni?

Messaggio da dami65 » 23/08/2008, 17:53

Ho a che fare con i liquidatori delle varie compagnie di assicurazioni, oramai da circa otto anni e anche per lavoro. Nn sono cavolate...il codice parla chiaro. Comunque la sentenza è la n° 1041 del 03.11.2005.

--------//////--------
Non può essere accolta una domanda di risarcimento del danno derivante da c.d. insidia o trabocchetto stradale, nel caso in cui, dalle risultanze processuali. sia emerso che, al momento del sinistro, non sussisteva un pericolo occulto (nella specie, una buca), caratterizzato dalla coesistenza dell’elemento oggettivo della non visibilità e dell’elemento soggettivo della imprevedibilità, ovverosia nel caso in cui, in sede processuale, non sia stato adeguatamente dimostrato che la buca non fosse, in concreto, invisibile.

Alla stregua di tale principio il Tribunale di Brindisi, con la sentenza n. 1041 del 3 novembre 2005, ha escluso la responsabilità della Pubblica Amministrazione, atteso che il pedone istante aveva sostenuto che la buca esistente su un marciapiede non era visibile perché ubicata tra due automobili parcheggiate sul marciapiede medesimo, l’una dietro l’altra.

Il Giudice pugliese, sulla scorta delle risultanze dell’istruttoria, ha evidenziato che, contrariamente a quanto sostenuto dall’attore, nella specie lo spazio posto tra le due auto, se era sufficiente a consentire il passaggio di una persona, era anche di ampiezza tale da poter essere visivamente controllato dai pedoni in transito; ha aggiunto, inoltre, che la buca era di dimensioni ragguardevoli (larghezza di circa 35 centimetri), tali da non poter facilmente sfuggire all’occhio del pedone diligente, e che, infine, il sinistro si era verificato intorno alle ore 13,30 e, quindi, in una situazione di piena illuminazione stradale; ha concluso, pertanto, che le conseguenze pregiudizievoli del sinistro dovevano farsi ricadere sull’attore che aveva tenuto una condotta inadeguata rispetto al pericolo stesso e non aveva prestato sufficiente diligenza nel prevenire i danni; ha, quindi, rigettato la domanda).

(Altalex, 22 novembre 2005. Nota di Ottavio Carparelli)


SENTENZA N.1041 / 05
N.1479 / 00 R.G. TRIB.


TRIBUNALE DI BRINDISI

Sentenza 3 novembre 2005 n.1041

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale di Brindisi, in composizione monocratica,

in persona della dott.ssa Maria Grazia Curbascio,

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

Nella causa civile n. 1479/2000 R.G.

TRA

V. ANNA, rappresentata e difesa dall’Avv. Antonio

Scafoletti

ATTRICE

E

COMUNE DI BRINDISI, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli Avv. Francesco Trane e Monica Canepa

CONVVENUTO

OGGETTO: risarcimento danni.

Conclusioni

Per l’attrice: accogliere la domanda e condannare il Comune a corrispondere le somme indicate all’udienza del 28.2.2005; con vittoria di spese.

Per il convenuto: rigettare la domanda; con vittoria di spese.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato il 14.7.2000 V. Anna conveniva in giudizio, dinnanzi al Pretore di Brindisi, il Comune di Brindisi, in persona del legale rappresentante pro tempore, per sentirlo condannare al risarcimento dei danni biologico, morale e patrimoniale dalla stessa subiti per un importo complessivo di lire 19.284.500 oltre accessori, a causa del sinistro occorso in data 18.10.1999.

Esponeva l’attrice: a) che il 18.10.1999 alle ore 13,30 circa, sulla via Cristoforo Colombo in Brindisi, per poter scendere dal marciapiede sul quale si trovavano irregolarmente parcheggiate alcune automobili, ella era stata costretta a transitare tra due di esse e, così facendo, aveva messo il piede su una piastrella sconnessa e malferma e, perdendo l’equilibrio, era pesantemente rovinata n una buca ad essa contigua, non visibile e non prevedibile; b) che, a causa della caduta aveva accusato forti dolori al piede sinistro; c) che presso l’Ospedale “Di Summa” di Brindisi le era stata diagnosticata la “frattura della testa del V metatarso sx”; d) che il giorno successivo all’incidente, alcuni componenti del Comando di Polizia Municipale si erano portati sul luogo dell’infortunio ed avevano redatto il relativo rapporto; e) che la responsabilità dell’accaduto andava attribuita, ai sensi dell’art. 2043 c.c. al Comune di Brindisi, ente proprietario della strada e tenuto alla sua manutenzione; f) che i danni subiti (biologico, morale e patrimoniale) erano quelli indicati nell’atto di citazione.

Costituitosi in giudizio, il Comune di Brindisi eccepiva l’improponibilità e la contraddittorietà della dinamica del sinistro descritta dall’attrice, l’insussistenza dei caratteri dell’insidia o del trabocchetto nel pericolo dalla stessa indicato e l’eccessività delle richieste risarcitorie.

La causa veniva istruita con interrogatorio formale dell’attrice, prova testimoniale, produzioni documentali e consulenza tecnica d’ufficio.

All’udienza del 28.2.2005 la causa era trattenuta per la decisione, con assegnazione dei termini (60+20 giorni) per le comparse conclusionali e le memorie di replica.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Alla stregua delle emergenze processuali la domanda non può essere accolta.

L’attrice ha espressamente invocato l’art. 2043 c.c. come fonte della responsabilità del Comune convenuto ed ha dedotto l’invisibilità e l’imprevedibilità del pericolo costituito dalla buca sul marciapiede.

La pubblica amministrazione proprietaria della strada aperta al pubblico transito è tenuta, in ossequio al principio del “neminem laedere” sancito dalla predetta norma, a mantenere la strada medesima ed il relativo marciapiede in condizioni che non costituiscano una situazione di pericolo occulto per l’utente che fa ragionevole affidamento sulla sua apparente regolarità.

Il pericolo occulto (definito anche insidia o trabocchetto) è caratterizzato come è ormai pacifico in giurisprudenza, dalla coesistenza dell’elemento oggettivo della non visibilità e dell’elemento soggettivo della imprevedibilità.

Nella fattispecie in esame, dall’istruttoria espletata non è emerso che il pericolo fosse insidioso o occulto.

Premesso che non è stata depositata la relazione di servizio redatta dalla Polizia Municipale di Brindisi menzionata in atti, né l’eventuale documentazione fotografica ad essa allegata, ma soltanto la nota della stessa Polizia prot. n.10611 del 21.10.1999 diretta al Sindaco ed all’ufficio Lavori Pubblici della Città deve rilevarsi che nella predetta nota si descrive la presenza di una buca al centro del marciapiede di via Cristoforo Colombo della larghezza di circa cm. 40 e della profondità di circa cm.25.

Si trattava quindi di una buca di dimensioni ragguardevoli e tali da non poter facilmente sfuggire all’occhio del pedone diligente.

Non è stato adeguatamente dimostrato che tale buca non fosse in concreto visibile, essendo a tal fine insufficiente la circostanza che la stessa si trovasse tra due automobili parcheggiate sul marciapiede l’una dietro l’altra, come emerge dalla deposizione della teste C. Elena.

Lo spazio posto tra le due auto, se era sufficiente a consentire il passaggio di una persona, era anche di ampiezza tale da poter essere visivamente controllato dai pedoni.

Del resto, il fatto che la stessa testimone abbia potuto notare, in occasione della caduta dell’attrice, che la buca aveva una larghezza di circa 35 centimetri induce a pensare che, prestando l’attenzione che normalmente si richiede ad ogni utente della strada, anche la V. avrebbe potuto tempestivamente accorgersi della presenza della buca medesima tra le due vetture ed avrebbe potuto quindi evitare l’evento lesivo ed il danno.

La deposizione del teste Milo Simone figlio dell’attrice che non ha assistito al sinistro, non porta elementi significativi ai fini della configurabilità di un pericolo insidioso o occulto.

Deve inoltre evidenziarsi che la V. è caduto intorno alle ore 13,30 e quindi in una situazione di piena illuminazione naturale.

In definitiva, poiché la buca in questione rappresentava un pericolo non occulto o insidioso, ma visibile ed evitabile, deve affermarsi che le conseguenze pregiudizievoli del sinistro del 19.10.1999 ricadono sull’attrice che ha tenuto una condotta inadeguata rispetto al pericolo stesso e non ha prestato sufficiente diligenza nel prevenire i danni.

Non può quindi attribuirsi al Comune di Brindisi la responsabilità ex art 2043 c.c. per il danno biologico, patrimoniale e morale lamentato dalla V..

Occorre infine soffermarsi su un punto che ha costituito oggetto di osservazioni da parte del Comune convenuto nelle memorie di replica; in particolare, giova precisare che, come deve argomentarsi sulla base della sentenza della Suprema Corte n.12329/2004, a fronte di un’azione di responsabilità per danni espressamente proposta ai sensi del solo art. 2043 c.c., al giudice non è consentito, attesi i limiti imposti dall’art. 112 c.p.c. e dalle preclusioni processuali in ordine ai termini di modifica della domanda, esaminare la richiesta risarcitoria in base ad una diversa norma e quindi ad una diversa “causa pretendi” non ritualmente invocata (nel caso di specie l’art. 2051 c.c. è stato infatti richiamato solo nella comparsa conclusionale).

Pertanto la pretesa di V. Anna, come fatta valere nel presente giudizio, deve essere respinta.

Tenuto conto di tutte le circostanze del caso concreto, sussistono giusti motivi per compensare tra le parti le spese di lite; restano comunque definitivamente a carico dell’attrice le spese per la consulenza tecnica d’ufficio.

P.q.m.

Il Tribunale di Brindisi, in composizione monocratica, definitivamente pronunciando sulla domanda proposta con atto di citazione notificato il 14.7.2000 da V. Anna nei confronti del Comune di Brindisi, in persona del legale rappresentante pro tempore, così provvede:

- rigetta la domanda;

- compensa le spese di lite tra le parti, fatta eccezione per le spese relative alla consulenza tecnica d’ufficio, che vengono poste definitivamente a carico della V..

Brindisi, 27.8.2005

Il Giudice

Dott. Maria Grazia Curbascio

....Cmq...come dico sempre: Le vie della giustizia sono...infinite! Saluto











Depositata in Cancelleria il 3 novembre 2005.
Ricordati di adottare, in ogni momento, una guida circostanziata alle condizioni della strada, del tempo e del traffico. Indipendentemente dai valori stabiliti dalla legge, éducati a non metterti alla guida se hai assunto sostanze alcooliche o stupefacenti, anche se in misura minima.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti