Carrello omologato (non immatricolato) + targa prova

Commenta insieme a noi il Nuovo Codice della Strada. Se hai ricevuto una multa e vorresti fare ricorso guarda qui. Tantissimi casi on line!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
jeanpier01
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 4
Iscritto il: 28/11/2007, 11:26

Carrello omologato (non immatricolato) + targa prova

Messaggio da jeanpier01 » 07/03/2012, 11:43

Ciao a tutti
ho carello Ellebi per trasporto natanti; il carrello non ha i documenti di omologazione; ho contattato la Ellebi e mi hanno detto che mi possono spedire una copia della omologazione ma che con le attuali leggi non è possibile immatricolarlo.
Vi chiedo ora: con la documentazione della omologazione e con una Targa Prova attaccata al carrello (quelle delle concessionario di auto per intenderci di cui posso usufruire regolarmente) posso circolare?
Posso circolare anche solo con la targa prova senza la omologazione?

Ciao e Grazie a tutti

Avatar utente
ANVU
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1530
Iscritto il: 29/03/2010, 15:12
Contatta:

Re: Carrello omologato (non immatricolato) + targa prova

Messaggio da ANVU » 08/03/2012, 11:54

L'autorizzazione alla circolazione di prova è rilasciata dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti attraverso gli Uffici Provinciali della Motorizzazione, ed ha validità annuale, le modalità per il rilascio, la revoca ed il rinnovo dell'autorizzazione sono stabilite con il decreto del prefato dicastero del 20 novembre 2003 n. 374. L'autorizzazione alla circolazione di prova è utilizzabile per un solo veicolo per volta ed è tenuta a bordo dello stesso, sul veicolo deve essere presente il titolare dell'autorizzazione medesima o un suo dipendente munito di apposita delega ovvero un soggetto in rapporto di collaborazione funzionale con il titolare dell'autorizzazione, purchè tale rapporto sia attestato da idonea documentazione, ed il collaboratore sia munito della necessaria delega.
Per ogni autorizzazione è consentito esclusivamente un unico esemplare di targa prova. La targa di prova deve necessariamente ed obbligatoriamente essere coperta da assicurazione per la responsabilità civile verso terzi e, nella prassi comune, ne è possibile la collocazione anche su veicoli già immatricolati scoperti da RC Auto ovvero per i quali non sia stata corrisposta la tassa automobilistica. Inoltre, la targa prova è soggetta al pagamento della tassa automobilistica a norma dell'art.23 del T.U. delle norme sulle tasse automobilistiche. Ai fini fiscali appare di rilevante importanza che il soggetto interessato indichi, all'atto della richiesta dell'autorizzazione alla circolazione di prova, per quale tipologia di veicoli intende utilizzare la targa prova.
La Polizia Locale al servizio dei cittadini :)

Questa assistenza viene fornita gratuitamente dall'ANVU - Associazione Polizia Locale d'Italia
Per maggiori informazioni su di noi vieni sul sito http://www.anvu.it

Da una collaborazione tra SicurAUTO.it e ANVU

jeanpier01
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 4
Iscritto il: 28/11/2007, 11:26

Re: Carrello omologato (non immatricolato) + targa prova

Messaggio da jeanpier01 » 08/03/2012, 12:16

questa è la definizione di targa prova, ma la mia domanda è un'altra:
per circolare con un carello con annesso targa prova occorre anche avere i documenti i omologazione del carrello oppure basta solo la targa prova?

Avatar utente
ANVU
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1530
Iscritto il: 29/03/2010, 15:12
Contatta:

Re: Carrello omologato (non immatricolato) + targa prova

Messaggio da ANVU » 09/03/2012, 15:56

Ai sensi del DPR 474/2001 sono disciplinate le eccezioni alla circolazione con la Carta di Circolazione. Qui di seguito si riporta l'art. 1 del DPR dove sono elencate tali eccezioni. Se non ricorre in questi casi, la CdC è obbligatoria.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 novembre 2001, n.474 - Regolamento di semplificazione del procedimento di autorizzazione alla circolazione di prova dei veicoli.
(in G.U. 30 gennaio 2002)
Art. 1. - Autorizzazione alla circolazione di prova
1. L'obbligo di munire della carta di circolazione di cui agli articoli 93, 110 e 114 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, i veicoli che circolano su strada per esigenze connesse con prove tecniche, sperimentali o costruttive, dimostrazioni o trasferimenti, anche per ragioni di vendita o di allestimento, non sussiste per i seguenti soggetti, se autorizzati alla circolazione di prova ai sensi del presente articolo:
a) le fabbriche costruttrici di veicoli a motore e di rimorchi, i loro rappresentanti, concessionari, commissionari e agenti di vendita, i commercianti autorizzati di tali veicoli, ivi comprese le aziende che esercitano attività di trasferimento su strada di veicoli non ancora immatricolati da o verso aree di stoccaggio e per tragitti non superiori a 100 chilometri, nonché gli istituti universitari e gli enti pubblici e privati di ricerca che conducono sperimentazioni su veicoli;
b) le fabbriche costruttrici di carrozzerie e di pneumatici;
c) le fabbriche costruttrici di sistemi o dispositivi di equipaggiamento di veicoli a motore e di rimorchi, qualora l'applicazione di tali sistemi o dispositivi costituisca motivo di aggiornamento della carta di circolazione ai sensi dell'articolo 236 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, e successive modificazioni, i loro rappresentanti, concessionari, commissionari e agenti di vendita, i commercianti autorizzati di veicoli allestiti con tali sistemi o dispositivi di equipaggiamento;
d) gli esercenti di officine di riparazione e di trasformazione, anche per proprio conto.
La Polizia Locale al servizio dei cittadini :)

Questa assistenza viene fornita gratuitamente dall'ANVU - Associazione Polizia Locale d'Italia
Per maggiori informazioni su di noi vieni sul sito http://www.anvu.it

Da una collaborazione tra SicurAUTO.it e ANVU

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti