Ciclomotori: da gennaio controllo velocità - Max 45 Km/h!

Commenta insieme a noi il Nuovo Codice della Strada. Se hai ricevuto una multa e vorresti fare ricorso guarda qui. Tantissimi casi on line!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Ciclomotori: da gennaio controllo velocità - Max 45 Km/h!

Messaggio da SicurAUTO » 21/12/2003, 15:34

IMPORTANTE!

Dal 1 gennaio 2004 per i ciclomotori che verranno sottoposti alle revisioni previste dalla normativa vigente dovra' essere controllata la velocita' massima raggiungibile. Lo dispone una circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che prevede inoltre che dalla stessa data scatti, sempre in sede di revisione, anche il controllo delle emissioni sia per i ciclomotori che per i motocicli.

Per gli utilizzatori di ciclomotori (e per la sicurezza stradale) il controllo della velocita' raggiungibile e' una vera rivoluzione. Come e' noto -informa l'Osservatorio Autopromotec- la legge stabilisce che i ciclomotori non debbano essere in grado di superare la velocita' di 45 km/h.

Capita pero' molto frequentemente che i dispositivi di limitazione della velocita' vengano rimossi dopo l'acquisto del ciclomotore -scrive Autopromotec-. Con l'entrata in vigore dell'obbligo del controllo in occasione delle revisioni periodiche si porra' un freno a questi abusi che hanno certamente un impatto negativo sulla sicurezza stradale. La normativa prevede una tolleranza del 10%. Cio' significa che i ciclomotori che saranno in grado di oltrepassare la velocita' di 49,5 Km/h non supereranno la revisione e dovranno essere riportati a norma del Codice. Secondo l'Osservatorio Autopromotec, emanazione dell'omonima rassegna mondiale di attrezzature e prodotti per l'assistenza ai mezzi di trasporto, l'entrata in vigore del controllo della velocita' massima raggiungibile per i ciclomotori e' molto importante per la sicurezza in quanto gli abusi in questa materia sono veramente molto diffusi.

La revisione dei motoveicoli e' divenuta obbligatoria nel nostro Paese nel 2001 e dopo due anni di rodaggio, il sistema e' andato a regime dall'inizio del 2003. La normativa stabilisce che tutti i motocicli soggetti ad immatricolazione (motocicli, motocarrozzette, motoveicoli per trasporto promiscuo, motocarri, mototrattori, motoveicoli per trasporti specifici ed uso speciale) debbano essere sottoposti per la prima volta a revisione nel quarto anno successivo a quello di immatricolazione entro il mese di rilascio della carta di circolazione e successivamente ogni due anni entro il mese corrispondente a quello dell'ultima revisione.

Analogamente i ciclomotori (compresi i quadricicli leggeri) che, com'e' noto, non vengono immatricolati debbono essere sottoposti a revisione per la prima volta nel quarto anno successivo a quello del rilascio del certificato d'idoneita' tecnica entro il mese di rilascio dello stesso certificato e successivamente ogni due anni entro il mese corrispondente a quello in cui e' stata effettuata l'ultima revisione.

Nel 2003 sono stati chiamati a revisione, secondo le stime dell'Osservatorio Autopromotec, 4.689.523 motoveicoli. Al termine del primo semestre soltanto 858.268 mezzi sono stati pero' sottoposti a revisione presso le officine autorizzate. Si puo' quindi ritenere che vi sia una elevata quota di evasione dell'obbligo. Per cercare di evitare questa situazione fortemente negativa per la sicurezza della circolazione e per l'inquinamento, l'Osservatorio Autopromotec suggerisce al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di inviare, con congruo anticipo, ad ogni proprietario di motoveicolo un avviso per ricordare la scadenza dell'obbligo del controllo per il suo mezzo, analogamente a quanto avviene per la scadenza della validita' della patente di guida.

Dopo anni e anni di mancati controlli e limitazioni fantasma sembra che finalmente qualcosa si stia muovendo... :ok
Ultima modifica di SicurAUTO il 07/01/2008, 10:55, modificato 1 volta in totale.
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

luciano154
Rank: Autista modello!
Rank: Autista modello!
Messaggi: 272
Iscritto il: 01/06/2003, 23:46

Messaggio da luciano154 » 21/12/2003, 15:52

sì, qualcosa si muove ma nel verso sbagliato!
io ho tolto i diaframmi dal mio motorino non per fare lo sborone e correre più veloce, ma xchè le case costruttrici, per venire incontro al codice della strada italiano (a quanto ne so solo in italia i motocicli devono essere autolimitati) utilizzano un sistema di autolimitazione molto economico da applicare, ma che rovina il motore e triplica i consumi. questo è ciò che mi ha detto il mio meccanico di fiducia (tecnico in una concessionaria ufficiale yamaha).
ed effettivamente l'ho constatato anche io, infatti ho tolto i diaframmi solo dopo qualche mese dall'acquisto (x motivi di tempo non avevo fatto in tempo a farli togliere subito) e il veicolo ha cominciato a consumare la metà e a non strozzarsi più in salita, senza per questo raggiungere alte velocità...

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Messaggio da SicurAUTO » 21/12/2003, 15:58


sì, qualcosa si muove ma nel verso sbagliato!
Il senso è quello giusto l'errore è delle case costruttrici!! :grr
La colpa è loro... e cmq vista questa inversione di tendenza è probabile che migliorino anche i loro sistemi di limitazione... magari riducendo a monte la potenza del motore...
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
sciaci
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1765
Iscritto il: 26/09/2003, 19:18
Località: La Città del Sole

Messaggio da sciaci » 21/12/2003, 16:53

Vabbé che anche un cinquantino nuovo di concessionaria anche con i diaframmi fa sicuramente i 50!

Articolo letto su moto.it

Non so fino a che punto possa esserci "sicurezza" se su di una strada urbana a scorrimento veloce dove il limite è 70 ci si trovi davanti un 50ino che va a 45! :??? :??? :??? :??? :??? :??? :??? :??? :??? :???

E aggiungo pensate su di una statale di un paese di campagna dove il limite è 90!!! :ooh :ooh :ooh :( :( :( :o :o :o :-[ :-[ :-[
Ultima modifica di sciaci il 21/12/2003, 17:04, modificato 1 volta in totale.
Immagine

luciano154
Rank: Autista modello!
Rank: Autista modello!
Messaggi: 272
Iscritto il: 01/06/2003, 23:46

Messaggio da luciano154 » 21/12/2003, 16:56

Non so fino a che punto possa esserci "sicurezza" se su di una strada urbana a scorrimento veloce dove il limite è 70 ci si trovi davanti un 50ino che va a 45!
hai perfettamente ragione.
La colpa è loro... e cmq vista questa inversione di tendenza è probabile che migliorino anche i loro sistemi di limitazione... magari riducendo a monte la potenza del motore...
in virtù di cosa dovrebbero abbassare le prestazioni del motore quando l'unico mercato che lo richiede è l'italia??

Avatar utente
sciaci
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1765
Iscritto il: 26/09/2003, 19:18
Località: La Città del Sole

Messaggio da sciaci » 21/12/2003, 17:02

luciano154 ha scritto:in virtù di cosa dovrebbero abbassare le prestazioni del motore quando l'unico mercato che lo richiede è l'italia??
Come il fatto che tutti i 50ini hanno selle che possono portare comodamente due persone (invece di una come prescrive la legge) quasi come i Maxi-scooter, perché all'estero non ci sono queste limitazioni!

Mah! :??? :??? :???
Immagine

luciano154
Rank: Autista modello!
Rank: Autista modello!
Messaggi: 272
Iscritto il: 01/06/2003, 23:46

Messaggio da luciano154 » 21/12/2003, 17:23

ognitanto la legge si dovrebbe adeguare al mercato.
non si possono azzoppare i motorini per leggi antiquate! eddai! se sono così pericolosi (e lo sono eccome) alzassero l'età minima x portarli introducendo una patente vera (e non un patentINO che mi sa tanto di presa x i fondelli).

Avatar utente
sciaci
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1765
Iscritto il: 26/09/2003, 19:18
Località: La Città del Sole

Messaggio da sciaci » 21/12/2003, 17:32

luciano154 ha scritto:ognitanto la legge si dovrebbe adeguare al mercato.
non si possono azzoppare i motorini per leggi antiquate! eddai! se sono così pericolosi (e lo sono eccome) alzassero l'età minima x portarli introducendo una patente vera (e non un patentINO che mi sa tanto di presa x i fondelli).
Quoto in pieno! :ok :ok :ok :ok :ok :ok
Immagine

luciano154
Rank: Autista modello!
Rank: Autista modello!
Messaggi: 272
Iscritto il: 01/06/2003, 23:46

Messaggio da luciano154 » 21/12/2003, 17:59

cmq se è vero che alcuni ciclomotori sono in grado di ospitare comodamente due persone, non è altrettanto vero che tutti dispongono di un sistema frenante adeguato al trasporto di un passeggero!

Avatar utente
sciaci
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1765
Iscritto il: 26/09/2003, 19:18
Località: La Città del Sole

Messaggio da sciaci » 21/12/2003, 19:25

luciano154 ha scritto:cmq se è vero che alcuni ciclomotori sono in grado di ospitare comodamente due persone, non è altrettanto vero che tutti dispongono di un sistema frenante adeguato al trasporto di un passeggero!
Vabbé oggi come oggi quasi il 95% degli scooter 50 ha il disco anteriore e tamburo posteriore che non sono male! Alcuni modelli un pò sportiveggianti, (Gilera etc) anche doppio disco!

Vabbé poi ci sono ancora gli ciao in commercio con doppio tamburo che se freni in tempo hai avuto un miracolo! :P :P :P :P
Immagine

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite