Circolazione durante i blocchi euro 4

Commenta insieme a noi il Nuovo Codice della Strada. Se hai ricevuto una multa e vorresti fare ricorso guarda qui. Tantissimi casi on line!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Avatar utente
Federico Autotecnica
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 6289
Iscritto il: 06/12/2005, 22:30
Località: Brescia
Contatta:

Re: ...---... S.O.S. SUPER-FEDELELLA!!!!

Messaggio da Federico Autotecnica » 09/03/2006, 21:40

Jak ha scritto::eh

Aiuto Super-Fedelella!!!! ...---.... S.O.S.

Scusa Tatter ma mi schiero con Jak ..................:)

Una bella descrizione del funzionamento FAP

Per ridurre invece il Particolato prodotto dai motori diesel esiste un altro sistema di post-trattamento, denominato FAP (Filtro AntiParticolato) o più comunemente "trappola". Questo è essenzialmente costituito da un vero e proprio filtro metallico che imprigiona le particelle carboniose costituenti il particolato. Come tutti i filtri però la trappola, una volta riempita, necessita di essere svuotata o sostituita. Un tempo le trappole, istallate solo su grosse applicazioni, avevano un sistema di rigenerazione, costituito da un bruciatore (questo sistema, dato l’alto costo, era usato solo sui veicoli pesanti). Quando la trappola era "piena" la centralina, avvertita da due sensori di pressione, posti uno a valle ed uno a monte della trappola, che rilevavano la differenza di pressione generata dal materiale depositato, azionava un bruciatore che bruciava il particolato, liberando il filtro. In altre applicazioni, la trappola era un elemento che si sostituiva durante la normale manutenzione.

Ora il sistema di rigenerazione dei filtri antiparticolato è molto più efficiente e soprattutto più economico, questo ha reso possibile la loro applicazione anche sulle normali autovetture di serie. Leader in questo settore, come anche in quello dei propulsori diesel in generale, è il Gruppo PSA (Peugeot-Citroën), che ha realizzato un sistema di rigenerazione basato sull’introduzione di un additivo nel gasolio. La rigenerazione del FAP consiste nel bruciare periodicamente il particolato accumulato nel filtro che, in presenza di ossigeno, brucia ad una temperatura di 550°C. Il sistema di gestione motore attiva un’iniezione supplementare per portare la temperatura iniziale dei gas di scarico da circa 150°C (nella circolazione in città) a 450°C all’entrata nel catalizzatore. Questo aumento di temperatura si effettua con una postiniezione (dopo il PMS) che crea una postcombustione nel cilindro e determina un aumento della temperatura di 200°C e con una ulteriore postcombustione complementare generata dal catalizzatore (ossidante) posto a monte del filtro che innalza la temperatura di altri 100°C: ciò permette ai gas di scarico di raggiungere la temperatura di 450°C. Per abbassare la soglia di rigenerazione il carburante è additivato con EOLYS che riduce la temperatura di combustione del particolato da 550°C a 450°C. L’additivo, aggiunto al gasolio in piccolissima quantità, denominato EOLYS (prodotto dalla francese Rhodia S.A.) è un prodotto a base (4,2% in massa) di ossido di Cerio (chiamato comunemente Cerina).

Il sistema FAP prevede l’impiego di un serbatoio di EOLYS da 5 litri (sufficiente per 80000 Km), dal quale l’additivo, ad ogni rifornimento di gasolio, viene prelevato e miscelato al gasolio nella concentrazione di 37,5 cm3 (1,9 gr di ossido di cerio) per 60 litri di gasolio. L’additivo viene introdotto nel serbatoio del gasolio attraverso un elettroniettore pilotato dalla apposita centralina di additivazione. La rilevazione dello stato di filtro "intasato" è effettuata dalla centralina elettronica controllo motore, attraverso un sensore di pressione differenziale che misura la differenza di pressione tra monte e valle del FAP. Quando il filtro dovesse risultare intasato la stessa centralina comanda la fase di rigenerazione. La rigenerazione completa si compie in due o tre minuti e si effettua ogni 400-500 km senza che il conducente se ne accorga grazie a delle sofisticate tecniche di gestione della coppia motrice. Il filtro dovrà essere rigenerato ogni 80000 km contestualmente al rifornimento dell’additivo.
ESTRATTO DA www.rivistamotor.com
Federico alias "FEDELELLA" - Professione: Autoriparatore
AUTOTECNICA BRESCIA l'officina ufficiale di SicurAUTO.it :ok

MTB BRESCIA

Avatar utente
tatter
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 39
Iscritto il: 08/01/2006, 23:33

Messaggio da tatter » 09/03/2006, 23:05

Credo che Jak abbia capito come funzionano le cose!!!!!

Bhe le cose non sono poi così drammatiche ma la filosofia è proprio questa, se ti ostini ad inquinare la macchina ti pianta a piedi, vuoi ridere davvero ? Ci sono macchine (alcune punto e alcune opel ma la lista si stà allungando) che se insisti a circolare in riserva dopo un po' non partono più !!!!! :D :D :D :D :D :D :D :D
Ma secondo te perchè io circolo con un vecchio rottame a metano? C'entra anche lo stipendio ma è stata determinante l'esperienza di lavoro...sto tentando di saltare direttamente dal buon vecchio carburatore all'idrogeno :D :D :D :D ma mi sa che non ci riesco bho ...... speriamo. Comunque le notizie che ti ho passato nella sostanza sono corrette, non ti nascondo che quando mi sono reso conto delle conseguenze mi è cascata la mascella a terra, adesso è il pilota che deve adattarsi alla macchina e non il viceversa!!! E' ovvio che nessun venditore, se non costretto ti darà mai queste notizie perchè scoraggerebbe l'acquisto (se devo avere rogne mi tengo il mio catorcio!!!), è più bello dire TUTTI MOTORI GIA' EURO4, COL FILTRO FAP PUOI ANDARE SEMPRE E OVUNQUE che metterti al corrente delle noie che puoi incontrare soprattutto se sei un pantofolaio dell'auto. Lo stesso accadrà con l'euro 5, ho avuto notizia che molte case per riusciranno a stare nei parametri e stanno pensando alla costruzione di ibridi. In tal caso vedrai come le case esalteranno le qualità dell'ibrido, ma è difficile che ti dicano che la prima difficoltà che incontrerai è che già dopo il primo anno dovrai fare la revisione periodica e dovrai ripeterla tutti gli anni della sua esistenza (le ibride sono considerate veicoli atipici e gli atipici si revisionano TUTTI gli anni a partire dalla prima immatricolazione!!!!!). :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: Sai come me la rido!!!!
Non vedo l'ora!!!! Potro finalmente chiedere un congruo aumento di stipendio dopo tanti anni di cinghia !!!!! :wink:

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti