[Colpo di frusta] un trucco ormai conosciuto per guadagnare

Hai avuto un incidente? Vuoi un parere sul tuo caso? Hai qualche problema con la tua assicurazione?

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
aletom79
Rank: Autista sicuro!
Rank: Autista sicuro!
Messaggi: 339
Iscritto il: 21/08/2006, 20:53
Nome: Alessandro
Località: Milano
Contatta:

[Colpo di frusta] un trucco ormai conosciuto per guadagnare

Messaggio da aletom79 » 15/12/2009, 13:39

In un villaggio viveva un pastore che di notte doveva fare la guardia alle pecore. Si divertiva a fare uno scherzo: mentre le altre persone erano a dormire egli cominciava a gridare: “Al lupo, al lupo!” Così tutti si svegliavano e accorrevano per aiutarlo. Ma dopo il pastore burlone rivelava che era stato tutto uno scherzo. Questo scherzo continuò per parecchi giorni, finché una notte il lupo arrivò veramente. Il pastore cominciò a gridare: “Al lupo, al lupo!”. Ma nessuno venne ad aiutarlo perché tutti pensarono che fosse il solito scherzo. Così il lupo si mangiò tutte le pecore.
Fonte: wikipedia

I risarcimenti delle compagnie assicurative per i danni alle persone incidono sul costo medio dei sinistri, quindi oltre che tenere alto il livello dei prezzi r.c.a. si rischia di diffondere una cultura errata dell’uso dell’assicurazione. Gridando al lupo! al lupo! chi avrà davvero un problema di “colpo di frusta” finirà per incorrere nel non essere creduti da un perito per un problema vero?

Riflettiamo sull’articolo di Giovanni D’AGATA (Componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore”).

Circa il 70% degli automobilisti italiani che subiscono sinistri stradali denuncia lesioni al rachide
cervicale, altrimenti note come colpo di frusta. Un dato insolito ed abnorme ma soprattutto
assolutamente sproporzionato rispetto la reale gravità dei sinistri. Molto spesso, infatti, il risarcimento
per “colpo di frusta” viene chiesto anche in caso di sinistri nei quali le autovetture coinvolte riportano
danni lievi o lievissimi, o in cui la dinamica non giustifica un violento e brusco spostamento del tronco
dell’infortunato. La situazione è ancor più incomprensibile se si considera che oggi le auto devono per
legge avere in dotazione tutti i dispositivi di sicurezza atti ad evitare simili disturbi (Abs, Airbags,
poggiatesta attivi, schienali anatomici).
Queste richieste trovano fondamento su certificazioni di medici compiacenti, che attestano semplici
sindromi soggettive, prive cioè di qualsivoglia riscontro obiettivo che possa far giungere in maniera
inequivocabile alla conclusione che esiste una vera e propria lesione. In alcuni casi, addirittura, si
riscontra la comparsa di danneggiati da colpo di frusta che molto probabilmente non erano presenti al
momento del fatto, ma che, approfittando della situazione, si dotano tempestivamente di certificazione
medica e partono alla conquista di un risarcimento illegittimo.
Il tutto a spese delle Compagnie di Assicurazioni, che già da tempo hanno levato la loro voce, facendo
presente al Ministero competente l’anomalia di questa situazione, chiedendo un intervento legislativo e
soprattutto minacciando di alzare le tariffe per compensare quanto speso per questa vera e propria
tassazione. IN DEFITINIVA, TUTTO RISCHIA DI RISOLVERSI SOLO IN UN DANNO PER I
CONSUMATORI ITALIANI, CHE, A CAUSA DI POCHI FURBI, SI VEDRANNO CHIAMATI A
PAGARE CIFRE ESORBITANTI PER L’ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA.
QUESTA SITUAZIONE NON PUO’ PROSEGUIRE OLTRE. OCCORRE che le autorità di
sorveglianza sul settore assicurativo e quelle a tutela del consumatore svolgano indagini approfondite,
monitorando gli incidenti che annualmente si verificano, attuando degli interventi preventivi sulla
sicurezza stradale e realizzando un osservatorio permanente sui premi R.C. auto.
Giovanni D’AGATA, componente nazionale del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di
Italia dei Valori, ritiene che sarebbe opportuno svolgere indagini dal punto di vista medico-legale per
verificare concretamente i reali inconvenienti provocati nei sinistri e poi accertare che nelle diagnosi di
colpo di frusta non ci sia qualcuno che vi lucri sopra illecitamente.

Fonte: Giovanni D’AGATA (Componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore”)
Alessandro Tomasello - Audit manager di un' importante compagnia assicurativa. Non chiedetemi quale però!
Segui il mio blog www.assicuriamocibene.it

aletom79
Rank: Autista sicuro!
Rank: Autista sicuro!
Messaggi: 339
Iscritto il: 21/08/2006, 20:53
Nome: Alessandro
Località: Milano
Contatta:

Re: [Colpo di frusta] un trucco ormai conosciuto per guadagnare

Messaggio da aletom79 » 15/12/2009, 14:14

"CONSIGLI":

Nel caso di un incidente se i danni fisici sono stati causati dalla controparte e siamo alla guida del veicolo allora attraverso la richiesta di risarcimento chiediamo i danni alla persona, attraverso la procedura di risarcimento diretto o chiedendo i danni alla compagnia della controparte.

Nel caso in cui siamo dei trasportati, cioè ci troviamo su un veicolo coinvolto in un incidente, chiediamo i danni alla compagnia assicurativa dell'auto in cui siamo trasportati; se chi vi trasporta ha paura a far denunciare il vostro "danno" state tranquilli in quanto i danni al trasportato non causano l'applicazione del malus per il porprietario del veicolo!
Alessandro Tomasello - Audit manager di un' importante compagnia assicurativa. Non chiedetemi quale però!
Segui il mio blog www.assicuriamocibene.it

500L
Rank: Autista sicuro!
Rank: Autista sicuro!
Messaggi: 331
Iscritto il: 26/09/2009, 11:36
Località: Palermo

Re: [Colpo di frusta] un trucco ormai conosciuto per guadagnare

Messaggio da 500L » 15/12/2009, 21:09

Una delle tante dimostrazioni della "furbizia" del nostro popolo, furbizia che poi si tramuta regolarmente in un danno per tutti. Questo fenomeno dei colpi di frusta è molto più diffuso in Italia che nel resto d'Europa, il che è stranissimo visto che le nostre auto sono uguali a quelle che vendono all'estero ed anche la conformazione degli italiani non dovrebbe essere diversa da quella degli altri europei.

aletom79
Rank: Autista sicuro!
Rank: Autista sicuro!
Messaggi: 339
Iscritto il: 21/08/2006, 20:53
Nome: Alessandro
Località: Milano
Contatta:

Re: [Colpo di frusta] un trucco ormai conosciuto per guadagnare

Messaggio da aletom79 » 15/12/2009, 23:02

ciao giusta osservazione :ok
se vuoi visita anche il sito del network sicurauto.it che parla di assicurazioni
www.assicuriamocibene.it

puoi lasciare anche dei commenti li....
Alessandro Tomasello - Audit manager di un' importante compagnia assicurativa. Non chiedetemi quale però!
Segui il mio blog www.assicuriamocibene.it

Avatar utente
avv_ben
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1150
Iscritto il: 22/12/2009, 11:24

Re: [Colpo di frusta] un trucco ormai conosciuto per guadagnare

Messaggio da avv_ben » 22/12/2009, 13:34

Scusate se dissento.
Se gli italiani fossero un popolo davvero furbo, allora si chiederebbero come mai le associazioni dei consumatori hanno fatto pappa e ciccia con le Compagnie per promuovere l'indennizzo diretto, con il miraggio di un abbassamento dei costi, che non c'è mai stato (questo a proposito dell'articolo di D'Agata).
Per inciso, il "colpo di frusta" presuppone un allineamento innaturale delle vertebre cervicali riscontrabile obiettivamente. Se non c'è l'allineamento, non c'è colpo di frusta e le sindromi soggettive certificate dai medici non valgono nulla.
Peraltro i medici legali incaricati dale assicurazioni non sono certo inclini a stimare danni che non ci sono, visto chi è il oro committente. E per esperienza vi dico che il danno viene regolarmente liquidato sulla base quasi esclusivamente della valutazione del medico fiduciario delle compagnie.
Infine: se in altre parti d'europa non risarciscono tante micropermanenti che certamente ci sono, buon per le compagnie. Ma non confondiamo il problema delle frodi assicurative, che si sa ci sono e sono diffuse soprattutto in certe zone d'italia, con i sacrosanti diritti dei danneggiati ad essere integralmente risarciti.
AB
Vuoi un parere legale personalizzato sulla tua vicenda che preveda lo studio approfondito delle tue carte? Immagine
Per una consulenza legale GRATUITA più completa sul tuo caso personale clicca qui

Antonio Benevento - avvocato in Milano - consulente Rc Auto di SicurAUTO.it

aletom79
Rank: Autista sicuro!
Rank: Autista sicuro!
Messaggi: 339
Iscritto il: 21/08/2006, 20:53
Nome: Alessandro
Località: Milano
Contatta:

Re: [Colpo di frusta] un trucco ormai conosciuto per guadagnare

Messaggio da aletom79 » 22/12/2009, 19:09

Ciao hai scritto cose che condivido, resta il fatto però che inspiegabilmente secondo dati statistici in Italia "il colpo di frusta" è più frequente rispetto agli altri paesi europei.
Ora o noi italiani siamo più fragili o le macchine che usiamo in italia sono prive dei sistemi di sicurezza rispetto alle auto usate in altri posti.
Come lo spieghiamo? Probabilmente o gli italiani sono davvero furbi o i medici legali non fanno visite accurate?

www.youtube.com/watch?v=fQLW-_7jKQw
Alessandro Tomasello - Audit manager di un' importante compagnia assicurativa. Non chiedetemi quale però!
Segui il mio blog www.assicuriamocibene.it

500L
Rank: Autista sicuro!
Rank: Autista sicuro!
Messaggi: 331
Iscritto il: 26/09/2009, 11:36
Località: Palermo

Re: [Colpo di frusta] un trucco ormai conosciuto per guadagnare

Messaggio da 500L » 22/12/2009, 23:30

A questo punto sarebbe davvero utile uno studio dettagliato sulle esperienze in materia di risarcimento danni micropermanenti nell'Unione europea. Potrebbero esserci differenze legislative e/o giurisprudenziali tra i vari Stati (leggi e Tribunali che non riconoscono questo tipo di danni), ma se così fosse andrebbe fatta un'armonizzazione, visto lo svantaggio che abbiamo in Italia per i costi assicurativi che impattano pesantemente su tutta l'economia... per dirla terra-terra tra un paio di settimane mi scade l'assicurazione e ho dovuto mettere da parte la tredicesima ;(

Avatar utente
avv_ben
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1150
Iscritto il: 22/12/2009, 11:24

Re: [Colpo di frusta] un trucco ormai conosciuto per guadagnare

Messaggio da avv_ben » 23/12/2009, 11:07

Sui sistemi di sicurezza non sono ferratissimo, certo mi sembrerebbe strano se le auto italiane fossero meno sicure di quelle di altri paesi della CE.
Penso sia difficile capire perchè in Italia si verifica questo fenomeno, ma mi sento di escludere che si tratti di prassi mediche differenti. Secondo me in altri paesi semplicemente non vanno al pronto soccorso, o comunque non si controllano dopo un incidente. Non è detto che il loro atteggiamento "stoico" (sempre che la mia ipotesi sia plausibile) sia giusto, visto che i dolori cervicali dopo un colpo di frusta iniziano dopo diverse ore e si rifanno vivi nel lunghissimo periodo (parlo per eseprienza personale :mah ). Non è detto soprattutto che se d'incanto si dimezzassero i colpi di frusta, i premi diminuirebbero.
Non so se qualcuno di voi è al corrente di cosa è successo poco più di un anno fa. Sono uscite le c.d Sentenze di San Martino, ovvero delle pronunce della Corte di Cassazione a sezioni unite che hanno rivoluzionato il calcolo del risarcimento del danno. Avrebbero dovuto essere incentrate sul danno esistenziale, invece contengono alcuni passaggi che hanno messo le compagnie nella posizione di potersi rifiutare di riconoscere il c.d. danno morale, prima automatico (di solito 1/3 sulla invalidità permanente).
Semplificando, le compagnie risparmiano 500,00 euro circa per ogni riasrcimento di colpo di frusta.
Voi dite che questo enorme risparmio si tradurrà in riduzione dei premi? Per ora pare di no...
Vuoi un parere legale personalizzato sulla tua vicenda che preveda lo studio approfondito delle tue carte? Immagine
Per una consulenza legale GRATUITA più completa sul tuo caso personale clicca qui

Antonio Benevento - avvocato in Milano - consulente Rc Auto di SicurAUTO.it

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti