[Crash test Guard Rail] Salvamotociclisti!

Anche tu sei stufo di vedere troppi morti sulle strade? Unisciti a noi e facci conoscere le tue idee. La sicurezza stradale è un problema di tutti!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
zanzara
Rank: Neo patentato
Rank: Neo patentato
Messaggi: 57
Iscritto il: 06/08/2006, 17:12
Località: cagliari
Contatta:

[Crash test Guard Rail] Salvamotociclisti!

Messaggio da zanzara » 17/11/2007, 2:32

CRASH TEST GUARD RAIL SALVAMOTOCICLISTI

da www.asaps.it

di Riccardo Matesic
Ormai di protezioni per i motociclisti da montare sui guard rail ne esistono diverse, ma non c’è nessuna norma che permetta di omologarle, né in Europa né a livello nazionale. Nel frattempo abbiamo assistito a un emozionante crash test
La slitta corre rasoterra e si blocca a un metro dal guard rail, lasciando scivolare il manichino, che sbatte a 60 Km/h con la testa. L’angolo d’impatto è di 30 gradi, e l’urto è potente. La visiera del casco si stacca da un lato, mentre il finto corpo scivola e si arresta poco dopo. Corriamo a vedere: il nostro motociclista apparentemente non ha danni.
Facciamo un passo indietro. La Snoline, azienda che produce l’attenuatore d’urto per motociclisti DR46, ha organizzato questa giornata appositamente per presentare il suo prodotto, lo stesso già montato un anno fa sulla via Apecchiese ( http://www.motonline.com/news/articolo.cfm?codice=80964 ), in provincia di Perugia.
La sede scelta è il laboratorio per le prove d’impatto del Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale del Politecnico di Milano.
L’obiettivo è dimostrare l’efficacia del DR46, ma anche sollevare il problema della mancanza di normative d’omologazione. Perché al momento l’attenuatore d’urto è inomologabile, come le altre protezioni dello stesso tipo. Manca una norma, sia a livello nazionale che europeo. Gli unici stati che hanno fatto un protocollo per le prove di questo tipo sono Spagna e Francia, ma non si tratta di vere norme d’omologazione, e in Italia non hanno valore.
“Della questione si sta occupando la commissione europea CEN/TC 226 di cui faccio parte –dice il Prof. Marco Anghileri, del Politecnico-. L’interesse per questa tematica si è sviluppato proprio grazie alle pressioni delle associazioni dei motociclisti”. Non a caso in sala è presente l’AMI, l’Associazione Motociclisti Incolumi.

Immagine Immagine



Pro e contro del DR46
L’attenuatore d’urto per motociclisti prodotto dalla Snoline è un salsicciotto in polietilene. Per metterne a punto il materiale di produzione è servito il reparto di chimica dell’azienda lombarda, perché era necessario che la plastica mantenesse inalterate le sue caratteristiche meccaniche, indipendentemente dalla temperatura e senza la possibilità che i raggi ultravioletti le alterassero rapidamente.
La forma a doppia onda è stata studiata in modo da guidare e contenere il corpo del motociclista che scivola, evitando il più possibile che qualche arto possa scivolare in alto ed essere tagliato dalla lama del guard rail.
Particolare anche la costruzione cava piena d’aria, che dovrebbe permettere al DR46 di assorbire proprio grazie all’aria interna l’energia del corpo del motociclista.
“Il nostro attenuatore d’urto –dice l’ing. Luca Petrozzi della Snoline- non altera il comportamento delle barriere preesistenti, cosa proibita dalla normativa, non riduce la sicurezza della strada per gli altri veicoli, ha tempi di montaggio ridotti e si adatta a tutti i tipi di guard rail. Può inoltre essere prodotto in qualunque colore, anche se riteniamo che il giallo abbia un effetto deterrente sulla voglia di aprire il gas”.
Già, ma quanto costa? All’inizio c’è reticenza su questo argomento, alla fine ecco la cifra: fra i 40 e i 50 euro al metro, montato. Un po’ tanto secondo noi, perché visti i bilanci magri delle amministrazioni, ci sembra difficile che gli assessori pensino di spendere dei soldi in più. Ci sarebbe da considerare, è vero, la riduzione delle spese sanitarie, ma quelle sono del servizio sanitario nazionale, mentre i costi per la manutenzione stradale sono locali. E c’è di mezzo il federalismo. Speriamo di essere smentiti dai fatti.
Altra nota dolente: in caso di urto il DR46 si rompe e va sostituito, anche solo nel segmento danneggiato. Il produttore assicura però che questo succede solo per urti di intensità particolarmente elevata, altrimenti tende a recuperare la forma originaria. E di questo abbiamo avuto dimostrazione nel crash test cui abbiamo assistito.
Infine un’annotazione: sulle curve della via Apecchiese, dove il DR46 è stato installato un anno fa, non ci sono più stati incidenti. La sola vista della protezione gialla sembra aver convinto i motociclisti della pericolosità di quelle pieghe.

Immagine Immagine

Il laboratorio per le prove d’impatto del olitecnico di Milano è una struttura affascinante. Al suo interno si fanno test d’impatto per aerei ed elicotteri, ma anche per auto e guard rail. Il sistema di trazione è basato su un enorme pistone sotterraneo ad aria compressa che trascina un cavo d’acciaio, al quale può essere agganciata qualunque cosa.
Nel nostro caso, si usano circa 30 metri di corsa della slitta trainata, per imprimere al manichino la velocità di 60 Km/h senza che si muova sulla pedana di legno rivestita di teflon, per ridurre al massimo l’attrito di scivolamento.
Sopra la zona dell’impatto è montata una batteria enorme di riflettori e due telecamere ad altissima velocità (2000 fotogrammi al secondo) riprendono il test, producendo altrettanti filmati di pochi secondi, ciascuno del peso di 2 Gb!
Subito dopo l’impatto, cui noi abbiamo assistito da una stanzetta laterale, al riparo da possibili rottami volanti, il manichino appariva un po’ segnato nella zona del braccio destro. E segnato era anche il casco, cui –come detto in apertura- si era staccata la visiera.
“In questi test -ci dice il prof. Anghileri- l’impatto della testa non è mai troppo forte; raggiungiamo un HIC – Head Injury Criterion, indice dei danni alla testa- pari a 200, mentre per i test d’omologazione del casco il valore limite è 2000. A noi però in questo caso interessa soprattutto la dinamica del corpo, la deviazione che la barriera inferiore è in grado di imprimere senza apportare danni, come succederebbe invece con un guard rail normale”.
Che tipo di strumentazione ha questo manichino?
“Tre accelerometri nella testa e un trasduttore di forza a 6 campi alla base del collo”. Tradotto dal linguaggio tecnico, si misurano le accelerazioni subite dalla testa del motociclista e le forze esercitate sul collo, che in molti casi di urti con guard rail non protetti possono portare alla rottura delle vertebre cervicali.
“Abbiamo condotto prove con il manichino in varie posizioni –continua il docente-, e abbiamo messo accelerometri anche nell’addome, nel torace e alla base della colonna vertebrale. Però per questi valori mancano degli indici di lesione, dei protocolli cui fare riferimento”.
Ancora una volta il nodo è una normativa lacunosa. Ma questi crash test servono in ogni caso?
“No, perché a volte sono antieconomici. Se dovessimo in laboratorio tutti i guard rail esistenti, la spesa sarebbe enorme. Per questo a livello comunitario vengono accettate anche delle simulazioni al computer. In questo noi siamo parecchio avanti, avendo sviluppato già un modello numerico del motociclista”. In pratica al Politecnico hanno “scritto” in formule matematiche leggibili dal computer i dati del corpo umano tipo. Ne hanno calcolato masse, leve e dinamica in caso di caduta. In questo modo il computer, dotato degli opportuni programmi, può elaborare delle simulazioni grafiche di impatto del corpo contro barriere di tipo diverso, con differenti angoli, posizioni e velocità.

Immagine Immagine

Argomenti correlati:?Nuovi Crash test sui guard rail ( http://www.motonline.com/news/articolo.cfm?codice=96964 )?Ecco il manuale per costruire le strade di domain ( http://www.motonline.com/news/articolo.cfm?codice=80477 )?Anche Roma protegge i guard rail ( http://www.motonline.com/news/articolo.cfm?codice=80965 )?Un guard rail amico sulla apecchiese ( http://www.motonline.com/news/articolo.cfm?codice=80477 )


da Motonline.com
IL FUMO NUOCE ALLA SALUTE
IL GUARD RAIL NUOCE AI MOTOCICLISTI

www.motociclisti-incolumi.com

Avatar utente
sciaci
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1765
Iscritto il: 26/09/2003, 19:18
Località: La Città del Sole

Messaggio da sciaci » 18/11/2007, 19:49

Articolo interessantissimo! :ok :ok :ok

Alle volte quando in moto faccio strade con guard rail in pessimo stato ho sempre un brivido lungo la schiena... :-[
Immagine

Maska19
Rank: Neo patentato
Rank: Neo patentato
Messaggi: 72
Iscritto il: 01/09/2006, 13:15

Messaggio da Maska19 » 18/11/2007, 21:19

L'ho letto anch'io e mi è piaciuto molto!! Speriamo che prima o poi (meglio prima) qualcuno delle amministrazioni ci pensi seriamente :roll:
Giulio
500 Lounge Twinair

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Messaggio da SicurAUTO » 19/11/2007, 14:24

Avevavo invitato anche me ma avevo il volo prenotato per il giorno prima :-[

Molto interessante però :bong :ok
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite