D.M. 3 luglio 2003: invalidità di guida

Commenta insieme a noi il Nuovo Codice della Strada. Se hai ricevuto una multa e vorresti fare ricorso guarda qui. Tantissimi casi on line!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

oynk
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 7
Iscritto il: 01/04/2005, 10:06

D.M. 3 luglio 2003: invalidità di guida

Messaggio da oynk » 01/04/2005, 10:32


Salve, ho un invalidità temporanea a seguito d un operazione al capo,
ma nessuno mi ha mai negato l'uso di auto e moto.Salvo dirmi
ke la legge mi impedirebbe di guidare per un periodo di 2 anni
se avessi avuto manifestazioni di crisi documentate.
Assumo farmaci in dosi minime, lavoro e conduco un esistenza
normale.
Qualcuno sa qual'è questa legge ke regola la mia posizione?
O la parte del codice stradale ke parla di guida con invalidità?

Avatar utente
Sir_Neko
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 503
Iscritto il: 30/03/2005, 9:28
Località: Belluno

Messaggio da Sir_Neko » 01/04/2005, 18:28

Teoricamente , se il tuo medico ti ha detto che non puoi guidare , potrebbe essere per il fatto che il tipo di farmaco che ti ha prescritto o il tipo di terapia che devi seguire non è compatibile con la guida .

Quindi , fino al termine della terapia , o per tutto il periodo di somministrazione del farmaco , non puoi guidare .

L'idoneità alla guida , in questo caso , ti dovrebbe essere prescritta sempre dal tuo medico , il quale , tramite certificato medico dichiara che tu puoi guidare .
Certificato medico che dovrai in questo caso portare con te in macchina .

Avatar utente
alex_ander1979
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 725
Iscritto il: 16/10/2003, 23:25
Località: Roma

Messaggio da alex_ander1979 » 01/04/2005, 20:55

Ma siamo sicuri ?
cinture allacciate + distanze di sicurezza + agevolarsi a vicenda nel traffico = viaggiare sicuri, tranquilli, anche in velocità ! :D

Avatar utente
Kunta Kinte
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 4038
Iscritto il: 24/02/2005, 16:36
Località: La patria delle olive all'Ascolana

Messaggio da Kunta Kinte » 02/04/2005, 21:56

se non erro sul proptuario esiste solo l'art.169 (impedimenti alla guida) ma fa riferimento ai movimenti del conducente impediti da sovrannumero di passeggeri o oggetti trasportati.

Ovvio che se si fa uso di particolari farmaci, che danno sonnolenza o altri disturbi.........nel caso malagurato di incidente.....le rogne sono dietro l'angolo.
Immagine

meglio fare una multa in meno che farne una sbagliata L.Ciccola

SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Messaggio da SicurAUTO » 04/04/2005, 9:45

Ho spostato il TOPIC qui perchè inerente il CdS.
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

oynk
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 7
Iscritto il: 01/04/2005, 10:06

D.M.3 luglio 2003

Messaggio da oynk » 04/04/2005, 12:32

[sir_neko........grazie x l'aiuto:
io "Posso" guidare a patto ke nn abbia avuto CRISI DOCUMENTATE negli ultimi 2 anni, cosi mi han detto all'uscita dell'ospedale.

il D.M.3 luglio 2003 recita :Tabella delle menomazioni alla integrità psicofisica comprese fra 1 e 9 punti d'invalidità.

(pag.877 del nuovo c.d.s)

ma nn lo trovo questo D.M. a pag 877 nn c'è.
e sul cds nn trovo nulla del genere...aiuto...salve.

SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Messaggio da SicurAUTO » 04/04/2005, 12:47

SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Transistore1
Rank: Autista modello!
Rank: Autista modello!
Messaggi: 276
Iscritto il: 28/02/2004, 13:21
Località: Pagani

Messaggio da Transistore1 » 04/04/2005, 22:13

Buonasera a tutti voi, non credo che l'amico abbia bisogno per il suo problema della tabella soprastante, perchè essa si riferisce al danno ricevuto da incidenti stradali, ma sotto il profilo strettamente economico e da parte del risarcimento danni. Ho trovato qualcosa anch'io ma non so se soddisfa l'aspettativa del nostro amico, ecco qua, dagli un'occhiata:

Appendice II - Art. 320 (Malattie invalidanti)
1. Le malattie ed affezioni che escludono la possibilità di rilascio del certificato di idoneità alla
guida sono quelle sottoindicate:
A. Affezioni cardiovascolari.
La patente di guida non deve essere rilasciata né confermata ai candidati o conducenti colpiti da
un'affezione cardiovascolare ritenuta incompatibile con la sicurezza della guida. Nei casi dubbi,
ovvero quando trattasi di affezioni cardiovascolari corrette da apposite protesi, il giudizio di
idoneità verrà espresso dalla commissione medica locale che può avvalersi della consulenza di uno
specialista appartenente alle strutture pubbliche. La commissione medica locale terrà nel debito
conto i rischi o pericoli addizionali connessi con la guida di veicoli conducibili con le patenti delle
categorie C, D, E.
B. Diabete.
La patente di guida non deve essere rilasciata, né confermata ai candidati o conducenti diabetici
colpiti da complicazioni oculari, nervose o cardiovascolari o da acidosi non compensata, di entità
tale da pregiudicare la sicurezza della guida.
A giudizio della commissione medica locale e con sua espressa certificazione, a seguito dell'esito di
accertamenti specialistici eseguiti presso strutture pubbliche, la patente di guida può essere
rilasciata o confermata a cand idati o conducenti diabetici che non siano colpiti da nessuna delle
complicazioni summenzionate o con complicazioni la cui entità sia tale da non pregiudicare la
sicurezza della circolazione. La patente di guida delle categorie C, D, E non deve essere né
rilasciata né confermata a candidati o conducenti diabetici che abbiano bisogno di trattamento con
insulina (sostituito dal D.M. Ministero dei Trasporti del 16 ottobre 1998 nel modo seguente).
La patente di guida può essere rilasciata o rinnovata al candidato o conducente colpito da diabete
mellito, con parere di un medico autorizzato e regolare controllo medico specifico per ogni caso.
La patente di guida non deve essere né rilasciata né rinnovata al candidato o conducente di questo
gruppo colpito da diabete mellito che necessiti di un trattamento con insulina, salvo casi eccezionali
debitamente giustificati dal parere di un medico autorizzato e con controllo medico regolare.
(modifica apportata dal D.M. Ministero dei Trasporti del 16 ottobre 1998)
C. Malattie endocrine.
In caso di disturbi endocrini gravi, diversi dal diabete, in forme di entità tale da compromettere la
sicurezza della guida, la patente di guida non potrà essere rilasciata o confermata salvo il caso in cui
la possibilità di rilascio o di conferma sia espressamente certificata da parte della commissione
medica locale.
D. Malattie del sistema nervoso.
La patente di guida non deve essere né rilasciata né confermata a candidati o conducenti colpiti da:
a) encefalite, sclerosi multipla, miastenia grave o malattie del sistema nervoso, associate ad atrofia
muscolare progressiva e/o a disturbi miotonici;
b) malattie del sistema nervoso periferico;
c) postumi invalidanti di traumatismi del sistema nervoso centrale o periferico.
A giudizio della commissione medica locale e con sua espressa certificazione, nei casi a), b) e c)
sopracitati, a seguito dell'esito della visita specialistica presso strutture pubbliche, ove ritenuta
necessaria, può essere rilasciata o confermata la patente di guida a condizione che dette malattie non
siano in stato avanzato e che la funzione degli arti sia buona, per cui non venga pregiudicata la
sicurezza della guida.
In tali casi gli interessati devono mostrare di essere capaci di usare i comandi del veicolo
appartenente alla categoria per la quale si richiede il rilascio della patente, in condizioni di
sicurezza. La validità della patente non può essere superiore a due anni. Per la conferma e la
revisione valgono le stesse modalità;
d) epilessia.
La concessione di patente delle sole categorie A e B agli epilettici è consentita a soggetti che non
presentino crisi comiziali da almeno due anni, indipendentemente dall'effettuazione di terapie
antiepilettiche di mantenimento e controllo. Tale condizione dovrà essere verificata dalla
commissione medica locale sulla base di certificazione, di data non anteriore a trenta giorni, redatta
dal medico di fiducia o da uno specialista appartenente alle strutture pubbliche. La validità della
patente non può essere superiore a due anni. Per la conferma e la revisione valgono le stesse
modalità. La patente di guida delle categorie C, D, E non deve essere rilasciata né con fermata ai
candidati o conducenti in atto affetti o che abbiano sofferto in passato di epilessia.
E. Malattie psichiche.
La patente di guida non deve essere rilasciata né confermata a candidati o conducenti che siano
affetti da turbe psichiche in atto dovute a malattie, traumatismi, postumi di interventi chirurgici sul
sistema nervoso centrale o periferico o colpiti da ritardo mentale grave o che soffrono di psicosi o di
turbe della personalità, quando tali condizioni non siano compatibili con la sicurezza della guida,
salvo i casi che la commissione medica locale potrà valutare in modo diverso avvalendosi, se del
caso, della consulenza specialistica presso strutture pubbliche.
La commissione medica locale, terrà in quest'ultimo caso in debito conto i rischi o i pericoli
addizionali connessi con la guida dei veicoli delle categorie C, D, E. La validità della patente in
questi casi non può essere superiore a due anni. Per la conferma e la revisione valgono le stesse
modalità.
F. Sostanze psicoattive.
La patente di guida non deve essere rilasciata o confermata ai candidati o conducenti che si trovino
in stato di dipendenza attuale da alcool, stupefacenti o sostanze psicotrope né a persone che
comunque consumino abitualmente sostanze capaci di compromettere la loro idoneità a guidare
senza pericoli. Nel caso in cui tale dipendenza sia passata e non più attuale la commissione medica
locale, dopo aver valutato con estrema cautela il rischio di recidiva del singolo candidato o
conducente, sulla base di idonei accertamenti clinici e di laboratorio, e dopo essersi eventualmente
avvalsa della consulenza di uno specialista appartenente ad una struttura pubblica, può esprimere
parere favorevole al rilascio o alla conferma. La commissione medica locale tiene in debito conto e
valuta con estrema severità i rischi addizionali connessi con la guida di veicoli delle categorie C, D,
E. La validità della patente in questi casi non può essere superiore a due anni. Per la conferma e la
revisione valgono le stesse modalità.
G. Malattie del sangue.
La patente di guida non deve essere rilasciata né confermata ai candidati o conducenti colpiti da
gravi malattie del sangue, salvo il caso in cui la possibilità di rilascio o di conferma sia
espressamente certificata da parte della commissione medica locale, la quale potrà avvalersi del
parere di medici specialisti appartenenti a strutture pubbliche.
H. Malattie dell'apparato urogenitale.
La patente di guida non deve essere rilasciata né confermata ai candidati o conducenti che soffrono
di insufficienza renale grave.
Limitatamente ai candidati o conducenti per patenti delle categorie A, B, la patente di guida può
essere rilasciata o confermata quando l'insufficienza renale risulti positivamente corretta a seguito
di trattamento dialitico o di trapianto. La certificazione relativa deve essere rilasciata dalla
commissione medica locale. La validità della patente non può essere superiore a due anni. Per la
conferma e la revisione valgono le stesse modalità.
(Si omettono gli allegati)
(1) Si ritiene opportuno riportare anche la premessa del presente decreto.
(2) Lettera così sostituita dall'art. 1, D.P.R. 16 dicembre 1993, n. 575 (Gazz. Uff. 7 gennaio 1994, n.
4), entrato in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione.
(3) Con D.M. 27 dicembre 1994 (Gazz. Uff. 30 dicembre 1994, n. 304) sono stati aggiornati gli
importi dei diritti dovuti dagli interessati per le operazioni tecnico-amministrative di competenza
del Ministero dei lavori pubblici.
(4) Vedi il D.M. 25 marzo 1996, n. 326.

Ciao e buona lettura.
Se acceleri sempre, a scuola guida, non imparerai niente!!!

SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Messaggio da SicurAUTO » 05/04/2005, 13:13

Si questo lo avevo visto anche io... solo che lui aveva chiesto dove trovare quel Decreto e io gliel'ho linkato :)

Speriamo che le tue info gli servano :ciao
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

oynk
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 7
Iscritto il: 01/04/2005, 10:06

Messaggio da oynk » 07/04/2005, 10:24

Grazie a tutti, consulterò il D.M. sulla gazzetta.
Ma leggete bene cosa ho scritto...:
IO POSSO guidare!!!!!!!(per la legge) ANKE se ASSUMO questi farmaci.
Questo mi han detto all'uscita dell'ospedale.
MA ...NN POSSO guidare SE ho avuto crisi DOCUMENTATE, X UN PERIODO DI 2 ANNI.
Qualcuno sa COSA regolamenta questa questione?
(Quale legge o art cod d strada?)
Grazie ancora.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 22 ospiti