[ Incidentalità stradale 2007 ] analisi

Anche tu sei stufo di vedere troppi morti sulle strade? Unisciti a noi e facci conoscere le tue idee. La sicurezza stradale è un problema di tutti!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Avatar utente
Massy
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2222
Iscritto il: 15/12/2002, 4:20
Località: Lazio
Contatta:

Re: [ Incidentalità stradale 2007 ] analisi

Messaggio da Massy » 07/12/2008, 14:33

Certo avere la cintura è sempre meglio che non averla in ogni caso, ma ripeto non sarebbe il caso di lasciare ad ogni cittadino, dopo averlo informato con correttezza delle possibili conseguenze, la possibilità di decidere quando allacciarla?
Certo. Però nel caso di incidente, chi non ha la cintura si paga le spese mediche da solo. Che dici, può andar bene così? E' evidente e non falsato da nessuna statistica che chi non indossa la cintura si fa più danni di chi la indossa. Questo sia in città che fuori. E se uno decide scientemente ed informato di non metterla io non voglio assumermi i costi sociali/sanitari derivanti da una sua mancanza. :)
Immagine § Informazioni mutui § Carte di Credito § Manie GraficheImmagine § Diari di viaggio

Quando inizierò a capire che sbaglio più di quanto possa immaginare starò meglio.

Avatar utente
Nostromo
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 738
Iscritto il: 18/04/2006, 12:22
Località: milano

Re: [ Incidentalità stradale 2007 ] analisi

Messaggio da Nostromo » 07/12/2008, 19:29

In effetti si potrebbe rendere arbitrarai la scelta di mettere cinture o casco, ma se poi ti fai più male del dovuto le spese mediche te le paghi te (e 30-40 giorni in ospedale costano, eccome se costano).

Per non parlare dei genitori che non assicurano correttamente i bambini ai sedili.
caso recente in Campania: incidente stupidissimo, mamma illesa e figlia di un anno morta.

Dovrebbero passare un bel pò di anni in galera, per omicidio volontario con la consapevolezza del dolo eventuale.

SirEdward
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 749
Iscritto il: 19/01/2005, 9:36
Località: Bologna

Re: [ Incidentalità stradale 2007 ] analisi

Messaggio da SirEdward » 07/12/2008, 19:38

L'ignoranza uccide molto più della fatalità.

Avatar utente
Massy
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2222
Iscritto il: 15/12/2002, 4:20
Località: Lazio
Contatta:

Re: [ Incidentalità stradale 2007 ] analisi

Messaggio da Massy » 07/12/2008, 21:00

Quoto! :)
Immagine § Informazioni mutui § Carte di Credito § Manie GraficheImmagine § Diari di viaggio

Quando inizierò a capire che sbaglio più di quanto possa immaginare starò meglio.

frafel
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 23
Iscritto il: 22/07/2008, 8:16

Re: [ Incidentalità stradale 2007 ] analisi

Messaggio da frafel » 08/12/2008, 11:09

Come ho detto prima io vi parlo di “patate” e voi continuate a parlare di “fagioli”.

NESSUNO di voi ha neanche accennato ai miei DUE unici argomenti che sono:
1) STATISTICHE NON CORRETTE
2) PROPOSTA DI BATTERCI PER RIDURRE LE LIMITAZIONI

Invece continuate a parlare di uso delle cinture che sia indossate che non indossate non rendono plausibili le STATISTICHE né hanno niente a che vedere con l’eventuale RIDUZIONE DELLE LIMITAZIONI.

Quindi devo rendermi conto che questa discussione vuole soltanto ospitare chi parla di cinture e anche in questo caso accetta soltanto chi dice che bisogna indossarle (magari anche da fermo perché si potrebbe essere improvvisamente urtati anche da fermo).

Come ho detto NON E’ QUESTO IL MIO ARGOMENTO, ma visto che volete parlare solo di questo, approfitto (solo per un momento) di andare IO FUORI DAL MIO TEMA.

Vedo che qualcuno di voi ritiene necessaria la cintura anche perché in qualche caso farebbero risparmiare alla società delle spese sanitarie; ebbene: come mai costoro non hanno niente da dire su tutte le ingenti spese sanitarie che la nostra società sopporta a causa dei tumori che si procurano i fumatori? Lo sapete che i morti per cancro sono 20 volte di più di quelli della strada? E anche se non tutti i morti per cancro non sono per il fumo, non tutti i morti delle strade sono per le cinture, quindi il rapporto può considerarsi comunque valido.

D’altra parte come ha già ha detto qualcuno di voi, ovviamente se qualcuno si fa male a causa di cinture non indossate (ed io aggiungerei per aver troppo fumato –e badate che si fuma per diletto e non per lavoro-), dovrebbe giustamente pagare le spese mediche di tasca sua e così “chi è causa del suo mal pianga se stesso”.

Basterebbe imporre allora ai fumatori le stesse forti limitazioni e obblighi pretese dagli automobilisti per ottenere un risparmio di vite umani 20 volte maggiore; ma invece mentre ai fumatori basta una scritta “il fumo uccide” sui pacchetti di sigarette, per gli automobilisti ci sono multe da pagare e punti di patente da perdere.

E’ vero, voi vi occupate solo di cinture e di automobili e quindi tutto il resto non conta; invece il discorso dovrebbe essere più ampio anche per rendere congruenti e giuste le pene.

Vi saluto ancora e se i commenti continueranno ad essere relativi soltanto alle cinture e continuerete a non voler parlare dei VERI MIEI ARGOMENTI, allora mi trasferirò in altra comunità o forum dove si voglia discutere di quanto ho proposto.

SirEdward
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 749
Iscritto il: 19/01/2005, 9:36
Località: Bologna

Re: [ Incidentalità stradale 2007 ] analisi

Messaggio da SirEdward » 08/12/2008, 13:50

NESSUNO di voi ha neanche accennato ai miei DUE unici argomenti che sono:
1) STATISTICHE NON CORRETTE
2) PROPOSTA DI BATTERCI PER RIDURRE LE LIMITAZIONI

Invece continuate a parlare di uso delle cinture che sia indossate che non indossate non rendono plausibili le STATISTICHE né hanno niente a che vedere con l’eventuale RIDUZIONE DELLE LIMITAZIONI.
Siamo partiti dalle statistiche per parlare degli incidenti in relazione alla velocità media e alla densità di popolazione. Le statistiche sulle cinture vengono dopo, le hai introdotte tu, e ti rispondiamo come reputiamo corretto. Almeno così mi pare. Se poi le idee sono diverse, non dipende per forza dalle limitazioni o dall'uso delle statistiche. Per quanto mi riguarda, ad esempio, le cinture devono essere obbligatorie perché salvano molte vite, soprattutto in situazioni non preventivabili, e non costa niente indossarle.
Quindi devo rendermi conto che questa discussione vuole soltanto ospitare chi parla di cinture e anche in questo caso accetta soltanto chi dice che bisogna indossarle (magari anche da fermo perché si potrebbe essere improvvisamente urtati anche da fermo).
No. Il discorso è partito da un altro punto. Tu hai parlato di cinture. Ti abbiamo risposto. Non so cosa pensino gli altri, poi, ma la mia personale opinione è che se fai una crociata sulle cinture, perderai. Perché indossare le cinture non riduce in alcun modo la libertà di un individuo, e quindi non ha senso battersi per la libertà di non indossarle.
Come ho detto NON E’ QUESTO IL MIO ARGOMENTO, ma visto che volete parlare solo di questo, approfitto (solo per un momento) di andare IO FUORI DAL MIO TEMA.
Se parli di limitazioni, come puoi vedere in questo stesso thread mi sono battuto contro la proliferazione di limiti di velocità assurdi con la falsa speranza che riducano gli incidenti. Quindi ben venga la lotta alle limitazioni stupide.
Vedo che qualcuno di voi ritiene necessaria la cintura anche perché in qualche caso farebbero risparmiare alla società delle spese sanitarie; ebbene: come mai costoro non hanno niente da dire su tutte le ingenti spese sanitarie che la nostra società sopporta a causa dei tumori che si procurano i fumatori?
Non lo so, ed è un po' off-topic. Tuttavia io penso che il fumo dovrebbe essere proibito per legge (opinione). Eppure continuo a essere d'accordo sul portare le cinture sempre.
Lo sapete che i morti per cancro sono 20 volte di più di quelli della strada? E anche se non tutti i morti per cancro non sono per il fumo, non tutti i morti delle strade sono per le cinture, quindi il rapporto può considerarsi comunque valido.
Non proprio. Rimane il perché uno dovrebbe aver voglia di non indossare la cintura di sicurezza, salvo casi particolari, dal momento che non deteriora in alcun modo la qualità della vita. paradossalmente le sigarette allentano lo stress... Quindi ha quasi più senso dare la possibilità di fumare piuttosto che quella di non indossare le cinture... (assurdo, vero?)
D’altra parte come ha già ha detto qualcuno di voi, ovviamente se qualcuno si fa male a causa di cinture non indossate (ed io aggiungerei per aver troppo fumato –e badate che si fuma per diletto e non per lavoro-), dovrebbe giustamente pagare le spese mediche di tasca sua e così “chi è causa del suo mal pianga se stesso”.
Va bene. Ma allora a uno che non si mette la cintura, accettando il rischio di farsi male, dico che è uno stupido; Cosa ci guadagna a non mettere la cintura?
Basterebbe imporre allora ai fumatori le stesse forti limitazioni e obblighi pretese dagli automobilisti per ottenere un risparmio di vite umani 20 volte maggiore; ma invece mentre ai fumatori basta una scritta “il fumo uccide” sui pacchetti di sigarette, per gli automobilisti ci sono multe da pagare e punti di patente da perdere.
Come ho già detto, io abolirei la possibilità di fumare. Però sono due argomenti diversi.
E’ vero, voi vi occupate solo di cinture e di automobili e quindi tutto il resto non conta; invece il discorso dovrebbe essere più ampio anche per rendere congruenti e giuste le pene.
Continuo a chiedermi perché, oltre a uno slancio filosofico sterile, dovremmo discutere se è giusto mettersi o non mettersi la cintura, visto che i vantaggi sono molteplici e gli svantaggi nulli.
Vi saluto ancora e se i commenti continueranno ad essere relativi soltanto alle cinture e continuerete a non voler parlare dei VERI MIEI ARGOMENTI, allora mi trasferirò in altra comunità o forum dove si voglia discutere di quanto ho proposto.
Spero invece che capirai il punto e intavolerai una discussione feconda. Da parte mia le leggi idiote non mi piacciono per niente. Ma se le leggi sono giuste, non vedo problemi.

Avatar utente
Federico Autotecnica
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 6289
Iscritto il: 06/12/2005, 22:30
Località: Brescia
Contatta:

Re: [ Incidentalità stradale 2007 ] analisi

Messaggio da Federico Autotecnica » 08/12/2008, 16:59

FEDELELLA ha scritto:
frafel ha scritto:ho pensato di dare vita ad un nuovo argomento da dibattere su questo forum nel quale oltre a denunciare tutte le stupide ed inutili limitazioni che ci impongono (limiti di velocità bassissimi, cunette artificiali, semafori sulle strade nazionali, linee continue e doppie strisce perenni, autovelox installati a trappola, ecc.) si possano proporre soluzioni (io ne ho pensate parecchie) che se supportate da un gran numero di noi potrebbero essere portate avanti in nostra difesa in maniera da ottenere qualche cambiamento.
Puoi proporci alcune soluzioni alternative ?
Sarebbe interessante poterle commentare analizzandole :ok

:gratgrat
Federico alias "FEDELELLA" - Professione: Autoriparatore
AUTOTECNICA BRESCIA l'officina ufficiale di SicurAUTO.it :ok

MTB BRESCIA

Avatar utente
ottobre_rosso
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11034
Iscritto il: 25/05/2006, 0:01
Nome: Daniele
Località: La terra della cassoeula!!!
Contatta:

Re: [ Incidentalità stradale 2007 ] analisi

Messaggio da ottobre_rosso » 08/12/2008, 19:03

SirEdward ha scritto:L'ignoranza uccide molto più della fatalità.
purtroppo non c'è solo l'ignoranza ma anche pigrizia e testardaggine!!!
Il denaro fa ricco l'uomo... l'educazione lo rende signore!

Avatar utente
ottobre_rosso
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11034
Iscritto il: 25/05/2006, 0:01
Nome: Daniele
Località: La terra della cassoeula!!!
Contatta:

Re: [ Incidentalità stradale 2007 ] analisi

Messaggio da ottobre_rosso » 08/12/2008, 20:13

vediamo un pò se riesco a parlare di "patate"...

frafel , non conosco i dati statistici che chiedi tù, tuttavia posso dire che lavoro in una ditta di 800 dipendendenti, alcuni dei quali prestano servizio di volontariato presso la CRi o Croce Verde, e c'è una cosa che mi lascia allibito ogni qualvolta sento i loro commenti su soccorsi da loro stessi effettuati: negli interventi in sinistri in centro urbano su guidatori e passeggeri di automobili (att.ne: non parlo di pedoni o velocipedi investiti, ma di persone presenti a bordo delle auto!!!), molti di questi viaggiano senza cinture e sono quelli che riportano le ferite più serie. Tù chiedi un dato statistico? personalmente non sò fornirtelo, nè, francamente, m'interessa, per il semplice fatto che anche sapendo solo che la cintura riduce notevolmente il rischio di mortalità o di traumi gravi, io la metto. Punto e basta! Una persona, un ente o un mass-media potrebbe mettermi davanti agli occhi un 50, 70 o 90%, ma io di quei numeri non me ne faccio nulla: mi basta vedere i crash-test solo per sentire i brividi vedendo i manichini che sbattono violentemente il capo e vengono sballotati a dx e sx, andando a cozzare testa a testa col passeggero a fianco, vanificando il fatto che questi indossi la cintura.

Riguardo il ridurre le limitazioni, confesso che io, come del resto tù e qualcun altro intervenuto in questo forum, reputo certi limiti... idioti, perchè NOI sapremmo adeguare il nostro stile di vita in base alle condizioni di traffico, del manto stradale e meteo. Tuttavia dovrai convenire col sottoscritto che i guidatori non sono cloni di ottobre_rosso, frafel , Nostromo, etc... : purtroppo l'italiano medio ha dimostrato, nel corso dei decenni, che se gli viene data la mano questo si prende il braccio. E' sempre stato così in qualsiasi settore, non solo automobilistico. Personalmente, nella società in cui viviamo, non vedo rimedi senonchè di tipo drastico. Piuttosto in un precedente intervento dicevi di aver pensato a parecchie soluzioni

ho pensato di dare vita ad un nuovo argomento da dibattere su questo forum nel quale oltre a denunciare tutte le stupide ed inutili limitazioni che ci impongono (limiti di velocità bassissimi, cunette artificiali, semafori sulle strade nazionali, linee continue e doppie strisce perenni, autovelox installati a trappola, ecc.) si possano proporre soluzioni (io ne ho pensate parecchie) che se supportate da un gran numero di noi potrebbero essere portate avanti in nostra difesa in maniera da ottenere qualche cambiamento.
dal momento che siamo su un forum, potresti renderci partecipe di queste tue idee, anche per dare una costruttività a questo tuo intervento?
Il denaro fa ricco l'uomo... l'educazione lo rende signore!

frafel
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 23
Iscritto il: 22/07/2008, 8:16

Re: [ Incidentalità stradale 2007 ] analisi

Messaggio da frafel » 10/12/2008, 9:07

Oh! Finalmente!

Voglio subito quindi chiudere ogni discorso sulle cinture in cui a mio avviso siamo “capitati per caso” chiarendovi comunque che anch’io le indosso da sempre e anzi forse da prima di molti di voi (non foss’altro perché ho 73 anni!) perchè ci credo; ma non le indosso mai quando sono in città fermo o quasi fermo solo perché come dice qualcuno di voi: il “fastidio è nullo” anche perché penso che inserire e disinserire il dispositivo pure quando non è necessario, potrebbe perfino peggiorare il suo funzionamento al punto che al momento buono l’intervento “salvatore” potrebbe mancare (non dimenticate che ogni dispositivo meccanico anche se ben progettato ha una vita “finita” e comunque si logora con l’uso).

Dunque basta con le cinture almeno per ora, e passiamo all’argomento che mi sta veramente a cuore e cioè le “limitazioni inutili ed idiote” che a mio avviso, oltre che essere fastidiose, sono spesso controproducenti nel senso che non solo non fanno raggiungere l’obiettivo che si dice di avere, ma addirittura spesso peggiorano quello che si vorrebbe migliorare.

Avevo partecipato a questa discussione soltanto perché avevo qui visto che molti di voi la pensano come me su questo argomento, tante è vero che avevo cominciato con un: “BENE, BENISSIMO…”

L‘unica cosa che però non mi piace e vorrei che mi capiste anche voi, è che: spesso si discute, spesso si elencano e anche si analizzano i problemi, ma spessissimo dopo averli sviscerati quello che rimane è soltanto il dispiacere di doverli sopportare e MAI ci si adopera per trovare delle soluzioni; e ancora meno accade che anche dopo aver individuato delle soluzioni, ci si unisca per ottenere o meglio ancora imporre a chi può decidere sulle normative, di cambiare qualcuna di quelle stupide limitazione.

Aggiungo ancora un fatto che ritengo fondamentale (e vi ricordo per questo la storiella di “al lupo… al lupo…”): quando le limitazioni sono troppe e assurde, TUTTI, anche i più rispettosi delle regole, alla fine vengono costretti all’inosservanza; infatti quanti di noi rispettano i limiti di 30 o anche 20 Km/ora che spesso si incontrano sulle strade? Quanti di noi rimangono “per sempre” dietro un mezzo d’opera che procede a bassissima velocità, attendendo pazientemente l’arrivo di un tratto di strada con il tratteggio, quando sa bene che lo stesso non arriverà mai?

Ebbene questo non solo significa abituare la gente all’inosservanza, ma provoca anche un altro effetto: anche senza volerlo si comincia a non dare più peso alla segnaletica e si finisce spesso involontariamente ad ignorarla anche nei casi in cui la stessa è giusta ed indispensabile.

Quindi la mia idea è che, proprio in nome della sicurezza, bisogna assolutamente rivedere TUTTA la segnaletica stradale, responsabilizzando chi è deputato a farla installare, fissando regole meno restrittive per gli utenti della strada e perseguendo opportunamente chi fa installare limitazioni inutili ed assurde.

Ora naturalmente dopo aver chiarito meglio il mio pensiero,vi elencherò quelli che io considero i principali argomenti da trattare e per ciascuno di essi quella che io proporrei come soluzione, fermo restando che le mie sono proposte che naturalmente possono essere criticate a piacimento; ma vi prego, anche quando non vi sembra giusto qualcosa, non mettetevi in una posizione di chiusura totale, ma siate disponibili anche a cambiare radicalmente il vostro pensiero, così come dichiaro di essere disponibile io, a patto di essere stati convinti in una discissione pacata che ha l’OBIETTIVO COMUNE di rimuovere le limitazioni assurde ed anche quelle inutili.

Se avete delle soluzioni che ritenete migliori, presentatele qui, ma poniamoci l’obiettivo di giungere a proposte ben precise in cui crediamo tutti.

Una volta giunti a questo punto pubblicherei su questo sito la serie di proposte e chiederei alla redazione di indire un sondaggio o referendum che possa far raccogliere tante firme di automobilisti, vessati come noi, disposti a sottoscrivere le proposte (io ne ho già fatto discusso per email con uno dei responsabili che si è detto disposto ad aiutarci a patto che nel forum si fosse costituito un gruppo che lo chiede).

Il passo successivo, se saremo capaci di galvanizzare un pò di gente, potrebbe essere quello di portare le nostre proposte, coadiuvate da tante firme, agli organi competenti affinchè vengano portate avanti ed attuate.

Avrete capito quale è il mio sogno, e penso che potrebbe essere anche il sogno di molti di voi; sono convinto che “l’unione fa la forza” e quindi vi propongo ancora una volta di lavorare insieme per ottenere.

Vi ho “svelata” la mia età e quindi potete capire che perciò ho accumulata tanta esperienza; lavoro ancora (da quasi 50 anni) nel capo dell’informatica e dovete capire che per questo il mio idolo è la logica, quindi formuliamo proposte logiche e nessuno potrà mai contraddirci; come vedete sono combattivo e ho sempre tanta voglia, non di parlare soltanto, ma di agire!

Le proposte le troverete in una risposta successiva che segue questa. Vi saluto cordialmente.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite