incidente in stato di ebrezza REVOCA PATENTE?

Commenta insieme a noi il Nuovo Codice della Strada. Se hai ricevuto una multa e vorresti fare ricorso guarda qui. Tantissimi casi on line!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
Avatar utente
Kunta Kinte
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 4038
Iscritto il: 24/02/2005, 16:36
Località: La patria delle olive all'Ascolana

incidente in stato di ebrezza REVOCA PATENTE?

Messaggio da Kunta Kinte » 24/07/2005, 15:17

INCIDENTI: STOP PATENTE PER CHI GUIDA UBRIACO O DROGATO
(AGI) - Roma, 20 lug. - Sara' revocata la patente a chi provoca incidenti mortali, guidando in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di droghe. Con 161 si' e soltanto 4 no l'assemblea del Senato ha approvato un emendamento al decreto sulla pubblica amministrazione presentato dal sen. Roberto Salerno di Alleanza Nazionale, e sottoscritto in aula anche da esponenti di altri gruppi, che prevede la revoca definitiva della patente a coloro che provocano incidenti mortali guidando 'sotto gli effetti di sostanze stupefacenti o in stato di ebbrezza con un tasso di alcool pari o superiore al doppio del consentito'. Revoca prevista anche in caso di patteggiamento o di sospensione condizionale della pena.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Sembra che facciano apposta a fare leggi APPARENTEMENTE giuste...poi a leggere bene sono inutili! :x

Debbo verificare bene ma sembra che la revoca c'è SOLO in caso di incidente MORTALE e con un tasso alcoolemico pari a 3.

Quindi se ammazzi uno ma misuri 2,9 nessuna revoca.....idem se misuri 3,5 ma l'investito resta "solo" paralizzato!!. :grr :grr :grr
Immagine

meglio fare una multa in meno che farne una sbagliata L.Ciccola

Avatar utente
sciaci
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1765
Iscritto il: 26/09/2003, 19:18
Località: La Città del Sole

Messaggio da sciaci » 24/07/2005, 17:42

Speriamo la migliorino cmq già è una cosa...

L'impunità in questo paese è qualcosa di vergognoso! :x
Immagine

Avatar utente
sicurdany
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 2345
Iscritto il: 09/02/2004, 22:22
Località: Palermo

Messaggio da sicurdany » 25/07/2005, 14:54

La solita legge nata zoppa x accontentare e far stare zitti gli ultra garantisti... :x

Capisco ke punire x sempre una persona può sembrare eccessivo, però... Cmq, sarebbe pur sempre un miglioramento della situazione attuale.

SirEdward
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 749
Iscritto il: 19/01/2005, 9:36
Località: Bologna

Messaggio da SirEdward » 25/07/2005, 20:27

Sono favorevole a una legge del genere, però non mi soddisfa.

Tutta la vita è un periodo eccessivo e la pena eccessiva impedisce alla legge di essere applicata più spesso.

Per avere lo stesso effetto bastava la revoca della patente per un periodo di circa 15 anni. Non è eterno ma ti cambia la vita. E lascia spazio alla possibilità di redimersi. Dopo 15 anni senza patente non credo che uno sia disposto a rischiare di nuovo.

Avatar utente
Massy
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2222
Iscritto il: 15/12/2002, 4:20
Località: Lazio
Contatta:

Messaggio da Massy » 26/07/2005, 2:44

Io sarei per una pena più pesante per qualsiasi persona beccata a guidare ubriaca.

Togliere la patente a vita dopo un incidente mortale punisce sì, ma non da l'idea che guidare ubriachi sia pericoloso.

E' una cosa che nn può succedere, che è successa una volta al cugino di un mio amico..

Non so se riesco a spiegarmi.

Per me occorre essere duri di brutto SUBITO, prevenire non punire dopo una morte.
:o
Immagine § Informazioni mutui § Carte di Credito § Manie GraficheImmagine § Diari di viaggio

Quando inizierò a capire che sbaglio più di quanto possa immaginare starò meglio.

Avatar utente
ex600
Rank: Autista sicuro!
Rank: Autista sicuro!
Messaggi: 341
Iscritto il: 23/09/2003, 16:33
Località: genova

Messaggio da ex600 » 26/07/2005, 8:29

Io sarei per una pena più pesante per qualsiasi persona beccata a guidare ubriaca
sottoscrivo in pieno, credo sia "inutile" punire dopo la morte per due motivi:
  • l'uccisore si rovina comunque la vita, a quel punto è giusto punirlo, ma deve esserci la possibilità di redenzione.
    la punizione arriva troppo tardi, non si è riusciti a salvare una vita che con un po' più di prevenzione avrebbe potuto essere salvata
secondo me sarebbe più giusto se a chi viene trovato a guidare con il tasso alcolico troppo alto gli venisse ritirata la patente per 3 anni con fermo del mezzo.

SirEdward
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 749
Iscritto il: 19/01/2005, 9:36
Località: Bologna

Messaggio da SirEdward » 26/07/2005, 9:43

anche questa potrebbe essere una soluzione.

tommy791
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 23
Iscritto il: 25/07/2005, 15:47

Re:

Messaggio da tommy791 » 26/07/2005, 15:08

Bhe se il tasso alcoolico è pari a tre ed ammazzi qualcuno è anche giusto revocare la patente. Tuttavia, bisognerebbe sempre lasciare la possibilità alla persona di redimersi. Chessò: se dimostra di aver frequentato corsi per persone con problemi alcool- correlati e con il parere favorevole di uno psicologo, dopo cinque o sei anni ridargli il documento, previa autorizzazione del giudice ovviamente.

Anche perchè con 3 di tasso alcoolico è dura persino accendere la macchina.........per una persona normale. Se guida in quello stato è perchè è alcoolizzato di sicuro. In genere, quando si supera i 2 di tasso alcoolico si vomita, con tre più che addormentarti semincoscente non puoi fare, a meno che tu non abbia una tolleranza alcoolica da etilista.

Cerchiamo di non essere troppo colpevolisti: viviamo in un paese dove mafiosi e delinquenti veri sono liberi. Un alcoolista che ammazza guidando è giusto che sconti la pena per omicidio colposo e che debba dimostrare di essere cambiato. per riavere la patente. Però, non si può dargli una condanna definitiva a vita.

Ancor più sbagliato è il discorso che, ad autisti di professione, venga revocata la patente qualora risultino positivi all'etilometro. Pensate un po' ad un tramviere di Milano che, al sabato sera per i fatti suoi, si beve un paio di birre medie in un pub. Lo fermano e gli revocano la patente, facendogli perdere anche il lavoro. Se lo beccassero mentre è in servizio, sarebbe giustissimo.......ma se è in giro come libero cittadino, assolutamente no.

SirEdward
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 749
Iscritto il: 19/01/2005, 9:36
Località: Bologna

Re:

Messaggio da SirEdward » 26/07/2005, 18:12

tommy791 ha scritto:Bhe se il tasso alcoolico è pari a tre ed ammazzi qualcuno è anche giusto revocare la patente. Tuttavia, bisognerebbe sempre lasciare la possibilità alla persona di redimersi. Chessò: se dimostra di aver frequentato corsi per persone con problemi alcool- correlati e con il parere favorevole di uno psicologo, dopo cinque o sei anni ridargli il documento, previa autorizzazione del giudice ovviamente.
La pena per omicidio viene scontata in libertà condizionata... I corsi, beh, basta che paghi...

Sei anni sono molto pochi... In fin dei conti quell'altro è morto, e quello che si è messo alla guida ubriaco lo sapeva di esserlo.
tommy791 ha scritto:Un alcoolista che ammazza guidando è giusto che sconti la pena per omicidio colposo e che debba dimostrare di essere cambiato. per riavere la patente. Però, non si può dargli una condanna definitiva a vita.
Sulla condanna a vita sono d'accordo
tommy791 ha scritto:Ancor più sbagliato è il discorso che, ad autisti di professione, venga revocata la patente qualora risultino positivi all'etilometro. Pensate un po' ad un tramviere di Milano che, al sabato sera per i fatti suoi, si beve un paio di birre medie in un pub. Lo fermano e gli revocano la patente, facendogli perdere anche il lavoro. Se lo beccassero mentre è in servizio, sarebbe giustissimo.......ma se è in giro come libero cittadino, assolutamente no.
Proprio perché lo fa di professione dovrebbe essere il primo a non mettere a rischio la propria patente. Se bevi non devi guidare. Non c'è un'alternativa, anche se sono solo due birre.

Ognuno tiene l'alcool diversamente, a chi due dita bastano per essere completamente fuori, a chi dopo sei coktail di superalcoolici ti parla che sai che è ubriaco solo perché lo conosci da sobrio e comunque ti fa discorsi di una profondità e di un'acutezza sconcertanti. (e ho due esempi per ognuna delle due categorie).

Visto che non esiste un modo per stabilire il limite per ogni persona in ogni situazione e che i riflessi vengono rallentati anche con dosi minime di alcool, il limite dovrebbe essere 0. Va bene anche a 0,5, perché lascia una tolleranza utile ma non consente di bere nemmeno due bicchieri di vino.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti