[Lavaggio auto] Consigli e trucchi per il lavaggio auto

Avere un'auto sempre pulita è importante anche ai fini della sicurezza. Qui tanti consigli e trucchi per rendere la nostra auto sempre brillante!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
Pinulandia
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 44
Iscritto il: 19/01/2012, 15:49
Nome: Giuseppe

[Lavaggio auto] Consigli e trucchi per il lavaggio auto

Messaggio da Pinulandia » 23/01/2012, 14:09

Salve a tutti, ho pensato di aprire questo topic per cercare di capire meglio e scambiarci trucchettini su come agire per il lavaggio delle nostre amate.
Il lavaggio della mia Focus style wagon polvere di luna consiste in:

Autolavaggio a gettoni per essere sicuro che la Focus sia lavata a dovere.

Arrivo nella mia postazione ed esco i tappetini in gomma posizionati sopra gli originali della Ford.
Inizio a spruzzare lo sgrassatore, acquistato all’iper, nei cerchi, nelle parti basse e ne sparo un po’ pure sui tappetini in gomma (la pulizia non è mai troppa).
Inizio con una bella bagnata di acqua sgrassante (così c’è scritto al lavaggio), poi apro l’immenso baule e tiro fuori il mio secchio (cato in siciliano) e la spugna.
Vado a riempirlo nell’apposita fontanella che serve per sciacquare le pelli e inizio un lungo e travagliato lavaggio con lo shampoo Gold Class MEGUIARS.

Dopo una bella e sana insaponata inizio il risciacquo della mia bimbetta (tappetini in gomma compresi)..
Parto dal tetto che sembra non finire mai, e man mano vado scendendo fino alle parti basse.
Do anche una lavatina sotto la scocca.
- Naturalmente chi aspetta il proprio turno dietro di me mi crista contro, ma io lo ignoro -

Finito sparo tutta la bimbetta con acqua osmotizzata e vado via nel reparto asciugatura.

Inizio l’asciugatura con una pelle di daino che lavo in continuazione, perché più pulita è meglio fa il suo lavoro, e dopo aver finito lavo internamente ed esternamente i vetri con il polivetro facendo attenzione a non sporcare la carrozzeria.
Finito passo all’aspirapolvere ma prima do una passata con il compressore e un pennellino ipermorbido per levare i residui di polvere da quelle zone bastarde inarrivabili con i vari panni.
Fatto questo con un’altra pelle di daino, appositamente acquistata per fare gli interni, passo alla loro pulizia (cruscotto, parti in plastica degli sportelli, ecc. ecc.).

Dopo essermi massacrato la vita sembra che abbia finito? NO NO.
Vado in box e li prima faccio pausa tabacco e poi passo il nero gomme, asciugatina ai cerchi e do un’altra asciugatina a quelle insidiose e cattive gocce d’acqua che scendono dopo ogni lavaggio oltre che a lavare le cinture ed alcune parti in plastica con una spugna ricoperta da pelle di daino con acqua bollente.

Per l’inceratura (che faccio mediamente ogni 3 mesi circa) inizio con dello scotch di carta e lo uso su tutte le plastiche nere per evitare il contatto con la cera e quindi una loro eventuale macchiatura.
Dopodiché passo la cera a movimenti circolari e un po’ alla volta per evitare che si asciughi.
Finito di passare la cera, mi riposo un po’ e un’altra pausa tabacco accompagnata da buona musica e birra, e passo al setaccio l’auto da eventuali striature, graffi provocati da vari park nei centri commerciali. (la gente se ne frega delle cose degli altri oltre che alle loro). Se ,li trovo con un po’ di pasta abrasiva molto fine e mano leggera rimuovo pure quelli.
Quando il tutto è finito passo ai controlli acqua tergi, e livelli vari, sistemo il box perché sembra di essere in carrozzeria e la parcheggio al suo interno.

Quando salgo a casa sembro un vikingo ma per me ne è valsa la pena.
Purtoppo il brutto di tutto questo lavoro è che mia moglie vuole (e lo faccio, altrimenti niente farfallina) che lo faccia anche sulla sua.

P.S..: Il lavaggio e la ceratura la faccio pure sull’altra mia bimbetta, la mia hornet del 2007 colore oro.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite