Limitatore di velocità

Hai dubbi o perplessità riguardo a qualche sistema di sicurezza? Faremo di tutto per aiutarti! In più alcuni approfondimenti tecnici

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Limitatore di velocità fino ai 140 km/h da inserire in autovetture superiori ai 1000cc (sigillato e di facile controllo alla polizia) :

Si, sarebbe utile per limitare incidenti.
4
25%
No, non servirebbe a nulla.
3
19%
No, sarebbe più pericoloso.
4
25%
No, le case automobilistiche non accetterebbero mai.
5
31%
 
Voti totali: 16

Avatar utente
alexandercar25
Rank: Neo patentato
Rank: Neo patentato
Messaggi: 54
Iscritto il: 13/09/2004, 18:11

Messaggio da alexandercar25 » 05/01/2005, 18:51

Regulus ha scritto:secondo me la velocita' non è il pericolo maggiore sulle strade, quindi.... meglio che non ci sia....
poi scusa che senso avrebbe comprare un tremila se poi non si superano i 140, e se stai in salita dietro un camion a 100, è facile raggiungere i 160 per superare!

Avatar utente
Massy
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2222
Iscritto il: 15/12/2002, 4:20
Località: Lazio
Contatta:

Messaggio da Massy » 06/01/2005, 18:52

Stesso tipo di ragionamento: che senso ha comprare un'arma se poi non posso sparare in giro...
Immagine § Informazioni mutui § Carte di Credito § Manie GraficheImmagine § Diari di viaggio

Quando inizierò a capire che sbaglio più di quanto possa immaginare starò meglio.

Avatar utente
alex_ander1979
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 725
Iscritto il: 16/10/2003, 23:25
Località: Roma

Messaggio da alex_ander1979 » 07/01/2005, 12:24

Le armi sono progettate per uccidere (o ferire), le automobili per ora sono ancora progettate come mezzi per spostarsi.

Si può uccidere ovviamente anche con una automobile, come tutti sanno, ma in genere questo è un "effetto collaterale" più o meno non voluto o non previsto.

E' giusto moderare la velocità ed usare il massimo della prudenza, ma come ben sa chi legge i miei post, affermo che è impossibile stabilire una velocità assoluta al di sotto della quale si viaggia sicuri ed al di sopra della quale vi è il pericolo (tranne forse i 20 Km/h) poichè la pericolosità della velocità può essere valutata soltanto in relazione alla strada, al traffico, alle condizioni del conducente, al tipo di veicolo, ecc. ecc. ecc (come sempre dico).

Anzi, alcuni studi (che ho citato in altri topic del forum) sembrano indicare che l'andamento del numero di incidenti in funzione della velocità sulle autostrade è una curva (non lineare) che prima è decrescente, poi presenta un minimo e poi cresce (ovviamente). Dunque sembra esistere in linea di principio una velocità "ottimale" che minimizza gli incidenti, velcoità che dipende dal tipo di strada, dal traffico, e da molti altri fattori, primo fra tutti il conducente. Andare più veloci è pericoloso, ma andare più piano può significare paradossalmente un "calo di concentrazione" o un "abituarsi alla strada" o un "non essere presenti a quello che si fa" che possono forse "intontire" il conducente, che poi può non reagire bene a talune situazioni, creando un pericolo.

Il conducente deve sentirsi libero di scegliere la sua velocità, di cui è responsabile. Se mi passate il paragone un po' stupido, il conducente dovrebbe essere come un ballerino che si muove con scioltezza e con sicurezza e come il capitano di una nave che deve essere in grado di decidere come comportarsi, assumendosi le proprie responsabilità. Costringerlo a "forzare sè stesso" a fare una cosa che non "gli và" può essere pericoloso, come forzare un ballerino a muoversi in un certo modo può significare renderlo impacciato.

Dunque limitare la velocità in modo fisso non mi pare utile, piuttosto sarebbe utile una campagna di sensibilizzazione che invitasse tutti a riflettere sui pericoli della strada e che consigliasse a tutti il modo migliore per non farsi sorprendere da tali pericoli. In altre parole tutti dovremmo imparare sempre di più a saper valutare meglio noi stessi ed a saper decidere quale velocità tenere in base alla strada ed alle nostre condizioni, valutando di continuo in modo critico il nostro comportamento e quello degli altri.
cinture allacciate + distanze di sicurezza + agevolarsi a vicenda nel traffico = viaggiare sicuri, tranquilli, anche in velocità ! :D

Avatar utente
Massy
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2222
Iscritto il: 15/12/2002, 4:20
Località: Lazio
Contatta:

Messaggio da Massy » 08/01/2005, 20:08

Uhm... quoto ciò che dici. La mia era una battuta sul fatto che se fanno macchine che vanno a 300 perché non andarci? :)

Una battuta probabilmente infelice :(
Immagine § Informazioni mutui § Carte di Credito § Manie GraficheImmagine § Diari di viaggio

Quando inizierò a capire che sbaglio più di quanto possa immaginare starò meglio.

Avatar utente
alexscard
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 862
Iscritto il: 05/09/2003, 14:58
Località: Verona
Contatta:

Messaggio da alexscard » 08/01/2005, 23:51

non accetterebbero di sicuro sia i consumatori che le case,che non facciamo come con i fermi sui 50 :grr
"Non so con quali armi verrà combattuta la terza guerra mondiale, ma so con quali verrà combattuta la quarta: con pietre e bastoni!"
A. Einstein

Avatar utente
alex_ander1979
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 725
Iscritto il: 16/10/2003, 23:25
Località: Roma

Messaggio da alex_ander1979 » 09/01/2005, 14:47

giustissimo !!

.. inoltre molte macchine potenti hanno velocità massima autolimitata a 250 Km/h, velocità più che sufficiente (anche 200 sarebbe sufficiente....).... per cui chi fosse proprio pazzo e volesse superare i 300 Km/h per fortuna non può farlo.... visto che le attuali strade sicuramente non permettono velocità così elevate (anche con la strada libera).

Ma limitare a 140, per quanto ho detto, non mi pare una soluzione ......

Inoltre ricordiamo che la maggioranza degli incidenti avviene in città e sulle strade statali (dove si va a meno di 140), come si vede da queste statistiche:

http://www.istat.it/Prodotti-e/Allegati ... radali.pdf

(pag 18 e cfr. pag 54 - 55).
La mortalità è massima sulle strade statali e provinciali, dove si va a meno di 140.
Purtroppo manca il dato R per tipo di strada definito a pag 54 e sgg.
Io inoltre calcolerei la seguente quantità:

numero di veicoli incidentati sulle autostrade (o sulle statali) in un anno/(somma dei Km percorsi da ciascun veicolo in autostrada in un anno)

Tale quantità che si misura in Km^(-1) dovrebbe essere un indice della pericolosità della strada: direttamente proporzionale al numero di veicoli coinvolti in incidenti ed inversamente proporzionale alla distanza percorsa in totale da tutti gli autoveicoli in un anno sul tipo di strada considerato.

Quanto più si "percorre", tanto meno la strada è pericolosa a parità di incidenti .... e viceversa a parità di percorrenza totale, maggiori gli incidenti, maggiore la pericolosità.
cinture allacciate + distanze di sicurezza + agevolarsi a vicenda nel traffico = viaggiare sicuri, tranquilli, anche in velocità ! :D

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite