Multe: Annullabili quelle per semaforo rosso? Non proprio...

Commenta insieme a noi il Nuovo Codice della Strada. Se hai ricevuto una multa e vorresti fare ricorso guarda qui. Tantissimi casi on line!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
Avatar utente
ottobre_rosso
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11034
Iscritto il: 25/05/2006, 0:01
Nome: Daniele
Località: La terra della cassoeula!!!
Contatta:

Multe: Annullabili quelle per semaforo rosso? Non proprio...

Messaggio da ottobre_rosso » 30/03/2009, 6:59

Giusto per fare un po' di chiarezza in merito a quanto emerso in questo post (a cui, tra l'altro, fa' riferimento questa new, riporto quest'altra new giusto per sciogliere qualsiasi dubbio in merito alla questione:


Multe: Annullabili quelle per semaforo rosso? Non proprio...


La sentenza 7388 nel dare ragione all'automobilista ha fatto riferimento alle regole in vigore all'epoca dell'infrazione

FIRENZE - Ha fatto il giro dell'informazione, con titoli in evidenza per dare nuove certezze che, però, non sembrano proprio esser tali. Si tratta della sentenza con cui la Cassazione ha annullato una multa, rilevata con apparecchiatura elettronica, ad un automobilista che aveva attraversato un incrocio col semaforo rosso.

I fatti risalgono ai primi di agosto del 2003 e in questi giorni si e' concluso l'iter in Cassazione, che ha dato ragione al ricorrente che sosteneva la non validità della multa, vista la mancata contestazione immediata, impossibile, visto che il vigile non era presente.

La sentenza 7388 nel dare ragione all'automobilista ha fatto riferimento alle regole in vigore all'epoca dell'infrazione, ritenute troppo generiche. La presenza del vigile -ha detto la Cassazione- era necessaria per contestualizzare l'infrazione: il passaggio col rosso potrebbe anche non essere voluto ma senza alternative Dal 13 agosto 2003, però, il Codice della strada e' cambiato: i controlli automatici ai semafori senza presenza del vigile sono stati ulteriormente legittimati e resi più accurati (per esempio la doppia foto: al semaforo di entrata e a quello di uscita dall'incrocio). Quindi il ragionamento della Cassazione nella sentenza di oggi diventa un po' monco e, a differenza di quanto in molti hanno fatto credere, non c'e' nessuna modifica o «cassazione» dei controlli senza vigili.

Comuni e altri enti locali spesso abusano degli strumenti elettronici per rilevare infrazioni al codice della strada, ma gli abusi non si combattono con le informazioni inesatte e forvianti.


:ciao
Il denaro fa ricco l'uomo... l'educazione lo rende signore!

Avatar utente
ottobre_rosso
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11034
Iscritto il: 25/05/2006, 0:01
Nome: Daniele
Località: La terra della cassoeula!!!
Contatta:

Re: Multe: Annullabili quelle per semaforo rosso? Non proprio...

Messaggio da ottobre_rosso » 01/04/2009, 16:26

un altro articolo riguardate la questione...

Generiche, News icon La polizia locale: Photored legittimi e così le multe

I tre apparecchi Photored sistemati in altrettanti incroci della città di Como continueranno a multare gli automobilisti indisciplinati. Questa la posizione espressa ufficialmente ieri dal Comando della polizia locale di Como dopo il polverone sollevato anche sul Lario da una sentenza della Cassazione che sembrava in grado di poter “spegnere” gli occhi elettronici.
«I Photored omologati con decreto del ministero dei Lavori pubblici nel 2000 e dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nel 2004 - si legge nella nota diffusa ieri dal Comune di Como - sono legittimi. Così come sono legittime le multe comminate dalla polizia locale attraverso l’utilizzo di queste apparecchiature».
Una certezza assoluta, dunque, quella messa nero su bianco dai vigili comaschi, basata su un’analisi attenta del Codice della strada alla mano. Secondo il testo, infatti, i controlli automatici ai semafori senza la presenza degli agenti non soltanto sono legittimi, ma addirittura il sistema del Photored installato in città, che prevede una doppia foto all’incrocio sorvegliato per documentare in maniera precisa il passaggio con il rosso del veicolo in questione, rende inattaccabile il procedimento sanzionatorio.
Ma gli agenti della polizia locale di Como hanno anche puntato al cuore della ormai celebre sentenza della Cassazione che, venerdì scorso, aveva giudicato accoglibile il ricorso di un automobilista di Modena per un’infrazione verificatasi prima dell’ultima modifica del Codice della strada, risalente al 13 agosto del 2003. Ma proprio la data è il punto decisivo su cui fa leva il Comune di Como, poiché l’aggiornamento del Codice ha sostanzialmente eliminato la necessità che un vigile presidi il Photored nel momento del rilevamento dell’infrazione prevista fino all’agosto 2003. E siccome gli apparecchi a Como sono stati installati nel 2004, in città non esisterebbe in alcun modo il rischio di ricorsi come quello accolto nei giorni scorsi. A Como, dunque, i Photored rimarranno nelle posizioni originali e cioè in corrispondenza dei tre incroci più pericolosi della città: via Adolfo Lissi-via Pasquale Paoli-via Repubblica Romana; viale Innocenzo XI all’angolo con via Gerolamo Borsieri; via Dante Alighieri-via Tommaso Grossi.
Per il passaggio con il rosso sono previste una multa di 148 euro e la decurtazione di 6 punti dalla patente. Infine, non è escluso che il Comune possa addirittura decidere a breve di aggiungere altri apparecchi su incroci pericolosi.
Il denaro fa ricco l'uomo... l'educazione lo rende signore!

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite