Obblighi e deontologia di un perito assicurativo

Hai avuto un incidente? Vuoi un parere sul tuo caso? Hai qualche problema con la tua assicurazione?

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
miao74
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 1
Iscritto il: 29/10/2019, 19:51
Nome: THEO

Obblighi e deontologia di un perito assicurativo

Messaggio da miao74 » 29/10/2019, 20:25

Buonasera, sono a richiedere l'opinione di esperti della professione.
Mio padre è stato accusato, da un condomino, di aver danneggiato la sua macchina nel parcheggio condominiale. Ieri abbiamo ricevuto una raccomandata A/R dall' agenzia di liquidazione sinistri incaricata dalla parte accusatoria con l'obbligo di contattarli per fissare un appuntamento per la perizia. Oggi ,al mio ritorno dal lavoro, mio padre mi informa che si è presentata una persona, non si è qualificato nè con il nome nè come perito, ed insieme hanno fatto un controllo sommario dell'auto senza eseguire nè foto nè misure in presenza di mio padre. Allarmato, volevo fissare ed essere presente alla perizia, chiamo l'agenzia per fissare l'appuntamento. Mi rispondono che la perizia è già stata eseguita, ribatto che non è stata fatta alcuna foto e rilievi, mi rispondono che è stato fatto tutto compreso di foto dettagliate e che la pratica è chiusa. Le mie domande sono:
1)E' un comportamento deontologicamente professionale inviare una A/R e citofonare all'accusato a perizia ultimata? Tenete conto che nella raccomandata era ben specificato che se non li avessimo chiamati per fissare un appuntamento avrebbero emesso perizia negativa.
2)Può un perito eseguire una perizia senza l'accusato e/o la sua controparte?
Personalmente, io faccio l'ispettore di terza parte nell'industria metalmeccanica, se quanto sopra fosse consentito sarei basito.
3)E' prassi normale che il perito vada a fare la perizia senza avere fissato l'appuntamento? Come faceva a sapere dove era la macchina? L'ha avvisato il denunciante/condomino che ha una rivendita d'auto? Mi sorge il dubbio che sia superpartes
Ringrazio anticipatamente per ogni risposta.
Saluti
Theo

reconand
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 1
Iscritto il: 01/11/2019, 9:07
Nome: Andrea

Re: Obblighi e deontologia di un perito assicurativo

Messaggio da reconand » 01/11/2019, 9:24

Buongiorno, qualcosa sfugge nel suo racconto.
Dalla sua descrizione, quanto occorso sembra appartenere alle procedure di cd. “Negazione evento” previste dagli accordi tra imprese di assicurazione (CARD), per le quali, a fronte di una richiesta di risarcimento per un evento come quello descritto, l’impresa del presunto danneggiante chiede spiegazioni (semplifico sulle formalità in essere) a quest’ultimo. In caso di negazione, solitamente mediante modulistica fornita dall’impresa, viene eseguito un accertamento per poter eventualmente far rispondere di non poter procedere al risarcimento. Va da sé che i motivi di negazione devono essere fondati su basi tecnicamente sostenibili che il perito prova, per quanto gli è possibile, a raccogliere, se reperibili. A fronte dell’invio di una raccomandata, pare improbabile che il perito dovesse essere incaricato dal richiedente. Credo sia opportuno raccogliere maggiori informazioni presso la sua agenzia assicurativa.
Cordialità
Andrea

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite