piccolo tamponamento maxi risarcimento

Hai avuto un incidente? Vuoi un parere sul tuo caso? Hai qualche problema con la tua assicurazione?

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
Faustì
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 3
Iscritto il: 13/11/2018, 21:45
Nome: Fausto

piccolo tamponamento maxi risarcimento

Messaggio da Faustì » 14/11/2018, 21:07

un cordiale saluto a tutti
apro questo nuovo argomento per chiedere cortesemente consiglio per una vicenda che mi è accaduta, poiché con il "cerca" non ho trovato qualcosa di simile. cercando di essere quanto più conciso.

a fine luglio '17, uscito dalla clinica dove avevo appena lasciato il babbo per ricovero, tamponai lievemente un veicolo, visto i minimi segni alla carrozzeria, con il tamponato ci accordammo di sentirci uno dei giorni seguenti poiché lui avesse il tempo per far controllare i sensori di parcheggio ed avere un costo per la verniciatura paraurti. mi comunicò il costo in 250€ sensori compresi e gli chiesi di attendere un paio di giorni cosi da poter decidere se risarcirlo io direttamente o procedere con assicurazione. Venne il periodo di ferie e rimandammo il tutto a fine agosto. Ci trovammo per procedere con la compilazione del CID, non ricordando la data del sinistro, mettemmo la data di quel giorno, oltre ad indicare inesistenza di danni e mancanza di testimoni, poi ognuno lo consegna alla propria compagnia.
Tutto bene, o quasi, se non fosse per il fatto che la controparte non si è ricordata di avere montato un dispositivo satellitare della sua compagnia, che chiaramente gli ha contestato di essere presente quel giorno su quella via ma il giorno reale del sinistro.
A dicembre vengo contattato da un agente compagnia controparte che deve accertare i fatti per poter dare ok a procedere oppure archiviare per falso, mi chiede il perché della data errata e spiego i fatti, poi vennero le ferie ecc. Tutto bene per lui, mi disse, confermandomi che avrebbe dato ok a procedere.
Bene! Tutto ok dico.
Passano 3 mesi e sorpresa delle sorprese mi arriva raccomandata dell'avvocato controparte dove mi accusa di essermi inventato motivi (non citati) per ritardare l'incontro, invitandomi a contattare il suo cliente per definire. Chiamo subito controparte e gli dico che poteva evitare di rivolgersi dal legale, gli dico anche che per chiudere lo risarcisco io e non se ne parli più! Macché. mi dice di aver fatto riparare il danno, di aver pagato e ora vuole, giustamente, i soldi. Va bene dico io, dimmi l'importo ma non me lo dice e mi invita a parlare col suo avvocato. Insomma, non mi dice l'importo nonostante glielo chiesi più volte e dovetti rivolgermi al suo avvocato. Chiaro che non me lo ha voluto dire, l'importo ora è di € 1.400!!. Spiego all'avvocato dei fatti e della sorpresa e richiamo controparte
che aggredisco un po e da "uomo" mi risponde di non voler piu esser contattato e di procedere col suo legale.
Chiaramente mi preoccupo della cosa e comincio a contattare le compagnie, mia e controparte per capire cosa sta accadendo, la mia compagnia mi dice che loro non possono fare nulla perche la controparte ha il risarcimento diretto e attendono richiesta del danno, la compagnia controparte, per risolvere, o cercare di risolvere, fa controllare da un loro perito la mia auto, il perito vede e mi dice che le auto non hanno avuto pressochè danni e che la richiesta dei 1400€ è relativa ad un altro sinistro e che non ha corrispondenza col mio tamponamento.
Spiego all'avvocato controparte ,ma niente da fare. vuole i 1400€.
In vista della data dell'udienza mi rivolgo ad un avvocato il quale contatta il collega di controparte e inizialmente pare tutto vada a risolversi bene, per me, ma col tempo causa il fatto della data errata che farebbe apparire una truffa!!, e per il fatto che vuole a tutti i costi i 1400€, alla fine mi viene proposto di chiudere al 50%, quindi un costo di 700€ per me. Nel frattempo avevo chiesto via pec alla compagnia controparte i motivi di tale stallo della pratica, attesi risposta e controllai per un po la casella pec, poi immaginando che non rispondessero ed in vicinanza della data udienza, detti ok al mio avvocato per la transazione al 50% con riserva di richiesta di accesso agli atti. Dopo che detti l'ok per la transazione controllo la pec e trovo la risposta della compagnia controparte che sostanzialmente dice che non ce compatibilità tra quanto denunciato (facciamo i 250€ iniziali) e quanto richiesto dal loro cliente (1400€), quindi non risarciscono. Lo comunico subito al mio legale ma lui preso accordo con collega controparte non cambia decisione e piuttosto ce li rimette lui. Nemmeno io voglio mancare all'impegno preso, verso i 700€ e si procede con accesso agli atti. Si attende il tempo necessario e la compagnia controparte dice che loro non son tenuti a rilasciare documentazione, secondo quanto dice una tal legge o altro, ora non ricordo.
A questo punto dovrei costituirmi ma il mio legale mi dice di lasciar perdere per i soliti motivi, sai come parti e non sai come e dove arrivi, poi la data sbagliata ecc ecc. Ma io non sono poi tanto convinto. Forse ha ragione o forse non ha tempo di seguire questa vicenda.
Ma dico io, l'accertatore che ho incontrato ha capito disguido data e ha dato ok a procedere, il perito ha visto le auto e dato ok per il danno lieve, esiste il fatto che quel giorno a quell'ora uscivo dalla clinica, ho chiesto anche ad una persona di fiducia che lavorava nel ramo assicurazioni consiglio se risarcire io o provvedere con Cid, possibile che altro non mi resta altro da fare che accettare quanto capitato e metterci una pietra sopra?
Mi sono anche troppo dilungato e non aggiungo altro.
Chiedo solo quale è o potrebbe essere la cosa migliore da fare, lasciar perdere o costituirmi nella speranza che chi di dovere una volta visto gli atti capisca come stanno realmente le cose e ribalti il risultato? Nel caso mi venisse data la ragione verrei risarcito delle spese sostenute?
Ringrazio per l'attenzione posta a questo mio fatto.
Cordialità
Fausto

Avatar utente
avv_ben
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1153
Iscritto il: 22/12/2009, 11:24

Re: piccolo tamponamento maxi risarcimento

Messaggio da avv_ben » 20/12/2018, 17:16

Il caso qui è tutto pasticciato. Mi viene da essere tendenzialmente d'accordo col Suo legale, sia per quanto riguarda la difficoltà a fare marcia indietro da una transazione concordata, sia e soprattutto per quanto riguarda i rischi di causa. Personalmente, di fronte a un atteggiamento ostile della controparte, avrei lasciato fare tutto all'assicurazione. Al limite avrei tentato in seguito di conoscere l'entità del risarcimento per un eventuale "rimborso del sinistro" attraverso CONSAP.
Per come si sono messe le cose, senza conoscere la vicenda nei particolari e quindi senza poter dare una vera consulenza, io darei ascolto all'avvocato e chiuderei la faccenda.
Vuoi un parere legale personalizzato sulla tua vicenda che preveda lo studio approfondito delle tue carte? Immagine
Per una consulenza legale GRATUITA più completa sul tuo caso personale clicca qui

Antonio Benevento - avvocato in Milano - consulente Rc Auto di SicurAUTO.it

Faustì
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 3
Iscritto il: 13/11/2018, 21:45
Nome: Fausto

Re: piccolo tamponamento maxi risarcimento

Messaggio da Faustì » 09/04/2019, 20:38

Salve Avvocato
mi scusi, vedo solo ora la sua risposta.
La ringrazio del suo interessamento e cortese risposta al mio caso.
Non sarebbe fare marcia indietro ma un tentativo di far valere le mie ragioni, non per vie legali, ma direttamente in "caserma". Chiaramente con atti alla mano e non solo con conferma scritta via pec dell'assicurazione controparte che conferma richiesta danni incompatibile rispetto a quanto denunciato nel CID.
Il caso pare pasticciato a causa forse della mia descrizione, ma stringi stringi, l'accertatore ha dato ok a procedere alla compagnia per quanto nel CID, come ha fatto pure il perito, non per la richiesta moltiplicata del loro assicurato, non lo risarciranno mai.

Ad oggi comunque non ho più preso azioni e alle compagnie il sinistro risulta essere ancora aperto.

La ringrazio ancora
Cordialmente

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti