portabici posteriori, facciamo il punto sulla loro legalità?

Commenta insieme a noi il Nuovo Codice della Strada. Se hai ricevuto una multa e vorresti fare ricorso guarda qui. Tantissimi casi on line!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
Avatar utente
virusalfa74
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 667
Iscritto il: 11/02/2009, 18:25

portabici posteriori, facciamo il punto sulla loro legalità?

Messaggio da virusalfa74 » 08/05/2009, 8:33

quest'anno prima della bella stagione, volevo regalarmi, un portabici posteriore, per intenderci quelli a sbalzo che si fissano sul baule delle berline.... :bong

è l'unico modo che conosco per portarmi dove voglio, 2 bici per usarle dove vado....

solo che a sentire in giro, ti fanno un verbale che nn finisce piu, se prendi una pattuglia troppo zelante ti trova il pelo nell'uovo e cosi via...

la mia domanda è:

visto che la mia alfa, ha la targa sotto al paraurti, nn ho problemi per la targa...

se prendo un modello, piu costoso, ma che permette di avere le bici tra il baule e il lunotto, anche gli stop sono ok, tranne forse il terzo ma forse anche quello è ok....ma il testo di legge dice che è ammesso l'occultamento solo del terzo stop....

rimane da stabilire se devo mettere il cartello carichi sporgenti, il venditore mi ha detto di no....e se ci sono problemi con il piccolo sporgimento laterale delle bici, ma credo di no, visto che li fanno sti portabici un motivo ci sarà....

chi lo usa puo darmi qualche bella dritta?

ciao

Avatar utente
Kunta Kinte
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 4038
Iscritto il: 24/02/2005, 16:36
Località: La patria delle olive all'Ascolana

Re: portabici posteriori, facciamo il punto sulla loro legalità?

Messaggio da Kunta Kinte » 08/05/2009, 9:34

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE
DIREZIONE GENERALE M.C.T.C.
V Direzione Centrale - Div. 43
Prot. n. 2522/4332 – D.C.IV n. B103
Roma, 27 novembre 1998
OGGETTO: Strutture portabiciclette e portasci applicate posteriormente a sbalzo sulle autovetture ed autocaravan.
La presenza delle attrezzature in oggetto indicate, riscontrata già da tempo sui vei- coli provenienti dai paesi della CE, si è ormai rapidamente diffusa anche tra gli analoghi veicoli immatricolati con targa nazionale.
Considerata, sia la vastità del fenomeno che i numerosi quesiti pervenuti da parte di Uffici provinciali, Associazioni ed Organi di controllo della circolazione stradale, è necessario procedere alla emanazione di disposizioni in materia, al fine di aggiornare le procedure da seguire per la installazione delle strutture in esame.
Si premette che i portasci e i portabagagli, accessori che la Direttiva n. 79/488/CEE (1) (sporgenze esterne) consente di omologare tali entità tecniche indipendenti destinati ai veicoli della categoria M1, possono essere applicate sugli autoveicoli, senza l’obbligo della annotazione sulla carta di circolazione.
Le strutture portabici, ancorché non omologabili, sono, tuttavia, accessori leggeri ed amovibili, che non modificano in modo significativo la massa a vuoto del veicolo, e la cui applicazione, al pari del portasci, è da ritenersi ammissibile sic et simpliciter senza l’obbligo di aggiornamento della carta di circolazione.
Ricade nella responsabilità del conducente del veicolo l’obbligo della corretta in-stallazione delle suddette strutture, per quanto concerne la stabilità dei punti di ancoraggio, ovvero il rispetto del carico verticale ammesso sulla sfera, qualora venga utilizzato il gancio di traino come appoggio.
Riguardo alla applicazione, in particolare, del portabici sulle autocaravan, si ricorda che non sussiste più l’obbligo, per lo sbalzo posteriore, del rispetto del limite del 65% dell’interesse, di cui alla circolare D.C. IV n. A083 del 16.9.1993 (2), in quanto anche per le autocaravan valgono le disposizioni della Direttiva n. 95/48/CE (3) relativa alle masse e alle dimensioni dei veicoli.
Similmente, incombe sul conducente la corretta sistemazione del carico, ai sensi dell’art. 164 del Codice della strada (4). In particolare, si raccomanda l’esigenza di assicurare la completa visibilità dei dispositivi di illuminazione e di segnalazione visiva, e della targa.
In ogni caso, la superficie esterna delle strutture non deve presentare parti orientate verso l’esterno suscettibili di agganciare pedoni, ciclisti o motociclisti.

Si comunica, infine, che per ragioni di sicurezza, non è più consentita l’applicazione di strutture posteriormente a sbalzo su autovetture ed autocaravan per il trasporto di ciclomotori, motocicli e altri oggetti, per il trasporto dei quali devono essere utilizzati i carrelli appendice ed i rimorchi per attrezzature turistiche o sportive appositamente previsti dalla normativa.
È abrogata la circolare D.G. n. 201/85(5) ed ogni altra disposizione in contrasto con la presente circolare, che è di immediata applicazione.
IL DIRETTORE CENTRALE
Dr. Ing. Tullio D’Ulisse

Avatar utente
virusalfa74
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 667
Iscritto il: 11/02/2009, 18:25

Re: portabici posteriori, facciamo il punto sulla loro legalità?

Messaggio da virusalfa74 » 08/05/2009, 13:31

era la circolare che avevo letto io....

in sostanza, se esce di pochino ,lateralmente alla sagoma del veicolo, nn devo mettere il cartello esatto?

per il resto ci siamo, stop luci e targa sono ok....mettendole sopra il baule e lunotto, vedere foto del mio avatar per modello di auto in mio possesso...

ciao

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 31 ospiti