TERRIBILE! - Lapo Elkann in ospedale per overdose

Sezione libera dove si può parlare di quello che si vuole, ovviamente senza esagerare! :P

Moderatore: Staff Sicurauto.it

kens
Rank: Neo patentato
Rank: Neo patentato
Messaggi: 50
Iscritto il: 13/09/2004, 13:38

Messaggio da kens » 21/10/2005, 18:57

Concordo anch'io con quest'analisi, anche se con un ottica meno "buonista".
Suvvia lui ha accettato quella posizione di prestigio che gli ha procurato tanto stress... nessuno l'ha obbligato.
Un incarico simile si può rifiutare soprattutto se non si hanno almeno 35-40 anni (che in termini di responsabilità corrispondono ai 25 anni di una volta) e una grossa esperienza alle spalle.
Scusate ma per quanto possa provare pietà per l'essere umano, mi sento spietato verso la sua figura professionale di manager. :x


Invece non mi convince questa parte del discorso:
alex_ander1979 ha scritto:Ammettiamo inoltre che Lapo stesse davvero facendo con il transessuale cinquantenne (anche se immaginare la scena è ributtante...), non è forse questo un modo di scappare dal conformismo che in un certo senso "impone" una donna bella la fianco dell'uomo ricco e di successo ??
Davvero credi che un eterosessuale convinto farebbe una cosa simile?
Trasgressione o no, un po' deve piacergli il... ehm... :devil
Dai, Martina Stella era una copertura e lei giustamente si è stufata prima di lui :roll:
...

Avatar utente
alex_ander1979
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 725
Iscritto il: 16/10/2003, 23:25
Località: Roma

Messaggio da alex_ander1979 » 22/10/2005, 12:48

Ero sicuro che qualcuno avrebbe fatto questa osservazione.

La mia era una semplice ironia che tuttavia, penso, contenga una piccola verità. Se immaginiamo la Sicilia del secolo scorso, con le donne coperte da veli e vestite di nero (ed immaginiamo sotto tali veli delle belle donne con belle parti anatomiche), una "trasgressione" o una qualche provocazione risulta molto più eccitante; al contrario dove tutto è permesso, in parte, ci si abitua alla situazione e si è meno reattivi, oppure si cerca una trasgressione in più.

Senza dubbio Lapo deve essere un po' "predisposto" per provare piacere con un trans, tuttavia se è un poco "predisposto", magari l'idea di fare sesso con un trans gli è sembrata chissacché in quanto è una trasgressione che rompe gli schemi. E Magari con Martina non ha funzionato, perché in qualche modo lui pensa che DEVE stare con una ragazza come Martina e questo, in qualche modo, "banalizza" il rapporto e "toglie legna dal fuoco".

Certo in realtà le cose sicuramente non sono davvero come dico io, ma -chissà- magari una punta di verità c'è....
cinture allacciate + distanze di sicurezza + agevolarsi a vicenda nel traffico = viaggiare sicuri, tranquilli, anche in velocità ! :D

Avatar utente
marko
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 1602
Iscritto il: 20/03/2004, 0:14
Località: Capena (RM)

Messaggio da marko » 22/10/2005, 23:52

perdonatemi...nonostante il mio personale pensiero sulla vicenda ke nn sto qui a dire, ma ke ve frega?
voglio dire...se una persona qualsiasi va cn i trans nessuno dice niente,affari suoi...se lo fa una persona famosa è un macello...
ma sarà uno libero d fare qll ke vuole senza dover essere giudicato?

d'accordissimo su commentare e cmq accendere macello (xke ne risente anke l'immagine dell'azienda e nn sl della persona) sulla droga..ma sui gusti sessuali no.
<b>Mr.Domino</b>
<b>[M+@+(k*2)+0] </b>
IL MIO FORUM

Avatar utente
SicurAUTO
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 12052
Iscritto il: 03/04/2002, 6:00
Nome: Claudio
Contatta:

Messaggio da SicurAUTO » 16/12/2005, 8:53

Una giornalista di Vanity Fair lo ha incontrato a New York
a due mesi dal ricovero a Torino per overdose di cocaina
Lapo Elkann, la prima intervista
"Non mollo mai. E' dura, ce la farò"
Frequenta un centro di terapia di gruppo a Manhatthan
"Vorrei tornare in Italia e tornare al mio lavoro"


Lapo Elkann
E' A NEW YORK, è lì che vive adesso, è lì che frequenta un centro di terapia di gruppo, in Arizona ci va solo qualche giorno al mese. E vuole tornare in Italia, al suo lavoro, anche se per il momento non ci pensa, "ora devo concentrarmi su di me, guardarmi allo specchio e capire perché sono arrivato a fare quello che ho fatto". Sono parole di Lapo Elkann, a due mesi dal malore per overdose di cocaina a causa del quale fu ricoverato d'urgenza. E su Vanity Fair, il numero in edicola, c'è la cronaca di una chiacchierata avuta con la giornalista Sara Faillaci che lo aveva conosciuto in passato e l'ha incontrato, del tutto casualmente, in un ristorante italiano nel Village di Manhatthan. Poche battute, sufficienti per capire quello che a un certo punto Lapo stesso afferma: "Non mollo mai".

Nelle foto pubblicate da Vanity Fair Lapo compare con camicia azzurra di cotone e un giaccone sportivo verde. Dice di non avere problemi a frequentare posti affollati: "Non ho niente da nascondere, non ho mica ucciso nessuno. Vengo spesso qui perché mi è comodo, qui all'angolo c'è la sala riunioni dove facciamo terapia di gruppo, io e altre persone con dipendenze". Curarsi, ammette, "è dura, ma sento di potercela fare, e senza prendere farmaci. E' una questione di forza di volontà, una sfida con me stesso".

Poi, mostra alla giornalista due ideogrammi orientali tatuati sul polso: "significa 'Non mollo mai'". Però si dice "incazzato": "Con me stesso, perché ho fatto un enorme sbaglio. Ma nessuno è perfetto - aggiunge - non si può vivere fingendo di esserlo. Io sono sempre stato una persona autentica, non mi piace nascondermi dietro una maschera, come fanno in tanti".

Racconta della terapia, "qui negli Stati Uniti giustamente le dipendenze sono trattate come malattie, una volta che ti sei curato torni a fare la tua vita di prima e nessuno ti nega un'altra possibilità". Diverso dall'Italia, dove "la dipendenza da stupefacenti viene considerata solo come un vizio: la conseguenza è che tutti si sentono in diritto di giudicarti e condannarti".

E proprio questo è l'aspetto che più gli ha fatto male di questa esperienza: "Le bugie che sono state scritte sul mio conto, e soprattutto sulle circostanze e sulle persone che mi hanno soccorso. Ma va bene così, la gente pensi quello che vuole, l'importante è che sappia io come sono andate veramente le cose".

E Martina Stella, che saputo del malore prese immediatamente le distanze ("C'eravamo già separati", disse), la liquida con poche parole: "Di donne, fuori, ce ne sono milioni. Meglio saperle prima, queste cose, almeno capisci che persona hai a fianco".

(15 dicembre 2005)
Speriamo che torni con lo spirito del passato ma con la mente "nuova" :ok :ciao
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora! :)

Non perderti i nostri Test su Prodotti e Accessori Auto - Per i Centauri Sicurezza in Moto

Avatar utente
alex_ander1979
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 725
Iscritto il: 16/10/2003, 23:25
Località: Roma

Messaggio da alex_ander1979 » 17/12/2005, 13:41

:ok
cinture allacciate + distanze di sicurezza + agevolarsi a vicenda nel traffico = viaggiare sicuri, tranquilli, anche in velocità ! :D

Avatar utente
wilhem275
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 867
Iscritto il: 23/10/2003, 16:53
Località: Genova e Padova (Italia, EU)

Messaggio da wilhem275 » 18/12/2005, 23:49

Balle... o almeno parzialmente :D

Si da' il caso che io abbia un amico... e che questa persona abbia lavorato a stretto contatto con la famiglia Agnelli... e che fosse amico personale dell'Avvocato...

E mi assicura che Lapo è in Svizzera, l'Arizona è una copertura ;)
Ich liebe Berlin! :D :ok :ok :ok

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti