TGR Lazio e Biodiesel... disinformazione?

Scrivete qui se avete un dubbio, una domanda, un problema non riguardante le altre categorie presenti sul forum.

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
Diapason
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 35
Iscritto il: 17/05/2004, 10:57

TGR Lazio e Biodiesel... disinformazione?

Messaggio da Diapason » 01/07/2005, 19:11

Oggi (Ven 1 luglio) sul TGR Lazio, verso le 19:40, e' stato trasmesso un servizio su un pendolare che per risparmiare si produce il biodiesel in casa con un macchinario che lui sostiene di aver acquistato in internet per 3000 euro.

Il signore in questione era completamente coperto da una tuta bianca (tipo scenziato atomico tanto per capirci) e occhialoni da sole, proprio perche' la sua attivita' e' ovviamente illegale.

Questa persona sosteneva di poter sintetizzare il biodiesel dal comune olio di frittura raccolto in giro dai i suoi amici vicini di casa.

Il macchinario consisteva in una tanica da 25 litri nella quale l'olio veniva riscaldato a 36 gradi, con un telo a mo' di filtro sull'imboccatura (per una filtratura grossolana dei residui di cibo) e un rubinetto sul fondo collegato attraverso un tubo ad una "mini-cisterna" che provvedeva ad una filtratura piu' approfondita.

Il tutto veniva poi passato (sempre attraverso un tubo) attraverso una sorta di contenitore "doppio" (all apparenza due vasi di vetro fusi insieme sul lato, come una comune coppia di bonghi tanto per capirci) per la filtratura dei gliceridi e altre sostanze dannose per il motore e successivamente in un ultima "mini-cisterna" per la filtratura finale.

Il prodotto cosi' ottenuto e' stato immediatamente versato nel serbatoio della macchina del suddetto signore alla fine del servizio, senza risciaqui ne' tempi di riposo.

Non sono in grado di dirvi se il macchinario fosse effettivamente composto unicamente da questa serie di filtri o no, perche' il montaggio e gli stacchi hanno mostrato unicamente cio' che vi ho descritto, ma effettivamente il liquido finale, caratterizzato da un colore fortemente ambrato e una viscosita' tipici dell'olio da frittura, non faceva pensare a ulteriori componenti dedicati alla transesterificazione (cioe' spezzare le molecole grandi in piu' piccole per ridurre la viscosita' di un liquido).

Da quanto ho sentito il processo di produzione e' MOLTO piu' complicato di cosi'... il TGR Lazio si dedica alla disinformazione o produrre il biodiesel e' veramente piu' facile di quanto si pensi?

SirEdward
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 749
Iscritto il: 19/01/2005, 9:36
Località: Bologna

Messaggio da SirEdward » 02/07/2005, 11:22

Il biodiesel e l'olio da frittura sono due cose diverse. Il biodiesel è composto (molto sommariamente) di gasolio e olio di colza trattato. L'olio da frittura può essere d'oliva, di semi di mais, di colza e non so di quanti altri tipi, e non è trattato.

Già sapendo questo il servizio è una bufala, in più l'olio per frittura usato dal signore è olio per frittura USATO, cioè è già stato sottoposto a modificazioni chimico-fisiche rilevanti e messo in contatto e fatto interagire con sostanze che con gli olii c'entrano poco o niente e che erano contenute nei cibi.

è come paragonare la vodka e l'acqua perché sono entrambe trasparenti.

A prescindere comunque dalle cavolate raccontate dal tipo vestito di bianco e dalla stupidità, dell'approssimazione e della ristrrettezza mentale del giornalista che ha realizzato il servizio, tutto questo ci dimostra ancora una volta quanto siano strani gli esseri umani.

Credere aprioristicamente a queste cose (come evidentemente ha fatto il giornalista) significa evitare di usare il cervello per ottenere con faciloneria la sensazione interna di essere più intelligenti degli altri e di avere un vantaggio di informazione nei loro confronti. In più la sensazione di essere stato truffato ma di avere lo stesso vinto la battaglia contro i petrolieri-satana, unici copevoli dei soldi che se ne vanno dalle proprie tasche. La sindrome del giustiziere mascherato, insomma.

Sono tutti processi mentali che accadono in tutti gli uomini, ma affidarvisi ciecamente come il giornalista in questione è veramente un sintomo di immaturità, oltreché un danno per tutti gli ascoltatori (anche per Diapason che viene costretto a usare parte del suo tempo per trovare una risposta ad una domanda senza scopo (e c'è tanta gente che non la cercherà nemeno e accetterà la cosa come un dato di fatto).

Senza contare, naturalmente, quella povera automobile...

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 17 ospiti