Una interpretazione torinese?

Commenta insieme a noi il Nuovo Codice della Strada. Se hai ricevuto una multa e vorresti fare ricorso guarda qui. Tantissimi casi on line!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

clab
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 9
Iscritto il: 02/01/2005, 12:54
Località: Torino

Messaggio da clab » 11/05/2006, 8:16

pacotom ha scritto:Penso che prima di tutto sia necessario capire che caspita è il controviale: sul cds e sul regolamento non esiste. Su google la maggior parte dei siti che lo nominano sono di Torino, anche se non manca Firenze, ma credo che sia una terminologia locale e non tecnica. In particolare, non capisco la frase: "un corso a carreggiata unica e due corsie per ogni senso di marcia e ogni senso di marcia è dotato di controviale". Ma allora ci sono 3 carreggiate? Questo controviale è separato dal "corso" tramite spartitraffico? In ogni caso, se in corrispondenza delle aperture c'è il segnale di direzione obbligatoria (proseguire diritto), non si potrebbe cambiare direzione per imboccare il controviale: diritto vuol dire "diritto".
Si tratta di viale centrale a carreggiata unica con due corsie per ogni senso di marcia, con "a fianco", per ognuno dei due lati, una carreggiata ulteriore ad una sola corsia, separata dal viale centrale da aiuola alberata più o meno larga. Nel viale centrale è permessa solo la marcia, nei controviali anche la sosta.
Per fare un esempio: avete presente il tratto centrale di via Cristoforo Colombo a Roma?
pacotom ha scritto:Tu comunque attieniti a quanto comunicato dal comando e immettiti sul controviale, nel caso dovessero contestarti la cosa tira fuori la lettera.
Ovviamente copia della lettera è già stata stampata e inserita in mezzo al libretto di circolazione...
clab

Avatar utente
sicurdany
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 2345
Iscritto il: 09/02/2004, 22:22
Località: Palermo

Messaggio da sicurdany » 11/05/2006, 22:46

Si tratta di viale centrale a carreggiata unica con due corsie per ogni senso di marcia, con "a fianco", per ognuno dei due lati, una carreggiata ulteriore ad una sola corsia, separata dal viale centrale da aiuola alberata più o meno larga
Ke di tanto in tanto, presenta spazi ke consentono l'immissione in tali controviali... giusto?

Se così, continuo a pensarla come prima... teoricamente non potresti spostarti nel controviale, in presenza del segnale da te descritto. :ciao

Avatar utente
Massy
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2222
Iscritto il: 15/12/2002, 4:20
Località: Lazio
Contatta:

Messaggio da Massy » 12/05/2006, 1:17

Invece se è come dici son sempre più convinto che possa.

Se c'è il segnale di obbligo di andare dritto e non c'è nessun segnale di passaggio obbligatorio, per me lui può tranquillamente cambiare carreggiata. :)
Immagine § Informazioni mutui § Carte di Credito § Manie GraficheImmagine § Diari di viaggio

Quando inizierò a capire che sbaglio più di quanto possa immaginare starò meglio.

empi
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 1
Iscritto il: 07/11/2012, 10:19
Nome: Emilio

Re: Una interpretazione torinese?

Messaggio da empi » 07/11/2012, 10:40

Ciao ciab!

Ho avuto un problema simile e sto raccogliendo informazioni riguardo la legislazione sull'utilizzo dei controviali. Potresti inviarmi una copia della mail risposta dal segretario del Comandante?

Mille grazie della disponibilità
Emilio

Avatar utente
Massy
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2222
Iscritto il: 15/12/2002, 4:20
Località: Lazio
Contatta:

Re: Una interpretazione torinese?

Messaggio da Massy » 07/11/2012, 11:56

E' una discussione del 2006 :D
Immagine § Informazioni mutui § Carte di Credito § Manie GraficheImmagine § Diari di viaggio

Quando inizierò a capire che sbaglio più di quanto possa immaginare starò meglio.

amrox
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 9
Iscritto il: 08/11/2012, 15:52
Nome: AMRox

Re: Una interpretazione torinese?

Messaggio da amrox » 08/11/2012, 16:06

discussione assai vecchia ma capita a fagiolo, ci stavo giusto pensando qualche giorno fa :lol:
ricordo che a scuola guida (io sono di Torino, quindi l'argomento fu affrontato eccome) ci dissero che passare dal viale centrale al controviale e' possibile, in quanto equivale a un cambio di corsia, tranne ovviamente in presenza di segnale di divieto di accesso.
d'altronde non credo che "cambiare corsia/carreggiata" preveda il "variare la direzione di marcia"

dadex70
Rank: Foglio rosa
Rank: Foglio rosa
Messaggi: 1
Iscritto il: 20/12/2012, 16:37
Nome: davide

Re: Una interpretazione torinese?

Messaggio da dadex70 » 20/12/2012, 16:49

pienamente d'accordo con amrox: ma scusate, obbligo di proseguire diritto è valido per il corso centrale che , presumo , siano stati creati proprio per permettere al flusso del traffico centrale di fluire in maniera più veloce possibile. I controviali (non sono di Torino ma di Alessandria, quindi ditemi se sbaglio....) servono per le svolte sia a sx che dx senza creare intralcio al flusso del corso centrale. Quindi il cartello che obbliga andare diritto non mi può evitare di immettermi nel controviale (non cambio direzione, cambio solo corsia...) per effettuare la svolta a dx o sx al prossimo incrocio, sempre che non ci siano cartelli che lo vietino specificatamente all'incrocio.
Piuttosto volevo chiedere ai Torinesi o a chi lo sà, se la svolta a sx/dx debba sempre passare dai controviali, oppure si può girare a sx o dx anche dal corso centrale (mi pare che ci siano incroci in cui si possa tranquillamente fare).
Oppure si parla di svolte a dx o sx in strade che non si intersecano come in un incrocio grande (parlo di strade che partono sulla dx o sulla sx ma non attraversano tutto il senso di marcia del corso dove mi trovo).
Spero di essermi spiegato! :mah

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 15 ospiti