velocità causa di incidenti stradali ?

Anche tu sei stufo di vedere troppi morti sulle strade? Unisciti a noi e facci conoscere le tue idee. La sicurezza stradale è un problema di tutti!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Avatar utente
alex_ander1979
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 725
Iscritto il: 16/10/2003, 23:25
Località: Roma

Messaggio da alex_ander1979 » 01/07/2004, 19:55

... e quindi
... la derivata temporale della "distanza tra il punto ove si trova la macchina dopo un secondo (da quando essa ha impegnata la curva) e la retta che è il prolungamento del segmento rettilineo che precedeva (per ipotesi intendiamo) la curva stessa" !!
:bong

-------------------------------------------------------------------------------------

Ora ci vorrebbe uno che ha la Ferrari che ci dica se a 240 Km/h riuscirebbe, con curve di raggio sufficientemente ampio, a tenere la macchina su una corsia di 3,50, 3,75, 4,00 o 4,50 m di larghezza in modo stabile e confortevole ....
cinture allacciate + distanze di sicurezza + agevolarsi a vicenda nel traffico = viaggiare sicuri, tranquilli, anche in velocità ! :D

Avatar utente
polemico
Rank: Autista modello!
Rank: Autista modello!
Messaggi: 208
Iscritto il: 10/07/2003, 19:35
Località: roma

Messaggio da polemico » 02/07/2004, 10:18

alex_ander1979 ha scritto:... e quindi
... la derivata temporale della "distanza tra il punto ove si trova la macchina dopo un secondo (da quando essa ha impegnata la curva) e la retta che è il prolungamento del segmento rettilineo che precedeva (per ipotesi intendiamo) la curva stessa" !!
:bong

E va bene, l'hai voluto tu... :P
La derivata temporale di una distanza... e' zero! :D

Se proprio vogliamo essere barbosi... ops, rigorosi, la "mia" velocità laterale sarebbe il rapporto tra "distanza tra il punto ove si trova la macchina dopo un secondo e la retta che è il prolungamento del segmento rettilineo che precedeva la curva stessa" e tempo impiegato per coprire questa distanza (cioe' un secondo).

Che barba, alex, piantiamola, va... :D

Avatar utente
alex_ander1979
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 725
Iscritto il: 16/10/2003, 23:25
Località: Roma

Messaggio da alex_ander1979 » 02/07/2004, 10:47

Vogliamo essere barbosi, anzi barbosissimi ??

La distanza di cui parliamo è funzione del tempo (s=s(t)): dunque la sua derivata ds/dt è zero se e solo se tale funzione è costante nel tempo (ossia se non ci si sposta "lateralmente"), cosa scartata per ipotesi.

La tua definizione non è pensata male (anche se non è uguale alla mia).
Infatti la tua definizione è in relazione alla mia come la velocità media è in relazione a quella istantanea.
Per cui per calcolare la v media basta fare la media nel tempo (di un secondo per es.), ossia l'integrale tra 0 e T diviso per T, della v(t) istantanea.

Dalla velocità istantanea si risale a quella media, ma non viceversa.

Cmq:
Potrei pensare che essa è la derivata temporale della "distanza tra il punto ove si trova la macchina dopo un secondo (da quando essa ha impegnata la curva) e la retta che è il prolungamento del segmento rettilineo che precedeva (per ipotesi intendiamo) la curva stessa" !!
hai ragione: non è chiaro.
Avrei dovuto dire più correttamente: la derivata temporale della funzione che associa ad un istante t (t=0 è l'inizio della curva) la distanza tra il punto sulla curva ove si trova la macchina e la retta prolungamento del rettilineo precedente la curva.

Oppure avrei potuto considerare la definizione in media - la tua - perdendo però la informazione di quanto è in ogni momento lo spostamento laterale infinitesimo ds=v(t)*dt, ove v(t) è definita da me come sopra....

E cmq ammetto che mi sono un po'confuso pure io .......
cinture allacciate + distanze di sicurezza + agevolarsi a vicenda nel traffico = viaggiare sicuri, tranquilli, anche in velocità ! :D

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti