Vetri scuri.... possibile ricorso...

Commenta insieme a noi il Nuovo Codice della Strada. Se hai ricevuto una multa e vorresti fare ricorso guarda qui. Tantissimi casi on line!

Moderatore: Staff Sicurauto.it

Rispondi
Avatar utente
luca comandini
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2575
Iscritto il: 19/03/2002, 1:37
Nome: Luca
Località: Savignano sul Rubicone, ForlìCesena, Romagna, Italia, Europa, Terra, Sistema Solare, Universo...
Contatta:

Vetri scuri.... possibile ricorso...

Messaggio da luca comandini » 14/05/2006, 20:36

Ad un mio amico hanno ritirato il libretto e gli hanno fatto un bel multone perchè ha i vetri scuri....

va bene??

allora: lui ha una MG ZR (rover 25) 3 porte...

ha il lunotto e i 2 laterali posteriori oscurati con pellicole omologate (marchio ce) sui laterali anteriori e il parabrezza nn ha niente...

ma la legge nn diceva di fare come ha fatto lui??

o il comune aveva bisogno di fare cassa???

se mi potete indicare la normativa vi ringrazio...

ciao
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora!

Welcome Sweden.... Volvo V40 D2, ex Ypsilon Twinair GPL

Avatar utente
Kunta Kinte
Sostenitore Sicurauto
Sostenitore Sicurauto
Messaggi: 4038
Iscritto il: 24/02/2005, 16:36
Località: La patria delle olive all'Ascolana

Messaggio da Kunta Kinte » 14/05/2006, 20:58

Riporto la circolare del Ministero dell'Interno Prot. n. 1680/M360 dell'8 maggio 2002:

"OGGETTO: Applicazione di pellicole adesive sui vetri dei veicoli.

Pervengono richieste di chiarimenti, da parte degli Uffici Provinciali della Motorizzazione, in merito all'applicazione, sui veicoli in circolazione, di pellicole adesive su vetri dei veicoli.
Al riguardo si osserva quanto segue.
La materia non è regolata da norme internazionali né da norme comunitarie che prevedano l'omologazione di dette pellicole quali entità tecniche indipendenti, né risultano allo studio, sia in sede internazionale che comunitaria, normative specifiche in tal senso.
Tuttavia, nell'ambito dello Spazio economico europeo alcuni Paesi hanno adottato norme nazionali che disciplinano l'approvazione di dette pellicole nonché la loro installazione sui vetri dei veicoli.
Lo Stato italiano, invece, ha ritenuto di non adottare norme nazionali, rinviando la regolamentazione della materia alla eventuale emanazione di normative comunitarie.
Non c'è dubbio, d'altra parte, che secondo il principio della libera circolazione delle merci, sancito dagli art. 28-30 del Trattato che ha istituito la Comunità europea, non è possibile vietare la commercializzazione di un prodotto approvato in un altro Stato membro e quindi liberamente circolante nel suo territorio.
Pertanto, nel caso in esame, non possono non essere accettate pellicole applicate ai vetri laterali posteriori e al lunotto posteriore dei veicoli approvate da altri Stati membri della Comunità europea o da Stati aderenti allo Spazio economico europeo, fermo restando il rispetto dei campi di visibilità previsto dalle norme comunitarie.
Conseguentemente, in sede di visita e prova di revisione, ove venisse riscontrata l'applicazione delle suddette pellicole, dovrà essere verificato:
1) che sulle pellicole sia apposto il marchio identificativo del costruttore delle pellicole medesime;
2) che dette pellicole siano state omologate per il vetro sul quale sono state applicate. A tale scopo dovrà essere esibito un certificato di omologazione, costituito all'estero, dal quale risulti che le pellicole montate siano state approvate per lo specifico tipo di vetro su cui sono state applicate. L'installatore dovrà certificare che il vetro, ovviamente di tipo omologato, ha lo spessore previsto in sede di approvazione delle pellicole.
Sulla base delle prescrizioni contenute nelle direttive 92/22/CE (vetri di sicurezza), 71/127/CEE (specchi retrovisori) e 77/649/CEE (capo di visibilità anteriore) non è consentita l'applicazione delle pellicole in argomento né sul parabrezza, né sui vetri laterali anteriori; inoltre, l'applicazione sul lunotto posteriore, è ammessa solo a condizione che il veicolo sia allestito con specchi retrovisori esterni su ambo i lati.
E' appena il caso di precisare che l'applicazione di pellicole adesive sui vetri dei veicoli non comporta l'aggiornamento della carta di circolazione a norma dell'art. 78 del Codice della strada."

Quindi, le pellicole oscuranti possono essere applicate, senza alcun aggiornamento della carta di circolazione, soltanto sui vetri laterali posteriori o sul lunotto posteriore.
Se vengono applicate sul parabrezza, sui vetri laterali anteriori - ma anche sul lunotto posteriore senza che il veicolo sia munito di specchietti retrovisori su entrambi i lati - si applica l'art. 71, comma 6 del CdS.
Inoltre, non essendo prevista per la suddetta violazione la sanzione accessoria del ritiro della carta di circolazione, si ritiene opportuna la segnalazione al DTT per la revisione singola ex 80/5°.

P.S. quando le stesse multe le fanno Polizia o Carabinieri com'è che non vi incazzate?........ :grr :grr
Ultima modifica di Kunta Kinte il 14/05/2006, 21:01, modificato 1 volta in totale.
Immagine

meglio fare una multa in meno che farne una sbagliata L.Ciccola

Avatar utente
luca comandini
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2575
Iscritto il: 19/03/2002, 1:37
Nome: Luca
Località: Savignano sul Rubicone, ForlìCesena, Romagna, Italia, Europa, Terra, Sistema Solare, Universo...
Contatta:

Messaggio da luca comandini » 14/05/2006, 20:59

quindi il mio amico ha pienamente ragione??
SicurAUTO.it - Informazione indipendente per la sicurezza e i consumatori
La più ricca fonte d'informazione sui Crash test, il Codice della Strada, la Garanzia Auto, le News Auto, la Guida Sicura e tanto altro ancora!

Welcome Sweden.... Volvo V40 D2, ex Ypsilon Twinair GPL

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 17 ospiti